Home | Territorio | Mancati fondi regionali post-alluvione nell’Alessandrino: i dubbi del M5S

ALLUVIONE, MIGHETTI (M5S): “FONDI REGIONALI, SOLO LE BRICIOLE PER ASTIGIANO ED ALESSANDRINO. LA REGIONE DISTINGUE TRA ALLUVIONATI DI SERIE A E DI SERIE B”

Mancati fondi regionali post-alluvione nell’Alessandrino: i dubbi del M5S

Oggi in Consiglio regionale abbiamo posto due semplici semplici alla Giunta regionale. A che punto siamo con il riconoscimento del Governo dello stato di calamità per le zone colpite in provincia di Astied Alessandria? E inoltre, i 10 milioni di fondi regionali sono stati assegnati prioritariamente ai territori delle province di Asti ed Alessandria come annunciato nel mese di dicembre dalla Regione?

Risultato? Panico tra i banchi dell’esecutivo. Il conciliabolo suscitato da questa semplice richiesta tra gli assessori Reschigna, Ferrero ed il Presidente Chiamparino, ci ha spinto ad essere subito sospettosi. Ancor più quando la Giunta ha deciso di non rispondere alla nostra domanda.

Abbiamo così scoperto che con determina n. 3867 del 23/12/2016 (in allegato), l’assegnazione dei famosi 10 milioni (scarsi) è già stata fatta, sotto silenzio e senza darne comunicazione. Scorrendo la tabella ed esercitando l’antica arte dell’addizione, l’ammontare degli stanziamenti per l’astigiano e l’alessandrino sarebbe di circa 1 milione e 800 mila euro.

Di nuovo una netta sproporzione rispetto ai fondi stanziati per Cuneo e Torino. Silenzi, vaghe promesse, rinvii e qualche briciola. Ecco cosa regala la Regione ed il Governo all’astigiano ed all’alessandrino. I fatti, ancora una volta, smentiscono i proclami sulle pagine di giornale. Smascherata la doppia faccia di questa maggioranza. A parole vicina agli alluvionati, nei fatti più vicini ad alcuni che ad altri. Per noi invece non dovrebbero esistere alluvionati di serie A e di serie B.

Paolo Mighetti, Consigliere regionale M5S Piemonte (Riceviamo e pubblichiamo)
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina