Home | Genova | ATP, il futuro del trasporto pubblico è a rischio

Situazione sempre più delicata per il tpl nella Provincia di Genova

ATP, il futuro del trasporto pubblico è a rischio

 Il futuro dell’ATP, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico nel territorio provinciale di Genova, è sempre più a rischio. Giovedì 2 si è tenuto infatti un lungo incontro tra l’azienda ed i rappresentanti di tutte le sigle sindacali dei trasporti (Fit-Cisl, Filt-Cgil, Uil Trasporti, Faisa Cisal, Usb Trasporti, ecc…). Com’è noto l’ATP sta vivendo, da ormai un paio d’anni, una crisi aziendale preoccupante, all’inizio del 2015 la Città Metropolitana di Genova riuscì a salvare l’azienda di trasporto pubblico grazie alla vendita dei locali dell’ex Provveditorato agli Studi, ma era evidente che si trattava di una “pezza” temporanea.

L’incontro del 2 febbraio tra le organizzazioni sindacali e l’amministartore delegato di ATP, Natalia Ranza, non ha risolto i gravi problemi che sta vivendo il servizio di trasporto pubblico locale genovese, al punto che non si è ancora riusciti ad avere un piano industriale. Sempre giovedì 2 si sono avute le dimissioni del sindaco di Torriglia, Maurizio Beltrami, dalla vicepresidenza di ATP S.p.A. L’amminsitratore delegato di ATP, Natalia Ranza, ha garantito ai giornali che il piano industriale sarà pronto a breve, previo pronunciamento dell’ANAC (Autorità Nazionale Anti Corruzione).

Lo scorso 7 gennaio è avvenuto quello che a molti è sembrato come l’inizio della fine per l’azienda di trasporto pubblico locale genovese, il bando per la cessione delle quote azionarie di ATP S.p.A., messe in vendita da Autoguidovie, è andato infatti deserto dopo i 45 giorni canonici. Nessuna società, nè italiana nè straniera, ha deciso infatti di provare ad acquistare il pacchetto azionario (corrispondente a quasi la metà delle azioni). Proprio riguardo a questo bando azionario pesa inoltre un ricorso fatto all’Autorità Nazionale Anti Corruzione da parte di Luca Pastorino, parlamentare ed ex sindaco di Bogliasco, che ha contestato la legittimità della gara.

Come si ricorderà, nel mese di dicembre, poco prima dell’inizio delle vacanze natalizie, i dipendenti di ATP hanno dato vita ad uno sciopero selvaggio durato cinque giorni, con enormi disagi per i numerosi pendolari del territorio provinciale.

La situazione rischia di precipitare in attesa di nuove notizie. Sul prossimo numero di marzo de L’Inchiostro Fresco ci sarà un ampio reportage sulla situazione di ATP.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina