Home | Inchiostrino | “(Non) voglio andare a scuola” in scena a Campomorone

Lo spettacolo del Teatro dell'Archivolto destinato ai ragazzi

“(Non) voglio andare a scuola” in scena a Campomorone

 Mercoledì 15 e giovedì 16 marzo il Comune di Campomorone, con la collaborazione dell’Istituto Comprensivo di Campomorone e Ceranesi organizza tre rappresentazioni dello spettacolo “(Non) voglio andare a scuola”.

Lo spettacolo è a cura del Teatro dell’Archivolto di Genova e vedrà la partecipazione di oltre duecento ragazzi nelle tre distinte rappresentazioni che si terranno alle ore 9:00 e alle ore 11:00 di mercoledì 15 e alle ore 11:00 di giovedì 16. “(Non) voglio andare a scuola” è uno spettacolo rivolto soprattutto ai ragazzi delle scuole e affronta il tema dell’istruzione.

Giorgio Scaramuzzo, regista dello spettacolo, parlerà di bambini e ragazzi che, ogni giorno, devono affrontare sacrifici inimmaginabili per andare a scuola. Jackson in Africa attraversa la savana stando attento a non trovare sul suo cammino leoni ed elefanti, Viki raggiunge a piedi la periferia di una grande metropoli attraverso distese fangose, Xiao Quiang deve essere trasportato tutte le mattine per chilometri dentro una cesta perché è disabile ed altre storie ancora.

Queste storie drammatiche verranno affrontate nello spettacolo attraverso il sorriso, a cui fanno da contrasto ironico i video dei nostri ragazzi che raccontano i mille motivi per cui sono stufi di andare a scuola tutti i giorni. Lo spettacolo vuole far riflettere le giovanissime generazioni su come l’accesso all’istruzione rappresenti l’unica possibilità di riscatto da situazioni sociali drammatiche. La scuola pubblica diventa quindi un rifugio, un trampolino ed una scommessa per tutti, da tutelare e sostenere.

Per qualunque informazione si può contattare il Comune di Campomorone al numero 010-7224314 oppure tramite il sito internet www.comune.campomorone.ge.it

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina