Home | Acqui | Il Premio Acqui Storia al traguardo dei cinquant’anni

L'edizione del 2017 celebra le nozze d'oro

Il Premio Acqui Storia al traguardo dei cinquant’anni

 Il Premio Acqui Storia, uno degli appuntamenti letterari più importanti a livello italiano taglia quest’anno il traguardo dei cinquant’anni.

Per l’edizione 2017 potranno concorrere al premio le opere pubblicata da autori italiani e stranieri che abbiano come tema argomenti storici dal XVIII secolo ad oggi (per le sezioni storico-scientifica e divulgativa) e su argomenti storici di qualsiasi epoca (per la sezione romanzo storico).

Le case editrici potranno inviare le opere concorrenti entro il 31 maggio, tra le opere giunte i giurati individueranno entro luglio i cinque finalisti per ognuna delle tre sezioni e, il vincitore, otterrà un premio pari a 6500 Euro.

Il Premio Acqui Storia mette in gara pubblicazioni a tematica storica o che comunque affrontano argomenti legati alla storia. Alle tre giurie accademico-scientifiche si affianca un gruppo di sessanta lettori che esprimeranno una valutazione sui volumi che accedono alla fase finale del Premio. Con il bando 2017 vi saranno anche due premi speciali ovvero “La storia in TV” e “Testimone del tempo”.

La cerimonia di consegna si terrà ad Acqui Terme il 14 ottobre. La manifestazione nacque per ricordare il sacrificio degli ufficiali e dei soldati italiani della Divisione Acqui a Cefalonia ed è oggi uno dei premi letterari più importanti del panorama italiano avendo ottenuto, nei suoi cinquant’anni di storia, il patrocinio del Presidente della Repubblica e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Nella serata del 10 marzo, inoltre, sono stati eletti i nuovi rappresentanti dei lettori, Chiara Fogliati per la sezione storico-divulgativa e Roberto Capra per la sezione storico-scientifica che affiancheranno Claudio Bonante per la sezione romanzo storico.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina