Home | La posta de L'inchiostro fresco | Novi Ligure, la maggioranza chiarisce sulla vicenda scuole

Relativa alle Scuole Martiri della Benedicta e Istituto Oneto

Novi Ligure, la maggioranza chiarisce sulla vicenda scuole

 Riceviamo e pubblichiamo la lettera giunta in redazione dalle forze che compongono l’attuale maggioranza del Comune di Novi Ligure in merito alle questioni relative alle Scuole Martiri della Benedicta e Oneto:

Gentili Genitori della Scuola Martiri della Benedicta e dell’Istituto Oneto,

Vi ringraziamo per i Vostri suggerimenti e apprezziamo la Vostra attenzione verso le esigenze didattiche e formative dei Vostri figli. Oltre a scusarci per le incomprensioni che possono essersi ingenerate, riteniamo utile mettere da parte le polemiche, per ragionare, tutti insieme, su cosa sia stato fatto e su ciò che si farà. La  discussione sull’accorpamento è stata aperta nella Commissione Consigliare del 9 febbraio nel corso della quale la proposta fu accolta positivamente da tutte le forze politiche, opposizione inclusa. Se avrete modo di leggerne il verbale,  troverete che, “Il consigliere Porta spera che questo progetto venga presentato agli insegnanti e che venga portato il prima possibile in Consiglio Comunale. […] Il consigliere Porta chiede quali spazi saranno destinati a laboratori dopo il trasferimento delle classi dell’Oneto e ritiene inaccettabile un  possibile  snaturamento  delle  nuove  Martiri,  cosa  che  trova  d’accordo  anche  lo  stesso  assessore Bergaglio”; che secondo il Consigliere Gallo: “[…]tutti i lavori per la messa in sicurezza delle scuole non sono più  rinviabili.  […]  Il  consigliere  Gallo  è  sicuramente  ed  ovviamente  favorevole  ad  una  spesa  per  il miglioramento delle scuole. A livello insegnanti non cambierà nulla e questi interventi non possono essere più procrastinati”; che “[…] Il consigliere Chirico è convinto che questo sia un problema vecchio che avrebbe dovuto essere affrontato già alcuni anni fa”.

Potrete, quindi, comprendere la sorpresa nostra nel sentirci attaccati – in Vostra presenza – da quelle stesse persone che, poco prima, avevano accolto positivamente il progetto.

In effetti, è difficile essere contrari (a prescindere), in quanto l’idea tiene conto del fatto che l’Istituto Oneto, oggi, necessita di un intervento di manutenzione stimato in circa 443.000 Euro. Nell’anno scolastico 2017/2018, ospiterebbe soltanto 7 classi su 14 aule disponibili con una spesa di gestione (riscaldamento e altre utenze) per circa 50.000 euro annui. Contestualmente, la scuola MARTIRI DELLA BENEDICTA, ospiterebbe appena 154 alunni, a fronte di una capienza massima di 265 alunni. Si è, poi, tenuto conto di un calo delle nascite, scese dai 228 nati del 2011 ai 181 del 2016 (dati che, se vorrete, potrete verificare presso l’Ufficio Anagrafe).

Partendo da quell’idea, dal conforto del parere positivo dell’opposizione del 9 febbraio e tenendo conto deiVostri dubbi e suggerimenti, l’Amministrazione ha affinato un progetto che, a breve, Vi sarà presentato.

Di esso possiamo anticipare che consentirà di mantenere gli attuali insegnanti, il personale ausiliario, il tempo pieno, i rientri pomeridiani, i laboratori e, a regime, di utilizzare l’aula polifunzionale Cabella – Angeleri per le attività di psicomotricità. La mensa Martiri sarà gestita attraverso doppi turni con preparazione, smantellamento e sanificazione, tra un turno e l’altro, garantendo la stessa qualità e la stessa temperatura dei cibi serviti, così come prevede la legge e, comunque, sotto il costante monitoraggio della Commissione  Mensa  (composta  da  Vostri  rappresentanti).  Se  avrete  dubbi  o  perplessità  su  questa soluzione, saremmo lieti se gli stessi potessero essere risolti dialogando, senza preconcetti da ambo le parti.

Consapevoli delle Vostre esigenze è allo studio un sistema per la gestione del traffico in corrispondenza degli orari di entrata e di uscita dagli studenti e per un servizio di trasporto pubblico ad hoc e per la realizzazione di posti auto nell’area occupata dalle “vecchie” Martiri.

Infine, gli studenti delle classi quinte (ex) Oneto seguiranno le proprie lezioni presso la scuola primaria di secondo grado Boccardo. Per loro, si prevede, in accordo con CIT, di organizzare un sistema di trasporto pubblico finalizzato da e verso la nuova sede e l’istituzione di un nuovo punto mensa.

Cari Genitori, poiché i Vostri figli sono, in molti casi, nostri figli o nipoti, ci auguriamo che questa nostra lettera possa servire a distendere gli animi e ci aiuti a proseguire, con Voi, una serena discussione per raggiungere un obiettivo comune: l’educazione e l’istruzione dei bambini di Novi Ligure.

A Vostra disposizione.

Matteo Morando (PD) – Paride Saldarelli (20 per Novi) – Adriano Reale (PSI) – Camillo Acri (Noi Per Novi) – Paolo Moncalvo (In campo per Novi)

Lettere alla Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

7 commenti

  1. Antonella Amalfitano

    Gentile direttore, il suo lavoro è fare informazione. I titoli clowneschi del giornale di Novi non sono informazione, anzi un insulto alla sensibilità ed alle preoccupazioni dei genitori Scuola Martiri ed Istituto G.Oneto, che insieme collaborano.Faccia invece sopralluoghi, chieda ai diretti interessati.La nostra petizioneé assolutamente apartitica e apolitica. Si volti direttore, e guardi chi c è dietro di lei. Da qui si vede benissimo. Cordialmente Amalfitano Antonella

    • Fabio Mazzari

      Buonasera sig.ra Amalfitano, non capisco il tono livoroso del commento, in particolare riferito a questo articolo.
      In redazione ci arrivano ogni giorno diversi comunicati dalle amministrazioni comunali della Provincia di Alessandria e della Provincia di Genova, tutti quelli più importanti, tra cui appunto quello in questione, vengono pubblicati.
      Se ha fatto caso abbiamo pubblicato come “riceviamo e pubblichiamo”. Non capisco il titolo clownesco visto che, una volta letto il comunicato, come sottoscritto ho scelto “la maggioranza risponde sulla vicenda scuole” visto che era appunto un comunicato delle forze che sostengono l’attuale maggioranza di Novi Ligure.
      Il nostro giornale ha la sede a Novi Ligure ma la maggior parte dei suoi collaboratori, tra cui il sottoscritto, non vi risiedono, perciò non siamo a diretta conoscenza di tutto ciò che accade nel territorio cittadino.
      Le posso comunque assicurare che il nostro giornale non ha finanziamenti e non è collegato all’amministrazione di Novi Ligure.
      Rimaniamo disponibili per qualunque tipo di chiarimento sulla questione delle scuole.

      • Antonella Amalfitano

        Qui sono in gioco diversi, importanti aspetti che riguardano tutta la cittadinanza. Si può perdere un edificio scolastico storico perché troppo costoso da riscaldare o per il calo demografico? Le aule in eccesso possono essere adibite a corsi professionali, asilo nido e quante altre cose! Senza snaturare il lascito di Carlotta Oneto. La ristrutturazione non appare cosí costosa. Andate a visitare l Istituyo Oneto, che potrebbe serenamente vivere un’ altro secolo. Poi andate a visitare la scuola Martiri. Cordialmente

  2. Antonella Amalfitano

    Sono disposta ad incontrarla personalmente, se ritiene importante la nostra voce che non é della maggioranza o minoranza. É la nostra voce

    • Mattia Nesto

      Gentilissima Antonella Amalfitano farebbe piacere anche a noi poterla conoscere e confrontarci. La nostra redazione, sita in via Giacometti 51 a Novi Ligure. Per eventuali contatti via mail il nostro indirizzo redazione@inchiostrofresco.it e per contatti telefonici 0143 46569

  3. Antonella Amalfitano

    Continuate a parlare di opposizione e maggioranza, di assessori e consulenti…basta!
    La comunicazione doveva essere fatta molto prima di febbraio. Riuscirete ad ampliare le Scuole Martiri? Perché volete liberarvi così in fretta dell I . Oneto? Cosa c è dietro? Nessuno può assumersi la responsabilità di far stare i bambini in Scuole non sicure al 100%. L aula ludica delle scuole Martiri, indispensabile per il graduale inserimento delle prime e delle seconde classi, verrà divisa per acquistare spazio. I bambini più piccoli avranno molte difficoltà ad inserirsi in una scuola sovraffollata. Ma già, voi che ne sapete?

  4. Antonella Amalfitano

    Sarò lieta di incontrarla, a presto

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina