Home | La posta de L'inchiostro fresco | M5S Liguria: giù le mani da AMT, deve restare pubblica

Il MoVimento 5 Stelle interviene in merito alla proposta di privatizzazione

M5S Liguria: giù le mani da AMT, deve restare pubblica

 Riceviamo e pubblichiamo la lettera giunta in redazione da parte del MoVimento 5 Stelle della Liguria in merito alla proposta di privatizzazione di AMT a Genova:

“Amt non si tocca. Giù le mani dei privati dal trasporto pubblico. Pronti a chiedere la convocazione urgente in Commissione Trasporti della dirigenza Amt e di tutti i rappresentanti sindacali dei lavoratori, con la presenza categorica dell’assessore Berrino, il cui ruolo deve essere anche quello di vigilare sul modo in cui vengono investiti i fondi pubblici che le aziende di trasporto liguri ricevono direttamente dalla Regione.”

Lo annuncia Marco De Ferrari, portavoce del MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria, in seguito all’annuncio della Giunta Comunale genovese di affidare all’esterno la gestione di altre 9 linee collinari, dopo le esternalizzazioni di pochi mesi fa.

“Il servizio pubblico a Genova è sotto attacco – sottolinea De Ferrari – dai rifiuti al trasporto pubblico, la volontà di questa vecchia classe politica è di privatizzare tutto il privatizzabile, prima che i cittadini possano finalmente tornare ad esprimersi alle urne e riprendersi in mano la propria città, in ostaggio di lobby, società private e dei loro rappresentanti nelle istituzioni

“Il giorno dopo lo sciopero di Amt (con un’adesione quasi totale dei lavoratori) – prosegue il portavoce M5S – la Giunta Doria, invece di recepirne le istanze, fa l’ennesimo regalo agli amici degli amici. Con conseguenze potenzialmente disastrose.  Le esternalizzazioni aggravano i problemi, spesso in modo irreversibile, anziché risolverli. Un esempio su tutti: Padova, dove il sindaco leghista (col sostegno del Pd) ha avviato la privatizzazione del trasporto pubblico in nome di un presunto risparmio. Risultato? Assenza totale di manutenzione e guasti frequenti; nuove esternalizzazioni delle linee secondarie; contratti inadeguati per i dipendenti e nessun controllo di idoneità al servizio; zero nuove assunzioni e blocco del turnover; mai arrivati i nuovi mezzi promessi all’insediamento. Insomma un disastro su tutta la linea. O tutte le linee (privatizzate!).”

“Noi, come MoVimento 5 Stelle abbiamo un’idea di sviluppo sostenibile, che garantisca e potenzi un trasporto esclusivamente pubblico, dalla valenza sociale nel pieno rispetto di ambiente e salute e che sia dalla parte dei cittadini e dei lavoratori – conclude De Ferrari – Comune, Città Metropolitana e Regione facciano la loro parte per mantenere il trasporto esclusivamente pubblico e garantire nuove assunzioni e dignità a utenti e lavoratori!”

MoVimento 5 Stelle Liguria

 

Lettere alla Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina