Home | Entroterra Genovese | Busalla, in scena “Il mio amico Pinan”

Il Teatro della Juta porta sul palco una storia legata alla Resistenza

Busalla, in scena “Il mio amico Pinan”

 Il Comune di Busalla, in occasione delle ricorrenze per il 25 aprile, ricorda uno dei suoi concittadini più illustri che partecipò alla guerra di Liberazione contro l’occupazione nazista: Giuseppe Salvarezza, per tutti “Pinan” che nacque nella frazione di Sarissola, Medaglia d’oro al Valor Militare alla Memoria.

Per ricordare questa importante figura l’Assessorato alla cultura del Comune di Busalla presenterà, lunedì 24 aprile alle ore 21:00 nei locali della biblioteca civica “Bertha von Suttner” con ingresso gratuito lo spettacolo “Il mio amico Pinan”. Lo spettacolo è realizzato con la collaborazione del Teatro della Juta di Arquata Scrivia, che vedrà recitare Simone Guarino, Christian Catto, Christian Primavera ed Enrica Gigli con la regia di Enzo Ventriglia.

Lo spettacolo è nato lo scorso anno grazie alla collaborazione tra la l’ANPI – Sezione “Brigata Oreste” di Arquata Scrivia e Grondona e l’Associazione Commedia Community. Il testo dello spettacolo è tratto da un testo originale dello scrittore arquatese Claudio Balostro e racconta con brio,  attraverso testi e canzoni dell’epoca cantate dal vivo,  la storia di alcuni componenti del “Battaglione Franchi” della “Brigata Oreste” di cui, Pinan era comandante all’età di soli vent’anni.

All’interno dello spettacolo l’attenzione viene focalizzata soprattutto sulle emozioni che provavano i giovani combattenti per la libertà, alcuni invecchiati nel ricordo di quegli anni, altri scomparsi troppo presto.

Per  qualunque informazione si può contattare la Biblioteca “Bertha Von Suttner” di Busalla al numero 334-6651952 oppure il Teatro della Juta tramite Cristina Storaro (349-7823713) e Vincenzo Ventimiglia (345-0604219).

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina