Home | Entroterra Genovese | Alberto Podestà presenta il progetto “Albysola”

Ispirato alla lito-latta creata dall'industriale Vincenzo Nosenzo

Alberto Podestà presenta il progetto “Albysola”

 Giovedì 18 maggio, alle ore 18:00 verra’ presentato ufficialmente al pubblico, presso la Galleria d’arte “Spazio 46” di Palazzo Ducale a Genova, il nuovo progetto artistico di Alberto Podestà dal titolo “Albysola”.

Come si puo’ intuire dal nome, il progetto richiama le celebri ceramiche di Albisola, che hanno fatto conoscere il nome della cittadina della Provincia di Savona in tutto il mondo. Il progetto di Podestà si rifa’ alla “lito-latta” inventata dal Cav. Vincenzo Nosenzo, industriale savonese che venne utilizzata da diversi artisti futuristi legati a Tullio D’Albissola, tra qui uno degli esponenti più famosi e conosciuti di questa corrente artistico-letteraria: Filippo Tommaso Marinetti.

La sigla lito-latta venne lanciata sul mercato negli anni Trenta dall’industriale Vincenzo Nosenzo (Savona 1887- Loano SV 1977), produttore di scatole metalliche per conserve alimentari stampate in litografia, ovvero attraverso l’utilizzo di torchi con pietre litografiche come matrici. Questa tecnica che mescolava insieme diverse competenze e ambienti rese estremamente affascinante la ricerca futurista. Il sistema della lito-latta, riadattato, viene utilizzato ancora oggi come variante della stampa offset.

Alberto Podesta’ e’ uno dei personaggi piu’ ecclettici della Valpolcevera: designer, art director e creativo (vedi il nostro servizio sui “Mobili impossibili”) si è cimentato anche nella scrittura, con i romanzi “Il mistero della Tavola Bronzea, Quel fisico di Govi e il recente “Mignanego si dice che…”, e’ inoltre l’ideatore della maschera Procobera, a lungo simbolo dell’Expo Valpolcevera.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina