Home | Magazine | Mons. Viola in visita pastorale alla Università delle 3 età di Tortona

Seconda settimana dedicata alla conoscenza della Città e della Diocesi

Mons. Viola in visita pastorale alla Università delle 3 età di Tortona

Università delle tre età. Visita Pastorale di Vittorio Viola

Mons. Vittorio Viola e Marica Storini

Giunte alla seconda settimana, le visite pastorali di sua Eccellenza il Vescovo di Tortona, questo pomeriggio sono state alla Università delle tre età di Tortona.

Il Vescovo ha fatto un veloce preambolo in cui ha espresso la sua ammirazione per questa realtà significativa della città ed ha poi lasciato subito la parola alla sala gremita.

La Presidente Marica Storini ha ricordato ai presenti la storia dell’Università delle tre età che è nata 30 anni fa con l’aiuto della Diocesi. Allora erano 40 gli associati che oggi sono più di 600, non tutti sono della terza età, sempre più persone ancora giovani frequentano questo luogo che vuole aprirsi ad arte e cultura, anche verso l’esterno. Ogni settimana sono organizzate due conferenze aperte a tutti ed è in continuo aumento il numero di laboratori, tra cui quelli linguistici che sono molto frequentati anche da stranieri.

Alla domanda del Vescovo su quali fossero i laboratori più “gettonati” la risposta è stata quasi all’unisono: “quelli di informatica“. Molto apprezzati sono anche i laboratori artistici e teatrali. Ogni anno accademico si chiude con la rappresentazione teatrale che quest’anno sarà il 18 maggio al Mater Dei di Tortona. Un cast di ben 15 attori porterà in scena “La visita della vecchia signora” di Friedrich Durrenmatt”.

Molte signore del pubblico si sono presentate e hanno raccontato con emozione la loro storia, legata all’Unitre e a Tortona. Alcune di loro sono immigrate in giovane età e da allora sono diventate a tutti gli effetti “Tortonesi d’adozione“. A loro il Vescovo ha chiesto come si fossero trovate con il dialetto, quello tortonese che lui capisce essendo piemontese di nascita, è nato in Provincia di Biella, ma da parlare è molto difficile.

“Voi siete una risorsa per questa città – ha continuato Vittorio Francesco Viola rivolto a tutti – la vostra voglia di imparare e conoscere è rivolta al futuro, allo stare insieme. Stando insieme costruiamo la nostra città. Tortona ha tante cose buone, tante risorse. Se noi riusciamo a connettere le risorse, a stare insieme, ognuno diventa un dono per gli altri. Mettendosi insieme i doni non si sommano, si moltiplicano“. Secondo il parere del Vescovo la città di Tortona è più viva di come la descriviamo.

La presidente Storini non s’è lasciata sfuggire l’occasione di invitare Mons. Viola alla conferenza di apertura del prossimo Anno Accademico, che sarà il 2 ottobre.

La discussione si è protratta per più di un’ora in cui il nostro Vescovo ha avuto modo di raccontare, come testimone oculare, il terremoto che ha colpito Assisi nel 1997. “Il terremoto è una esperienza dolorosa, ha detto, ma che dà un senso di provvisorietà che può insegnare molto su quali sono i veri valori della vita”.

Prima dei saluti finali la comunità si è raccolta in una preghiera finale, il “Padre Nostro“.

Claudio Cheirasco
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina