Home | Sport | Un Calcio Tortona epico sfiora la qualificazione

La Clodiense riesce a passare solamente ai rigori

Un Calcio Tortona epico sfiora la qualificazione

 Quella che vi stiamo raccontando è una di quelle partite che sembrano perse ed invece, con il cuore, sono recuperate e solo gli undici metri hanno impedito una qualificazione da favola.

Il Calcio Tortona, battuto 2-0 sette giorni fa al “Cucchi”, si presenta in laguna senza timore, studia l’avversario nel primo tempo e poi lo azzanna due volte, con Clementini e Rolandone; il vantaggio bianconero è una perla rara, tiro a giro dove Tibaldi non puo’ arrivare, il raddoppio di Rolandone è la voglia di tornare a ruggire, la volontà di allungare un match che alla vigilia nessuno, tra i tifosi piu’ irriducibili, dava per riaperto.

Purtroppo la favola non ha avuto un lieto fine ma ha confermato che questa squadra merita una categoria superiore solo per quanto fatto vedere a Chioggia; il destino ha voluto che dal dischetto sbagliassero i due marcatori e Farina, autentico trascinatore da quel 4 dicembre, quando cioe’ ha finito di scontare la squalifica; anche tra i veneti hanno sbagliato i due marcatori del “Cucchi”, un dato statistico anomalo che pochissime volte si è manifestato.

Il viaggio di ritorno è amaro e i commenti sono tutti incentrati su una finale che i nostri non potranno giocare:”Siamo stati eroici ma purtroppo il dischetto ci ha puniti, commenta Fulvio Sacchetti, tutti noi ci abbiamo creduto, nel primo tempo abbiamo studiato l’avversario, nella ripresa siamo riusciti ad impattare il punteggio dell’andata; meritavamo di passare..”.

In lontananza si intravede il casello di Verona Est, Marco Murriero scorge l’iper “Le corti venete” poi commenta:” Oggi siamo stati fantastici, dopo un primo tempo con poche occasioni nella ripresa li abbiamo aggrediti; nessuno ci credeva dopo la sconfitta dell’andata, nessuno tranne noi, abbiamo sfiorato il miracolo”.

Arrivano i caselli di Peschiera e Sirmione, Riccardo Clementini è mosso da sentimenti contrastanti: il suo eurogol ha dato il via alla rimonta poi però dal dischetto si è fatto parare il tiro:”Peccato, sottolinea, eravamo ad un passo dalla finale, il rigore?; l’ho’ angolato troppo; ai nostri tifosi dico grazie, ci hanno sempre sostenuto, anche nei momenti difficili”.

Gianluca Rolandone:” Dopo la gara d’andata tutti ci davano per morti, abbiamo ribaltato ogni pronostico, purtroppo il mio rigore è stato decisivo ma oggi usciamo con onore da un campo dove solo il Valpolicella aveva vinto”.

Francesco Musumeci, diesse, è visibilmente emozionato:” Una gara fatta da uomini veri prima che da giocatori; a fine gara li ho’ ringraziati uno ad uno, come diesse sono orgoglioso di avere questi giocatori; solo il dischetto ci ha negato il pass per la finale, complimenti comunque alla Clodiense, società seria che ci ha accolto molto bene”.

Massimiliano Pro, vicepresidente:”Partita straordinaria, bellissima, che vale una stagione, i ragazzi hanno dato tutto e anche di piu’; non era facile ribaltare lo 0-2 ma con il cuore e con il coraggio siamo riusciti a portarli oltre i novanta minuti; questo gruppo merita una categoria superiore all’eccellenza”.

Clodiense: Tibaldi, Arthur, Brentan, Conti, Abcha, Moretto, Abrefah, Malagò, Zambon, Pradolin, Cacurio

Tortona: Murriero, Mazzariol, Mazzocca, Magnè, Giordano, Sacchetti(Acrocetti), Manzati(Comi), Rolandone, Farina, Clementini, Lugano(Artioli)

Reti: 48 Clementini, 55 Rolandone

Sequenza rigori: Mazzocca(1-0), Abcha(1-0), Clemetini(1-0), D’Inca(1-1), Farina(1-1), Cacurio(1-1), Acrocetti(2-1), Moretto(2-2), Rolandone (2-2), Malagò (2-3)

Mario Bertuccio
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina