Home | Entroterra Genovese | Francesca Pasqualino: con “Vivere Ceranesi” una lista al di fuori delle logiche dei partiti

La candidata sindaco ci illustra il programma in vista delle elezioni

Francesca Pasqualino: con “Vivere Ceranesi” una lista al di fuori delle logiche dei partiti

 Domenica Ceranesi andrà al voto per decidere il successore di Mauro Vigo. A contendersi la carica di primo cittadino saranno Angelo Valcarenghi, Gerardo Altosole, Emanuela Molinari e Francesca Pasqualino, che abbiamo intervistato (sul nostro sito potete trovare le interviste agli altri tre candidati già pubblicate).

Francesca Pasqualino, 42 anni, sposata e madre di due figli si candida con la lista “Vivere Ceranesi”  riguardo ad essa ci spiega «siamo una lista civica completamente slegata dalle logiche di partito – spiega Francesca Pasqualino – i nostri principi che ci hanno portati a formare la lista  sono quelli del dialogo, della competenza, della passione, della trasparenza e della cooperazione. I valori della Costituzione e della democrazia si traducono nella condivisione del bene comune e nell’integrazione di ognuno nel tessuto sociale».

Come punto cardine del programma elettorale Francesca Pasqualino, presidente del consiglio d’istituto di Campomorone-Ceranesi mette quello della scuola «la scuola è il nostro futuro, è indispensabile secondo noi una stretta collaborazione tra l’Amministrazione comunale e l’Istituto comprensivo per formare al meglio i ragazzi – fa presente la candidata sindaco – vogliamo monitorare la sicurezza degli edifici scolastici e rivedere il trasporto scolastico per venire incontro alle esigenze delle famiglie delle diverse frazioni, istituendo uno “Sportello Scuola” all’interno del Municipio che diventi il punto di riferimento per le famiglie».

Passando poi al tema dei servizi la lista “Vivere Ceranesi” Francesca Pasqualino illustra i diversi punti del suo programma elettorale «innanzi tutto vogliamo cercare di ridurre al minimo i tempi della burocrazia, che hanno ostacolato per troppo tempo l’azione dei piccoli comuni come il nostro – dice la candidata sindaco – sarà fondamentale attivare il nuovo piano dei rifiuti approvato dalla giunta uscente, realizzando un sistema misto tra porta a porta e raccolta di prossimità, è fondamentale raggiungere percentuali in linea con  le realtà più sviluppate». Vivere Ceranesi punta anche sul tema dell’ambiente «vogliamo rinnovare il sistema di illuminazione pubblica utilizzando la tecnologia a led, più economica e rispettosa dell’ambiente e implementare la rete fognaria attraverso un’apposita richiesta alla Città Metropolitana». Una grande novità sarà «la creazione di una rete di cittadini di riferimento che, con attività di monitoraggio, segnaleranno le proposte e i suggerimenti per le varie frazioni del nostro territorio comunale alla nuova amministrazione per tenerla sempre aggiornata; questo soprattutto vista la dislocazione del nostro comune in un territorio molto vasto».

Riguardo all’urbanistica Francesca Pasqualino ci dice «dobbiamo ridefinire il Piano Urbanistico Comunale, ponendo l’attenzione sulle aree a rischio di dissesto idrogeologico. Dobbiamo privilegiare il recupero dell’esistente anziché costruire, per ridurre il consumo del suolo, troppo spesso causa di disastri prevenibili. Proprio per questo – evidenzia Francesca Pasqualino – dobbiamo puntare molto sul volontariato, che può andare dalla prevenzione degli incendi, alla pulizia delle aree boschive, fino a piccole attività che rendono più gradevole vivere a Ceranesi».

Infine parlando del tema dell’unione dei comuni la posizione di Francesca Pasqualino è «l’unione potrà darci sicuramente dei vantaggi, dobbiamo aiutarci tra comuni limitrofi e con caratteristiche e problematiche simili, ci sono molti servizi che si possono e si devono associare. Per una fusione tra i cinque comuni dell’alta Valpolcevera forse è ancora presto, bisogna procedere passo dopo passo».

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina