Home | Valle Stura e Val d'Orba | Crevari Invade, 25 anni di focaccette e solidarietà

da venerdì 23 al 25 giugno tre giorni di musica, solidarietà e gastronomia locale a Campenave

Crevari Invade, 25 anni di focaccette e solidarietà

Un quarto di secolo di Crevari Invade: un traguardo importante per uno dei più grandi eventi del ponente genovese, che ha fatto della solidarietà, della musica rock e della gastronomia locale un mix vincente per attirare tantissimi giovani (e non) sulle colline di Campenave, lungo le antiche crose di Crevari, nel ponente genovese; una piccola realtà che ogni anno accoglie centinaia e centinaia di persone pronte a festeggiare l’inizio dell’estate con birra, concerti e soprattutto tanta solidarietà.

Sì, perché Crevari Invade è soprattutto solidarietà: negli anni infatti la manifestazione ha raccolto fondi per acquistare macchinari all’avanguardia per gli ospedali e materiali per la creazione di un’aula multimediale della scuola di Crevari; per quanto riguarda il territorio, sono stati raccolti fondi anche per la manutenzione della strada della Brigna in parte danneggiata negli scorsi eventi alluvionali. 

Musica, Focaccette e birra, come ogni anno, saranno i protagonisti indiscussi di questa rassegna; tanti gruppi rock (ma non solo), le “focaccette di Crevari”, famose anche fuori dalla zona, e tanta birra faranno di Campenave una piccola “Woodstock” della musica e della gastronomia: la lunga creuza che da Crevari porta all’Anpi di Campenave fino su nei “bricchi” sembra non finire mai, ma ogni volta per molti ragazzi delle nostre delegazioni infatti è l’appuntamento più atteso dell’anno, che coincide con la chiusura delle scuole e con l’inizio dell’estate.

RIPRODUZIONE RISERVATA.

Matteo Serlenga
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina