Home | Territorio | I nuovi sindaci nel Genovesato e nell’Alessandrino

I verdetti usciti fuori dalle urne

I nuovi sindaci nel Genovesato e nell’Alessandrino

 Ieri si è tenuto, come è noto, il turno di elezioni amministrative in tutta Italia che ha visto andare al voto oltre mille comuni sparsi in tutta la penisola.

Come ormai si sa nei “nostri” capoluoghi, Genova ed Alessandria, ci sarà un ballottaggio “vecchio stile” che vedrà contrapporsi a Genova Marco Bucci (Forza Italia) contro Gianni Crivello (Partito Democratico) e ad Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco (Forza Italia) contro Rita Rossa (Partito Democratico). Un esito delle urne abbastanza sorprendente, in quanto in entrambe le città si respirava malcontento verso le amministrazioni uscenti e, nel contempo, è molto forte la questione legata al terzo valico ferroviario.

Questo mix faceva pensare ad un risultato molto alto per il MoVimento 5 Stelle, dato quasi sicuro al ballottaggio, cosa che invece è stata smentita poi, abbstanza clamorosamente, dalle urne. Ballottaggi apertissimi, dove in entrambi i casi saranno i voti dei candidati civici (Paolo Putti e Marica Cassimatis a Genova, Oria Trifoglio ad Alessandria) a fare la differenza.

Ma, insieme ai due capoluoghi sono andati al voto numerosi comuni interni che hanno visto rinnovarsi o riconfermare i sindaci uscenti.

Il comune più importante era sicuramente Acqui Terme, dove si dovrà aspettare il ballottaggio del 25 giugno per sapere chi sarà il nuovo sindaco. A sfidarsi saranno Enrico Silvio Bertero del centrodestra (45.6%) e Lorenzo Lucchini del MoVimento 5 Stelle (27.6%). Rimane fuori Italo De Lorenzi del centrosinistra, fermo al 26.7%.

Ad Alice Bel Colle il nuovo sindaco è Gianfranco Martino, della lista civica Uniti per Crescere che ottiene il 59.1% contro il 40.9% di Fabrizio Massa (Insieme si può).

Carezzano elegge il nuovo sindaco, Luigi Prati della lista “Insieme a Prati per Carezzano” che ottiene il 58.9% contro il 41.1% dello sfidante Franco Guernier (Insieme per Carezzano).

Carrosio vede la conferma nettissima del sindaco uscente, Valerio Cassano (Per Carrosio) con il 81.7% dei voti contro appena il 18.3% dello sfidante Pietro Odino (Alternativa Civica).

Nel piccolo comune di Gavazzana la sola lista presente, di Claudio Acerbi (Per Gavazzana) supera il rischio quorum con il 64.5% di votanti.

A Molare, chiamato anticipatamente alle urne a causa della scomparsa del sindaco in carica Enrica Albertelli, a vincere è Andrea Barisone (Rivivere Molare) con il 55.8% contro il 44.2% di Francesco Bisio (Lista Bisio).

Conferma del sindaco uscente a Serravalle Scrivia, dove Alberto Carbone (La forza del buonsenso) vince la sfida a quattro con il 33.2% contro Anna Maria Massone (Serravalle Futura), Tommaso Francesco Scaiola (Serravalle Volta Pagina) e Pasquale Vecchi (Rinascita).

Spostandoci nella Provincia di Genova, ad Arenzano è sindaco per la quarta volta Luigi Gambino (Insieme per Arenzano) in una sfida a cinque con Daniela Tedeschi (Apertamente Arenzano), Maurizio Annitto (Vince Arenzano), Sabrina Traverso (MoVimento 5 Stelle) e Gabriele Bitetti (Arenzano nel Cuore).

Ceranesi, di cui ci occuperemo nel dettaglio, vede la vittoria di Emanuela Molinari (Ceranesi Bene Comune) con il 33.7% dei voti nella sfida a quattro contro Gerardo Altosole (MoVimento 5 Stelle), Francesca Pasqualino (Vivere Ceranesi) e Angelo Valcarenghi (Legalità Solidarietà per Ceranesi).

A Rovegno il sindaco uscente Bruno Pepi (Ripensiamo Rovegno) si ferma al 15.9% ed abdica, il nuovo sindaco è Giuseppe Isola, già primo cittadino dal 2002 al 2012 che ottiene il 38.4%, davanti a Celestino Guarnieri (Per Rovegno) e Alberto Campora (Una Valle in Comune) che si fermano al 22.8%.

Dalla redazione di Inchiostro Fresco congratulazioni e un in bocca al lupo a tutti i nuovi sindaci eletti!

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina