Home | Parchi | Capanne di Marcarolo, al via AppenninoLAB

Trenta studenti di Liguria e Piemonte alla scoperta dell'Appennino

Capanne di Marcarolo, al via AppenninoLAB

Ha preso il via oggi e andrà avanti fino a venerdì 22 la cinque giorni di “AppenninoLAB” giunta alla sua terza edizione, nel bellissimo contesto naturale del Parco delle Capanne di Marcarolo.

Trenta ragazzi, provenienti dalla Liguria e dal Piemonte, saranno coinvolti in un percorso di formazione tra sport e natura, scoprendo le risorse ambientali, economiche, sociali e culturali dell’Appennino.

AppenninoLab è promosso dalla Fondazione “Edoardo Garrone” di Genova con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale della Liguria.

I trenta ragazzi, tutti provenienti dai licei della Liguria e del Piemonte vivranno, in questa settimana, un’esperienza formativa a stretto contatto con la natura, approfondendo il tema della valorizzazione dell’Appennino i tutti i suoi ambiti.

Le lezioni e il confronto con gli esperti si alterneranno alle esperienze didattiche sul campo, alle attività sportive all’aria aperta in collaborazione con federazioni sportive aderenti al CONI e interventi di testimonial di eccezione, quali il climatologo Luca Mercalli e l’esperto della gestione del ciclo dei rifiuti Roberto Cavallo.

Le attività sportive comprenderanno orienteering nei boschi, mountain bike, tiro con l’arco, nordic walking e kayak. Cimentandosi in questi sporti i giovani scopriranno come anche l’attività sportiva è un’occasione per la conoscenza e la rivalutazione dell’ambiente montano.

L’obiettivo di AppenninoLAB è quello di trasmettere ai giovani l’idea che l’Appennino possa offrire opportunità professionali, grazie allo sviluppo di comparti economici come sport, turismo, cultura ed enogastronomia che verranno reinterpretati e supportati dalla tecnologia e dell’innovazione.

Il percorso didattico consentirà ai ragazzi di costruire un legame diretto con il passato, acquisendo insieme gli strumenti per rielaborarlo e proiettarlo verso il futuro.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina