Home | Alessandrino | L’arte delle rotonde, l’Alessandria che cambia

Inaugurata con l'accensione la prima opera di Marco Lodola

L’arte delle rotonde, l’Alessandria che cambia

Foto gentilmente concessa da Tony Fresina

 “Luci sulla città”, o meglio, sulle rotonde, come omaggio alla storia e alla cultura locale. Un biglietto da visita.

É stata accesa poco dopo le 21,30 di lunedì 17 luglio 2017, la prima opera d’arte del pavese Marco Lodola, nella rotonda di Corso Teresio Borsalino, all’inizio del “Cavalcavia” verso il quartiere Cristo. Una creazione dedicata al marchio del cappello Borsalino, ispirata al Cappellaio di Alice nel Paese delle Meraviglie.

Di meraviglie in Alessandria ce ne sono davvero poche, ma questo originale biglietto da visita potrebbe diventare una ventata di aria fresca con il sapore della novità. “Si tratta di una vera opera d’arte e non solo un arredo urbano. “Gli alessandrini possono così abituarsi all’arte in città”, ha affermato il Sindaco Gianfranco Cuttica presente all’inaugurazione.

Alla prima accensione anche il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria Pier Angelo Taverna che ha finanziato l’opera, l’artista pavese marco Lodola autore dell’istallazione luminosa e il critico d’arte Luca Beatrice.

L’opera, alta otto metri, ha attratto parecchi commenti, da parte di chi l’ha apprezzata, da chi ne è rimasto deluso e da chi l’ha un po’…contestata. Alcuni, forse, non sono ancora “abituati” ad un tipo di arte contemporanea, con sfumature pop, realizzata con materiali moderni e d’avanguardia come il perspex e il neon. Quello che è certo è che, il “Cappellaio” non resterà solo a lungo, già a settembre è prevista, anche se un po’ lontana, un’altra opera di Marco Lodola, che sarà collocata all’altezza della rotonda di Marengo.

Napoleone su un cavallo rampante che potrebbe dare il benvenuto al centro, vicino al “suo” platano.

Daniela Balestrero
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina