Home | Alessandrino | Riso e pasta, etichettatura a sostegno delle produzioni italiane

La soddisfazione da parte di Confagricoltura

Riso e pasta, etichettatura a sostegno delle produzioni italiane

Confagricoltura ha accolto con favore la firma da parte dei ministri delle Politiche agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo economico Carlo Calenda dei due decreti interministeriali che introducono la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura per il riso e la pasta, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari.

“E’ un chiaro di segnale di sostegno alle produzioni agroalimentari del nostro Paese – commenta il presidente di Confagricoltura Alessandria Luca Brondelliche si distinguono per qualità e sicurezza e che devono puntare sempre più sull’internazionalizzazione, anche attraverso accordi commerciali che rimuovono ostacoli e barriere tariffarie, e con regole chiare e trasparenti”.

Confagricoltura ha accolto con favore la firma da parte dei ministri delle Politiche agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo economico Carlo Calenda dei due decreti interministeriali che introducono la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura per il riso e la pasta, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari.

“E’ un chiaro di segnale di sostegno alle produzioni agroalimentari del nostro Paese – commenta il presidente di Confagricoltura Alessandria Luca Brondelli – che si distinguono per qualità e sicurezza e che devono puntare sempre più sull’internazionalizzazione, anche attraverso accordi commerciali che rimuovono ostacoli e barriere tariffarie, e con regole chiare e trasparenti”.

Confagricoltura Alessandria
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina