Home | Val Trebbia | Fascia, cittadinanza onoraria a Don Pietro Cazzulo

In occasione del cinquantennale dell'ordinazione sacerdotale

Fascia, cittadinanza onoraria a Don Pietro Cazzulo

 Il Comune di Fascia ha conferito la cittadinanza onoraria a Don Pietro Cazzulo. Il piccolo comune della Val Trebbia ha colto l’occasione nella celebrazione del cinquantesimo anniversario dell’ordinazione sacerdotale di Don Pietro. Il conferimento della cittadinanza è avvenuto in data 17 giugno con voto unanime da parte del consiglio comunale di Fascia.

«Questo non è solo un pezzo di carta, ma rappresenta l’attestazione del grande affetto che tutta la nostra comunità nutre verso di Lei – ha esordito il Sindaco di Fascia, l’avvocato Elvio Varnie costituisce un ringraziamento per la sua attività nei trentacinque anni in cui è stato il nostro Pastore, sempre presente nei momenti salienti della vita di tutti noi. Abbiamo voluto consegnarle l’attestato nella festa comune delle nostre tre Parrocchie – ha proseguito il primo cittadino di Fascia – proprio perchè la nostra gente potesse partecipare, più consapevolmente, a questo atto per noi importante. Grazie di cuore e ci benedica nel nome di nostro Signore».

La consegna della cittadinanza onoraria a Don Pietro Cazzulo è avvenuta il giorno 16 agosto in occasione della tradizionale festa unitaria delle tre Parrocchie presenti all’interno del territorio del Comune di Fascia, con tanto di pergamena ufficiale.

Dopo l’intervento del Cavaliere di Gran Croce, dott. Carlo Varni della Curia Tortonese, Don Pietro Cazzulo ha ringraziato il numeroso pubblico presente, attraverso un discorso commosso e appassionato, confermando il suo costante impegno a servizio dalla comunità della Val Trebbia.

 

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina