Home | Magazine | 87° Fiera del Tartufo, una partecipazione da record

Ad Alba pochi tartufi ma turisti da ogni parte del mondo

87° Fiera del Tartufo, una partecipazione da record

Nuova Zelanda, Canada, Svezia e Giappone. Bastano dieci minuti di sosta all’ingresso del cortile della Maddalena per capire quanto sia appropriato il termine «internazionale» applicato alla Fiera del tartufo inaugurata venerdì sera ad Alba. Ieri, al primo giorno di apertura del mercato delle trifole, la coda dei visitatori era già lunga e abbondantemente multilingue.

E dire che i tartufi, con questa siccità prolungata, continuano a scarseggiare. E i prezzi a salire: le quotazioni medie vanno dai 450 ai 500 euro l’etto e una «grattata» su un piatto di tajarin o di fonduta, nei padiglioni della Fiera, viene venduta a 35 euro. È la legge della domanda e dell’offerta, con la speranza che nelle prossime settimane qualche prodotto in più possa arrivare sul mercato, che ad Alba rimarrà aperto tutti i weekend (fino al 26 novembre) dalle 9,30 alle 20, offrendo il meglio dell’enogastronomia locale. Ma anche vere e proprie esperienze culinarie, con le «wine tasting experience» e i «foodies moments» in compagnia dei grandi chef italiani: oggi ai fornelli saranno protagonisti Andrea Berton e Andrea Larossa. 

Il Salotto dei Gusti e dei Profumi, è il padiglione temporaneo che raccoglie il meglio delle eccellenze agroalimentari piemontesi e guida i visitatori a conoscerle attraverso esperienze sensoriali, laboratori e percorsi didattici.

Galleria fotografica

G.P.M.
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina