Home | Alessandrino | Tortona e Tortonese | Tortona, le precisazioni del Comune riguardo al tema accattonaggio

L'amministrazione comunale risponde alle critiche delle opposizioni

Tortona, le precisazioni del Comune riguardo al tema accattonaggio

 L’Amministrazione comunale, al di là di ogni sterile polemica o inutili atteggiamenti populistici, che stanno caratterizzando sistematicamente gli interventi della minoranza consigliare e che hanno come unico effetto quello di creare confusione ed allarmismo, ritiene doveroso effettuare alcune precisazioni in merito ai fenomeni dell’accoglienza dei migranti e dell’accattonaggio in Città.

E’ assolutamente doveroso farlo perchè i cittadini devono avere informazioni corrette e per il rispetto che riponiamo nel quotidiano impegno della Polizia municipale e di tutte le Forze di polizia che operano per la sicurezza del nostro territorio.

In particolare, circa i progetti di accoglienza dei richiedenti asilo, l’Amministrazione comunale ha richiesto con fermezza alla Prefettura di Alessandria di non voler dar corso a nuove assegnazioni nella città di Tortona per poter garantire adeguati percorsi di inserimento e inclusione di queste persone.

Quanto, invece, al fenomeno dell’accattonaggio in città, non si può dimenticare che il Sindaco di Tortona è stato tra i primi in Italia ad aver dato applicazione agli strumenti previsti dalle disposizioni Minniti sulla vivibilità urbana adottando l’ordinanza n. 90 del 12 maggio 2017 per il contrasto, tra l’altro, al fenomeno dell’accattonaggio molesto.

Numerosi sono stati i controlli e le identificazioni effettuati dalla Polizia municipale in applicazione di tale provvedimento e 30 le sanzioni comminate.

Dei soggetti sanzionati oltre la metà sono risultati richiedenti asilo e, di questi, solo uno inserito in progetto di ospitalità in Tortona.

Tutti gli ulteriori soggetti, identificati sono risultati provenienti da Città limitrofe.

Tutti i soggetti sono stati segnalati alla Prefettura ed alla Questura di Alessandria per l’adozione dei provvedimenti di competenza, tanto nei confronti delle persone fermate quanto nei confronti di chi ha in carico questi soggetti in quanto aggiudicatari di gare di appalto per l’ospitalità dei richiedenti asilo.

Entro la fine dell’anno verrà proposto ai competenti organi il nuovo Regolamento di polizia urbana, aggiornato con particolare riferimento agli aspetti della sicurezza, vivibilità e decoro.

Si tratta di un regolamento del 1966 che non subisce aggiornamenti da molti anni il cui aggiornamento, pertanto, ha richiesto un significativo impegno tecnico da parte dei servizi di Polizia municipale e dell’Avvocatura e che si sta concretizzando in stretta sinergia con l’Assessorato competente e con la Presidenza della Commissione sicurezza.

Con particolare riferimento all’area mercatale, dal mese di ottobre si sta cercando di ottimizzare le poche risorse disponibili con una diversa organizzazione dei servizi, prevedendo una stretta sinergia tra il servizio di pronto intervento ed il controllo sistematico, già precedentemente in atto, al mercato; questo, al fine di garantire la presenza di un maggior numero di agenti visibili al mercato senza, al contempo, diminuire i controlli nelle ulteriori aree del centro.

E’ importante comunicare a tutti l’impegno profuso dalla Polizia municipale e delle Forze dell’Ordine per la protezione della nostra Città – dichiara l’Assessore alla Polizia municipale e alla Sicurezza Marzia Barbieri – Collaboro da vicino con loro e sono ben consapevole dell’impegno e della determinazione di tutti per proteggere, con gli strumenti a disposizione, la sicurezza dei cittadini, delle nostre famiglie.

Bisogna evitare atteggiamenti che possano incrementare inutilmente il senso di insicurezza nelle persone. Al contrario, l’Amministrazione comunale è sempre aperta a cogliere le proposte di tutti, costruttive e sostenibili, che vengano espresse su tematiche così importanti per nostra la vita.”

 

Daniela Raschia
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina