Home | Magazine | Digital Meet Piemonte, sabato a Tortona si discute del rapporto tra l’umanità e il Web

"Il web,Inferno,purgatorio o...? Il mondo Internet: opportunità e rischi" se ne parlerà in Biblioteca sabato pomeriggio in Biblioteca Civica a Tortona

Digital Meet Piemonte, sabato a Tortona si discute del rapporto tra l’umanità e il Web

DIGITALmeet è il più grande festival italiano sul mondo del digitale e dell’innovazione nato cinque anni fa nel Veneto grazie a un’idea di Fondazione Comunica e Talent Garden Padova.

Con la quinta edizione DIGITALmeet 2017 si espande per la prima volta Nordovest d’Italia includendo anche il Piemonte grazie a Piemonte Digitale e arriva anche a Tortona con l’incontro:

Digital Meet 2017 a Tortona

“Il web,Inferno,purgatorio o…? Il mondo Internet: opportunità e rischi”

Quando

Sabato 21 ottobre ore 16.00

Dove

Biblioteca Civica “T. De Ocheda”

Relatori

“Il lato oscuro del Web” – Dott.ssa Katia D’Orta, formatrice di educazione digitale epromotrice del progetto “Il lato oscuro del web“. Katia D’Orta lavora presso Tre W s.c, una web agency di Orbassano (To) di cui è co-founder, dal 2000.
Laureata in economia e amministrazione d’impresa con una tesi sul web 2.0, si occupa sviluppo e gestione di siti web e social media marketing.

“Psicologia Digitale: aprire la mente e non chiudere le porte” – Dott.ssa Viola Nicolucci, Psicologa – Psicoterapeuta registrata in Italia e in Regno Unito, dal 2011 si occupa di psicologia e nuove tecnologie: consulenze psicologiche online, interazione uomotecnologia, videogames. Dal 2016 è Coordinatore del Network Professionisti psicologi di Alessandria sezione territoriale dell’Ordine Psicologi del Piemonte.

Segue dibattito, con la partecipazione di Vittorio Pasteris, giornalista esperto di media, comunicazione, tecnologia e scienza.

Moderatore: Gian Domenico Gilardenghi, consulente per la Pubblica Amministrazione digitale, Piemontedigitale.org

Digital Meet 2017 a Tortona

Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

2 commenti

  1. Spero che direte che c’è una censura, specialmente nei social come Facebook, anche per chi semplicemente esprime la propria opinione senza offendere ma non omologandosi alla dittatura del pensiero unico.
    Un esempio sono i sostenitori del FamilyDay continuamente bloccati su Facebook e anche nella mondo reale, nelle loro attività…

  2. Non essendo io il relatore e non avendo la sfera di cristallo, l’unico modo per saperlo ė partecipare all’incontro di domani in biblioteca.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina