Home | Novi Ligure e il Novese | Sarà presentato a Sant’Ambrogio il nuovo logo del Forte di Gavi

Per l'inaugurazione della mostra "Scatole di Latta", un convegno con il Polo Museale Piemontese,il Politecnico di Torino e il Distretto del Novese

Sarà presentato a Sant’Ambrogio il nuovo logo del Forte di Gavi

polo museale del piemonte

Venerdì 8 dicembre, in occasione della festività dell’Immacolata, sarà presentato il progetto ideato dalla direzione del Forte di Gavi e dall’Associazione Coordinamento Donne nel Mondo.

Il progetto è importante per rafforzare le sinergie di territorio. Sarà allestita l’esposizione di “Scatole di latta”, in concomitanza con la rassegna “Dolci terre di Novi“.

Alcuni elementi di collezioni private saranno esposti al Forte di Gavi.

Nella ex cappella del Basso forte del Forte di Gavi saranno esposte una selezione di scatole di biscotti/dolci/caramelle del XX secolo provenienti da collezioni private, contestualmente si organizzerà una lezione su illustrazione, materiale ed evoluzione del messaggio pubblicitario invitando professionisti del settore.

La visita all’esposizione, compresa la lezione, viene veicolata da Gran Tour.

Sarà presentato anche il bando di concorso realizzato in sinergia tra Forte di Gavi e Politecnico di Torino, per l’elaborazione del logo del Forte.

Unitamente a ciò, la restauratrice Anna Rosa Nicola esporrà, nella stessa sede, una riproduzione di una confetteria di fine 800 realizzata per il Forte, rappresentazioni di antiche botteghe di confetterie, sempre con tema “Scatole di latta“.

Le diverse realtà istituzionali a livello ministeriale e territoriale in sinergia con quelle associazionistiche e produttive creano un evento natalizio per festeggiare il Forte e il suo territorio.

L’occasione di Dolci terre di Novi alla sua 22° edizione, evento-vetrina delle eccellenze enogastronomiche del basso Piemonte inserisce con programmazione e comunicazione congiunta visibilità all’iniziativa.

Il lancio del bando del nuovo logo in collaborazione con il Politecnico di Torino diventa occasione per una riflessione sulla comunicazione che presenta un itinerario espositivo su scatole antiche, lectiones magistrales tenute da Titti Garelli e Nadia Berta, in un ambiente suggestivo, riempito di fascino dalla presenza del grande musicista Lova e dal suo liuto.

Oltre alle collezioni private piemontesi si potrà ammirare l’ambientazione ricreata di un antico caffè di Anna Rosa Nicola.

Un viaggio quindi nel Piemonte attraverso il ricordo, l’illustrazione, la musica, non mancano l’albero di Natale e il presepe di Arquata Scrivia.

Il 9 dicembre la visita al Forte potrà avvalersi anche di MuseiAmo che nel circuito Gran tour di Torino coinvolge con visite teatrali i visitatori nelle residenze più belle e significative di tutto il Piemonte.

A corredo delle festività natalizie, sarà allestito l’albero di natale e un presepe aperto e due diorami.

PROGRAMMA DELL’INAUGURAZIONE

Saluto istituzionale – Annamaria Aimone, Direttore del Forte;

Presentazione “logo del Forte – progetto Polo Museale del Piemonte, Politecnico di Torino

Saluto istituzionaleBarbara Gramolotti, Distretto del novese

Musiche di Paolo Lova

Andar Per Manoscritti – La Donna Nel Medioevo, virelai, danze, ballate e madrigali

Presentazione progettoVittoria Pompò e Antonella Pinna;

Il “caffè” piemontese d’inizio XX secolo – Anna Rosa Nicola;

L’illustrazione e il supporto dell’oggetto “scatola di latta” lectiones magistrales di Titti Garelli e Nadia Berta (Caffarel);

Modera: Chiara Priante giornalista de La Stampa.

Presentazione collezioni private – Seguirà rinfresco

Per informazioni : pm-pie.gavi@benicultutrali.it 0143 643554

Foto: Distretto del Novese

scatole di latta al forte di gavi

Redazione
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina