Home | Valle Stura e Val d'Orba | PD Valli del SOL: “ferma condanna ai fatti di Como”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Coordinamento Valli Stura Orba e Leira del Partito Democratico in merito al fatto accaduto a Como gli scorsi giorni.

PD Valli del SOL: “ferma condanna ai fatti di Como”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Coordinamento Valli Stura Orba e Leira del Partito Democratico in merito al fatto accaduto a Como gli scorsi giorni.

COMUNICATO STAMPA

A fronte del crescente verificarsi di atti di chiara impronta nazifascista e razzista, come
quello ultimamente messo in atto a Como,

IL COORDINAMENTO DEI CIRCOLI PD DELLA VALLE STURA ORBA E LEIRA,
ESPRIME LA PIU’ FERMA CONDANNA VERSO TALI COMPORTAMENTI.

Queste pseudo forze politiche, approfittando della libertà di opinione sancita dalla nostra
Carta Costituzionale, hanno ancora una volta esercitato violenza nei confronti degli attivisti
di una libera associazione umanitaria.
Vivo sconcerto e pari sentimento di condanna viene altresì espresso nei confronti di quei
personaggi politici, rivestenti anche cariche istituzionali, per i tentativi di minimizzare tali
fatti, utilizzandoli anche a fini speculativi.
I Sindaci e i Consiglieri dei Comuni valligiani sono invitati a dibattere ed approvare
apposite mozioni nei Consigli Comunali, volta ed evidenziare la medesima condanna.
La storia mondiale del secolo scorso ci ha insegnato che è la violenza, dapprima velata poi
più evidente, ma volutamente sottovalutata e, a volte, anche incoraggiata, che può portare
alla fine delle democrazie e alle tragedie come quelle vissute dai nostri genitori e nonni.
Il Coordinamento dei Circolo PD

a cura di Matteo Serlenga
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina