Home | Sport | Campi trascina il Mornese, Garbagna affonda

Tripletta del centrocampista viola, tortonesi rinunciatari

Campi trascina il Mornese, Garbagna affonda

 Quella tra Mornese e Garbagna, cari lettori, è una sfida nella sfida: i viola devono interrompere una serie di tre sconfitte consecutive interne, i tortonesi vogliono continuare la tradizione che li vede fare piu’ punti in trasferta che in casa; mister D’este mette in campo una formazione il cui unico attaccante, Magrì, è supportato dal trio Mazzarello Simone-Mazzarello Gabriele-Rossi, con i pilastri Campi-Carrea a centrocampo; per il Garbagna mister Nicorelli schiera subito i nuovi arrivati Davide Daglio e Poggio rispettivamente come difensore centrale e centrocampista, in avanti il trio Gemme- Tamburelli- Repetti.

Neanche venti secondi di gioco e Ormelli deve respingere una conclusione di Gabriele Mazzarello, e non sarà l’unica volta che i due si affronteranno; il Mornese sembra piu’ in palla ma al 18 ecco il vantaggio ospite: su corner Campi devia nella propria porta; a questo punto il Garbagna arretra il baricentro e iniziano le azioni per il pareggio dei vallemmini; ci prova Rossi ma Ormelli respinge, poi, nel giro di tre minuti, Magrì spedisce alto da buona posizione; gioca bene il Mornese, con Rossi che fa numeri brasiliani e con Magrì e Gabriele Mazzarello sempre pericolosi, il Garbagna sembra resistere e resiste anche quando Rossi, da fuori area, calcia un pallone velenoso che Ormelli devia; verso la fine del primo tempo le emozioni migliori, Ormelli para due volte su Gabriele Mazzarello, poi però non puo’ nulla sulla punizione di Campi che così pareggia la sua autorete; Gabriele Mazzarello calcia poi alto ma in pieno recupero ecco il sorpasso, a firmarlo ancora una volta è Campi.

Nella ripresa, per i primi quindici-venti minuti, è un monologo viola: Della Latta trova sulla sua strada un Ormelli “da oscar” e, dove non ci arriva l’estremo tortonese, ecco il palo a negare a Gabriele Mazzarello la gioia del gol; da centrocampo Carrea prova l’eurogol, Ormelli indietreggia e smanaccia sulla parte alta della traversa.

 Il Mornese vuole il doppio vantaggio e lo trova ancora con Campi che sfrutta un velo di un suo compagno su corner e piazza la palla nell’angolino basso dove Ormelli non puo’ arrivarci; sul 3-1 il Garbagna potrebbe sciogliersi e invece trova il gol della speranza con una punizione precisa di Tamburelli; mancano ancora dodici minuti e ora è il Mornese ad arretrare ma il risultato non subirà ulteriori variazioni ed al triplice fischio arriva il boato liberatorio del pubblico viola: con i tre punti il Mornese aggancia al quinto posto, a quota 23, il Cassano, per il Garbagna una sconfitta nonostante l’impegno nel finale; i tortonesi comunque hanno ancora due recuperi, quello di domenica 21 gennaio contro la Molinese e quello di sabato 27 gennaio contro la Vignolese.

 

Mornese: Ghio, F. Mazzarello, Della Latta, Carrea(Napelo), Paveto, Pozzi, S. Mazzarello(Cavo), Campi, Magrì(Scatilazzo), G. Mazzarello, Rossi(Giordano)

Garbagna: Ormelli, Bastita, D. Daglio, Scotti, Mogni, G. Corsale, Gemme(Ontano), Poggio(Muca), F. Corsale(Imbre), Tamburelli, Repetti(Vizdoaga)

Arbitro: Cammarota di Alessandria

Reti: 18 Campi(og), 45, 48 p.t., 58 Campi, 78 Tamburelli

 

 QUI MORNESE: “ DEDICO LA TRIPLETTA AL MISTER”

Un pomeriggio da favola: questo deve aver pensato Lorenzo Campi dopo il fischio finale perché segnare tre reti e portare la sua squadra in zona play-off non è cosa di tutti i giorni:” Sono felice, commenta il centrocampista, dedico la tripletta al mister, con lui siamo cresciuti tanto; abbiamo giocato una bella gara, peccato per la sofferenza finale, dopo tante azioni abbiamo rischiato di farci riprendere”.

Mister Massimiliano D’Este commenta proprio gli ultimi venti minuti:”La risposta è molto semplice, dopo il 3-1 siamo arretrati come baricentro e abbiamo riportato il Garbagna in vita, sui play-off non mi pronuncio ancora e poi c’è di mezzo tutto il girone di ritorno”.

Simone Mazzarello, presidente-giocatore del Mornese.” Una partita dura, direi però che i tre punti sono meritati, queste gare come quella di oggi contro il Garbagna sono sempre insidiose perché basta una distrazione per rischiare di buttare via una vittoria; i play-off?; io ci credo e fino alla fine lotteremo per ottenerli”

 

 QUI GARBAGNA: “ SCONFITTA MERITATA MA C’E’ RAMMARICO”

Mister Lorenzo Nicorelli riconosce il merito del Mornese ma sul suo volto c’è l’amarezza di chi ha visto il pareggio sfuggirgli di mano:” Hanno meritato la vittoria, hanno fatto piu’ azioni di noi e sono sempre stati pericolosi ma i loro gol sono arrivati tutti da palle ferme; noi quando siamo andati in vantaggio non dovevamo arretrare così tanto, siamo stati cioe’ poco aggressivi dopo l’1-0 ed è questo che mi amareggia; in queste categorie devi essere sempre aggressivo altrimenti non ne esci fuori”.

Mister Nicorelli e la gara contro la Molinese:” Domenica prossima dobbiamo eliminare i difetti mentali che ci bloccano, dobbiamo fare punti per andare in una zona di classifica piu’ serena”.

Aaron Poggio, uno dei nuovi acquisti (arriva dal Sardigliano come anche Davide Daglio) commenta cosi’ la gara:” Sconfitta meritata se consideriamo le occasioni da rete, poi nel calcio si sa che tutto puo’ accadere; contro la Molinese non possiamo piu’ fallire, giochiamo in casa e invito il pubblico a sostenerci perché non siamo una squadra da retrocessione”.

GRAZIE AMICO: Rossi (Mornese): è lui, con quei tocchi da sudamericano, l’anima del Mornese; se Campi è il mattatore Rossi è lo sponsor di sombreri, tocchi da maestro e creatività; fateci caso, quando la palla gli arriva sa già a chi darla e credetemi, giocatori così se ne vedono pochi in giro

GRAZIE AMICO: Ormelli ( Garbagna): dopo venti secondi si sporca già i guanti, poi salva almeno cinque-sei reti e permette ai suoi compagni di giocarsela fino in fondo; vince la sfida con Gabriele Mazzarello ed è grande a negare a Carrea il gol da centrocampo

 

L’EDITORIALE: LA FAVOLA E IL BLASONE

di Mario Bertuccio

 

Cari lettori, oggi vi racconto di due squadre che stanno vivendo momenti e classifica diversi; il Mornese, con 23 punti, ha affiancato il Cassano e a febbraio si recherà al “Fusaro” per cercare di superarlo; i viola hanno tra le fila giocatori tecnici e pratici, aggiungiamoci Rossi ed il gioco è fatto.

Il Garbagna invece è invischiato nei bassifondi di una classifica che deve trovare la sua completezza nei recuperi; mister Nicorelli sa di avere una squadra giovane ma che puo’ benissimo salvarsi; nei primi anni 2000 giocare nel Garbagna voleva dire salire di categoria, invito gli attuali giocatori a documentarsi sulla storia di una squadra che ha avuto un blasone importante e che deve ritrovarlo domenica; in casa i biancorossi non segnano dal 29 ottobre, contrariamente la Molinese in trasferta arriva dal 2-2 di dicembre in quel di Tassarolo; ritroveranno i biancorossi la scintilla giusta?

 

Mario Bertuccio
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina