Home | Valle Stura e Val d'Orba | I parchi della Liguria protagonisti del territorio

La conferenza svoltasi negli studi di Telenord dal titolo “Beigua, Portofino, Antola ed Aveto: Parchi da tutelare e promuovere”

I parchi della Liguria protagonisti del territorio

Sabato 17 febbraio alle ore 10:00 si è svolta presso l’auditorium multimediale degli studi di Telenord in via XX Settembre  la conferenza dal titolo “Beigua, Portofino Antola e Aveto: Parchi da tutelare e promuovere” condotta da Claudio Cabona; presenti per l’occasione l’assessore regionale Stefano Mai, i Presidenti dei parchi  Daniela Seghiale Daniele Buschiazzo, Paolo Donadoni, Michele Focacci e Paolo Ceccarelli, rappresentante del CAI sezione Ligure-Genova. Durante la trasmissione si è parlato dei principali problemi di gestione dei relativi parchi come il recente caso del gelicidio che ha creato molti disagi all’entroterra, ma si è anche discusso delle diverse aspettative a livello turistico e non solo per il futuro delle aree protette.

Claudio Cabona conduce la trasmissione su Telenord

Uno dei temi principali è stato anche quello della gestione della fauna selvatica: la presidentessa del parco dell’Antola, Daniela Seghiale, ha ricordato che proprio in questi giorni è stato avvistato un esemplare di lupo in località Torriglia,  episodio che è sicuramente indice di un aumento del numero di ungulati selvatici come daini e caprioli, i quali si spingono sempre più vicino ai centri abitati attirando con loro anche i predatori. Tutti gli ospiti presenti si sono trovati d’accordo sulla necessità di indirizzare la politica dei parchi anche a favore di una maggior gestione della fauna selvatica tramite progetti come il finanziamento e la messa in opera di recinzioni elettrificate e l’utilizzo di cani da guardiania per le greggi nelle zone di pascolo d’altura.

Il presidente del parco del Beigua, Daniele Buschiazzo, ha poi sollevato la questione della gestione del patrimonio boschivo, affermando che “a Sassello già da tempo sono attivi dei cantieri sperimentali per la gestione del patrimonio boschivo e per la tutela del dissesto idrogeologico. il bosco è una risorsa e non un problema e la corretta amministrazione del verde può portare oltre ad una ricaduta positiva in termini di salvaguardia del territorio anche alla creazione di nuovi posti di lavoro”.

Paolo Donadoni, presidente del parco di Portofino (l’unico parco che non ha subito i danni causati dal gelicidio dello scorso dicembre), ha confermato il trend positivo registrando un aumento del numero di visitatori grazie ai nove eco-contatori che servono a  mappare i passaggi pedonali e ciclistici sui sentieri all’interno del parco di Portofino. Donadoni ha inoltre ricordato che il parco di Portofino diventerà  parco Nazionale entro il 2018,  portando ulteriore prestigio e beneficio a tutta l’area protetta. Michele Focacci ha invece ricordato la recente riapertura della miniera di Gambatesa all’interno del parco dell’Aveto  e l’aumento delle presenze negli impianti di risalita di S. Stefano d’Aveto, un unicum a livello turistico per la regione.

Luca Serlenga
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

1 commento

  1. Molto positivo l intendesse per i nostri bellissimi parchi.interesse che dovrà essere sempre più finalizzato alla loro conservazione e sviluppo.fa enorme piacere che il lupo sia tornato a vivere in questi luoghi ed è l unico vero carniere allo sviluppo eccessivo degli ungulati.complimenti al giornale che ci rende partecipi del nostro stupendo territorio.Grazie a presto

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina