Home | Territorio | Golosaria, sei milioni di passi in Monferrato

Grande affluenza di pubblico, con tante storie da raccontare in un'edizione indimenticabile

Golosaria, sei milioni di passi in Monferrato

Il totale alle 15.00 del 9 aprile è di 6.864.000 passi: è questo il numero dei passi che abbiamo stimato grazie all’iniziativa #energiainmonferrato, realizzata in collaborazione con Evolvere. I visitatori di Golosaria, che hanno partecipato, si sono registrati nelle sedi di Rosignano (Uviglie) e Casale e hanno ricevuto il contapassi, quindi sono andati a camminare.

In tanti al ritorno ci hanno inviato al numero di WhatsApp, predisposto per l’occasione, la foto del contapassi che ha permesso di stimare un totale dei passi rapportato al numero dei contapassi consegnati. E il totale è un numero che fa impressione: 6.864.000. Oltre al mero conto, però, i visitatori della giornata hanno voluto condividere alcune immagini della loro passeggiata in Monferrato: così sono tante le storie che abbiamo potuto raccogliere nella due giorni.

Anzitutto il camminatore più attivi: il signor Mario Villata di Torino, che tra le passeggiate di Rosignano e quella di Fubine ha totalizzato 38.641 passi. Tra le signore, invece, la palma della miglior camminatrice va a Marina, sempre di Torino, con i suoi 24.317 passi. Il camminatore proveniente da più lontano (anche se alle degustazioni abbiamo incontrato gruppi di australiani e danesi) è probabilmente Giuseppe di Barletta che può vantare 22.937 passi sulle colline di Golosaria. Il più attivo camminatore under 10 è Leonardo di Pralungo (Biella), 7 anni, che ha accumulato 16.253 passi. Il più giovane “camminatore” in assoluto è invece una bimba, Elena, di Desio (Mb), 8 mesi, che nel passeggino con papà Diego e mamma Marianna ha totalizzato 11.727 passi.

Oltre ai camminatori, però a Golosaria, abbiamo individuato anche degli “zampettatori“: si tratta di Nara da Chivasso. Il suo nome, ci racconta il proprietario, è in onore dell’antica capitale giapponese dove girano liberamente cervi sika che chiedono in modo esplicito cibo ai turisti. Nara nella due giorni di Golosaria ha fatto come loro e il suo bottino è stato di 1/4 di hamburger di fassona, 1/4 di battuta e qualche fetta di prosciutto, con l’impegno (modico) di 2.308 zampettate.

 

G.P.M.
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina