Home | Sport | Novi Pallavolo, altro show a Ciriè

Ora Cuneo dista cinque lunghezze

Novi Pallavolo, altro show a Ciriè

 Quando vinci per 3-0(25-21,25-16, 31-29) in casa della terza in classifica e totalizzi la sesta vittoria consecutiva c’è solo una cosa da fare, applaudire.

Moro e compagni ora mettono paura anche al Cuneo, vittorioso solo al tie-break a Fossano e il calendario dei cuneesi è terribile: Cerealterra in casa, ad Alba e lo scontro diretto casalingo proprio con Novi (ovvero la terza e quarta forza del torneo piu’ Alba che ha fatto un girone di ritorno fantastico); Corrozzatto è lo spot del palleggiatore-tipo, Moro è devastante, Semino e Zappavigna sono invalicabili, Bettucchi e Guido martellano che è un piacere, Quaglieri fa il suo galvanizzato dal miracolo giallorosso, morale della favola i play-off non sono piu’ un miraggio e se si arriva alla gara finale con meno di tre punti di svantaggio ci sarà da ridere.

Il calendario dei biancocelesti prevede le due sfide casalinghe consecutive contro Garlasco e Pallavolo Saronno, i primi hanno fatto un campionato anonimo, i secondi faranno riposare i loro giocatori migliori in previsione dei play-off conquistati a S. Mauro sabato scorso; poi c’è Cuneo, all’andata fu una gara memorabile, forse la miglior gara del Novi anche se poi il tie-break fu fatale; il 5 maggio, data dello scontro frontale, non evoca ricordi positivi in Luca Semino, interista doc e centrale, che a fine gara dice la sua:” Una gran partita, da raccontare ai nipoti; a Ciriè ci abbiamo messo cuore e cervello, questa Novi è dura da affrontare, ottimi i fondamentali, ora un appello a tutti i tifosi novesi, venite numerosi per la doppia sfida casalinga con Garlasco e Pallavolo Saronno, abbiamo bisogno di voi, poi per Cuneo organizziamo un pullman e realizziamo un sogno”.

Enrico Zappavigna, centrale:” Bella partita, grande reazione nel primo e terzo set, a Ciriè non è mai facile vincere; Garlasco?; non sarà una passeggiata, vogliamo vendicare la sconfitta dell’andata, loro arrivano dalla sconfitta interna con l’Albisola, per i play-off dobbiamo contare anche su altri risultati”.

Luca Corrozzatto, palleggio:” Una gran bella partita, stiamo facendo una rincorsa tutto cuore da due mesi, adesso le ultime tre sfide saranno tutte da vivere”.

Mister Salvatore Quagliozzi gongola:” Gara sofferta, specie nel terzo set, attacco molto bene con i centrali, distribuzione del palleggio ottima, difesa e battuta aggressivi, per i play-off non dico niente, proviamo a braccare Cuneo; mancano tre gare, saranno tutte difficili, arrivati però a questo punto la fame aumenta”

Per il Cerealterra ecco il commento del presidente Davide Casu:”Anche nella gara di ritorno Novi ha meritato, adesso andiamo a Cuneo per cercare di rifarci, non sarà facile ma abbiamo l’obbligo di provarci fino alla fine”

Mister Vittorio Bertini la vede così:” Gran partita, risolta da episodi sia nel primo che nel terzo set, Novi ha meritato i tre punti, un bello spot per la pallavolo”.

Mister Bertini e la trasferta di Cuneo:” Anche vincendo saremmo dietro di un punto ma fino a che la matematica ci darà ragione non molleremo”

Così a Ciriè: Corrozzatto, Moro, Zappavigna, Semino, Bettucchi, Guido, libero U. Quaglieri: utilizzato Romagnano

 Classifica: Pallavolo Saronno 57 (play-off), Cuneo 51, Cerealterra 47, Novi Pallavolo 46, Volley Parella Torino 45, S. Anna Torino 42, Savigliano 37, Garlasco, Alba 34, Malnate Va 27, Acqui 20, Fossano 19, Caronno Pertusella Va 14, Albisola Volley 10 (retrocesso)

 

L’EDITORIALE: EVVIVA IL “QUAGLIOZZISMO”

di Mario Bertuccio

 

Salvatore Quagliozzi è stato per anni il libero dell’allora Mangini Novi, ha dovuto inghiottire una retrocessione in “C” nella stagione 2008/09, poi ha giocato ancora qualche anno prima di smettere e di vestire i panni del tecnico.

Nello scorso anno ha debuttato nella serie “B” e ha ottenuto un bel quinto posto insieme ad Alba a quota 44; quest’anno ha già superato i punti della scorsa stagione e si sta giocando i play-off, a marzo ha ottenuto il rinnovo anche per il prossimo campionato.

Pochi (a parte chi lo conosce bene) si ricordano che nella stagione 2008/09 era uno dei pochi a caricare il gruppo, e si vedeva che avrebbe avuto un futuro da tecnico di successo; il “quagliozzismo”, cari lettori, non è una filosofia per tutti, se applicata bene puo’ portare a risultati straordinari; il sestetto messo in campo a Ciriè è l’espressione migliore di questa filosofia, è lo strapotere fisico accostato a quello mentale, ovvero dovunque vai ti imponi.

La scelta della società sulla sua riconferma non poteva essere migliore; se i play-off non si centrano in questa stagione sarà per quella successiva perché, se c’è già inculcata nei giocatori una filosofia vincente, questa prima o poi esplode.

Quagliozzi è il condottiero e, se si arriva al 5 maggio con due punti di distacco, prenderà via la “marcia su Cuneo”; due mesi fa questo non era immaginabile, visto che poteri ha la filosofia?

Mario Bertuccio
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina