Home | Magazine | Fuori i neonicotidinoidi dai nostri piatti

Storica decisione dell'Europa che dopo una battaglia decennale ha bandito l'uso in campo aperto dei tre insetticidi più diffusi al mondo

Fuori i neonicotidinoidi dai nostri piatti

 Arriva oggi dopo anni di battaglie la decisione presa dagli Stati membri dell’Europa di bandire l’uso dei neonicotinoidi in campo aperto. Si tratta di una grande vittoria per gli insetti impollinatori, come le api, e per tutti noi, contadini, consumatori e Stati membri.Lo scorso marzo l’Efsa ha ribadito la pericolosità di tre insetticidi della classe dei neonicotinoidi: clothianidin, imidacloprid e thiamethoxam. Il risultato è stato che la Commissione europea ha richiesto la restrizione del loro uso in campo aperto, incontrando la resistenza di alcuni Stati membri. Il voto di oggi, invece, ha approvato a maggioranza qualificata la proposta di divieto della Commissione.

Per Slow Food questo risultato è un’ottima notizia, anche se la lotta ai neonicotinoidi non finisce qui: la Commissione infatti sostiene l’idea che “il divieto completo  dell’uso dei tre neonicotinoidi non è giustificato, in quanto non c’è alcun rischio per le api in tutti quei casi in cui le piante sono trattate esclusivamente all’interno delle serre e rimangono al loro interno durante tutto il ciclo vitale”. Questo vuol dire quindi che i tre insetticidi si possono ancora utilizzare all’interno delle serre. Considerando i rischi comprovati di queste sostanze, Slow Food crede che dovrebbero essere vietate per tutte le coltivazioni e in qualsiasi condizione.

Secondo Carlo Petrini, presidente di Slow Food, «Oggi gli Stati membri dell’Unione europea si sono messi dal lato giusto della storia. Si tratta di una vittoria importante non solo per le api ma per l’intera società. Questo voto è un chiaro messaggio indirizzato alla politica e all’intero sistema agricolo industriale: la nostra salute e quella del pianeta prevarranno sugli interessi finanziari delle multinazionali. Siamo di fronte a un passo fondamentale verso un’agricoltura buona, pulita e giusta».

Dello stesso avviso Martine Dermine, coordinatore della Save the Bees Coalition e del Presidio Slow Food dell’ape nera belga: «Questo è un giorno che passerà alla storia perché da quando sono stati autorizzati, 20 anni fa, i neonicotinoidi hanno decimato milioni di alveari in tutta Europa. Gli Stati membri hanno espresso un segnale nettissimo a favore della protezione dell’ambiente e di un’agricoltura più sostenibile».

Lasciamo stare le api!

La vicenda delle api, minacciate dai neonicotinoidi, continua. Il comitato permanente della Commissione Europea per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi (Paff), responsabile per le questioni relative ai neonicotinoidi, avrebbe dovuto votare lo scorso 22 e 23 marzo per introdurre restrizioni generali sull’uso di queste sostanze chimiche tossiche, ma non si è espresso.

I neonicotinoidi sono l’insetticida più utilizzato al mondo e sono noti da tempo per i loro gravi effetti sulla biodiversità e sulla sicurezza alimentare. Prolungare il loro uso in agricoltura è insostenibile e rappresenta un’enorme minaccia per il futuro del nostro sistema alimentare.

«Tutti gli studi dell’Efsa (autorità europea per la sicurezza alimentare) e altri rapporti di settore hanno dimostrato che questa è una minaccia inaccettabile per le api» commenta Walter Haefeker, dell’Associazione europea degli apicoltori professionisti, aggiungendo che «i risultati dell’ultimo studio dell’Efsa che confermavano gli effetti dei neonicotinoidi sono stati pubblicati alla fine di febbraio, ma ci sono state molte azioni di disturbo rispetto attorno all’attuale divieto. È stato un processo molto lungo».

Cosa c’è in gioco?

In poche parole, tutto. «Quella che stiamo affrontando è una crisi globale degli impollinatori. Stiamo parlando della sesta estinzione di massa» dice Matt Shardlow dell’organizzazione ambientalista di BugLife.

Secondo Jean Marc Bonmatin del Cnrs (il centro nazionale francese per la ricerca scientifica), il caso dei neonicotinoidi esemplifica in generale ciò che sta accadendo in agricoltura: gli insetti stanno sviluppando una rapida resistenza alle sostanze chimiche e di conseguenza le aziende sviluppano prodotti con tossicità sempre più elevata.

Bonmatin usa alcune cifre scioccanti per spiegare la portata del problema: «Un nanogrammo di neonicotinoidi può uccidere un’ape, mentre in un solo anno vengono utilizzate quasi 20.000 tonnellate di questi prodotti chimici».

A peggiorare le cose, gli studi dimostrano che fino all’80% dei neonicotinoidi rimangono nel terreno e si riversano nell’acqua, colpendo in tal modo sia le piante che non sono state trattate con sostanze chimiche sia tutti gli invertebrati terrestri.

G.P.M.
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina