Home | Sport | Contro Ongina una Novi Pallavolo tutto cuore

La sconfitta in gara 1 in Emilia non pregiudica ancora nulla

Contro Ongina una Novi Pallavolo tutto cuore

 C’è da ricaricare le pile per la Novi Pallavolo, uscita sconfitta in gara 1 a Monticelli d’Ongina per 3-1( 25-22,25-14,27-29,25-21); tra due giorni a Novi ci sarà il ritorno e se Moro e compagni avranno la meglio si giocherà la bella in Emilia; sabato sera tanti tifosi biancocelesti hanno invaso pacificamente Monticelli d ‘Ongina, tanti bambini e tanti altri tifosi giunti da Novi con il mezzo proprio, per sostenere una squadra che ha fatto sognare in campionato e che ancora non si è arresa; certo, Ongina è stata costruita per vincere i play-off e salire in A2, lo ha già fatto la scorsa stagione per poi decidere di rimanere ancora nella categoria inferiore; Novi però non ha nulla da perdere, ha giocato la sua gara con grande cuore e solo nel secondo set ha avuto un momento di difficoltà; nel terzo set ha annullato quattro match-point agli emiliani e ha vinto ai vantaggi, nel quarto set Moro e compagni erano dapprima avanti di due lunghezze (16-14), poi in parità (19-19); Ongina in casa, in campionato, aveva perso solo tre set, averne vinto uno è importante perché mai i biancocelesti avevano vinto qui un set e poi perché si è avuta la dimostrazione che in gara 2 tutto è ancora possibile.

A fine gara ecco i commenti a cominciare dal diesse Max Mori:” Niente è ancora perduto, bravi i ragazzi a crederci sotto di due set, vogliamo pareggiare la serie per poi giocarci tutto in Emilia”.

Andrea Bettucchi, banda:” A parte il secondo set direi che abbiamo giocato alla pari, loro sono forti, non avevamo nel nostro girone una squadra così, comunque non ci arrendiamo”.

Luca Semino, centrale:” Un po’ tesi all’inizio, è normale in queste circostanze; abbiamo cercato di portare la gara al tie-break ma non ci siamo riusciti; se giochiamo come nel terzo e quarto set io dico che venderemo cara la pelle, anche vincere 3-2 mi andrebbe bene, poi ci giocheremmo la bella a Ongina ma sarà tutta un’altra storia”.

Luca Corrozzatto, palleggio:” Siamo partiti contratti, loro ci hanno subito aggredito in battuta, poi quando prendevano un certo vantaggio era difficile andare a recuperare, e se recuperavi avevi speso un mucchio di energie, come è successo nel quarto set; adesso abbiamo la possibilità di pareggiare la serie, davanti al nostro pubblico, possiamo fare un altro piccolo miracolo”.

Mister Salvatore Quagliozzi analizza la partita:”All’inizio abbiamo sentito la tensione, nel secondo set onestamente abbiamo giocato male, sono però contento di aver visto i miei recuperare nel terzo set e anche nel quarto, sotto 5-1, abbiamo avuto la forza di sorpassarli, solo giocate individuali ci hanno piegato in quella frazione; Ongina aveva perso solo tre set in casa in campionato, per noi è motivo d’orgoglio averne vinto uno”

Mister Quagliozzi e la gara 2:”Avremo il palazzetto pieno, sarà una mercoledì da leoni, speriamo di vincere perché i nostri tifosi meritano di vederci di nuovo sabato giocarci la bella a Ongina”

Grazia Ponasso, presidente Novi:” Ringrazio intanto il pubblico novese che è accorso in massa in Emilia, io sono fiduciosa e dico che possiamo ancora rimontare, niente è ancora scritto”

 QUI ONGINA:” NON PARTIAMO AVVANTAGGIATI”

Donato De Pascali, diesse dell’Ongina, analizza così la vittoria:”Stasera ci sono state tre gare diverse nella stessa partita, quella della paura, ovvero un primo set dove le due squadre hanno fatto tanti errori, quella del set perfetto, il secondo, e quella dell’equilibrio, ovvero il terzo e quarto set; non possiamo però permetterci di andare a Novi pensando di aver già vinto, se lo facessimo commetteremmo un grave errore; Novi arrivava da nove vittorie di fila, è una squadra di tutto rispetto, occorrerà la massima concentrazione”

Fausto Colombi, mister dell’Ongina, la partita l’hà vista così:” Non è stata una gara di livello eccelso, ha vinto chi ha sbagliato meno, la serie però è ancora aperta; volevo fare i complimenti al pubblico novese, tifo corretto e tante famiglie con bambini; non so chi vincerà mercoledì ma questa sfida non ha un pronostico così scontato”

Così a Monticelli d’ Ongina: Corrozzatto, Moro, Semino, Zappavigna, Bettucchi, Guido, libero U. Quaglieri: utilizzati Romagnano, Prato, Bonvini (2 libero), Volpara

L’EDITORIALE: A CUOR LEGGERO

di Mario Bertuccio

Mercoledì sera Novi potrebbe riaprire la serie, portarsi sull’1-1 e giocarsi tutto in Emilia o finire la stagione; al di là di come andrà a finire il campionato dei biancocelesti è da incorniciare, due mesi di rincorsa per acciuffare i play-off nella tana del Cuneo, e sabato strappare un set a Ongina; chi rischia di piu’ adesso non è piu’ Novi, arrivata ai play-off con una squadra tutta fatta in casa, a rischiare di piu’ è Ongina, squadra creata per vincere il girone (arrivata seconda) e abituata a vincere come è successo lo scorso anno con la promozione poi gentilmente rifiutata; gli emiliani non possono neanche lontanamente permettersi di arrivare alla bella, sarebbe un rischio, per Novi invece quella di mercoledì sarà una gara da leoni ma a cuor leggero, consci che anche una sconfitta non causerebbe traumi.

E qui, cari lettori, riecco il “quagliozzismo”, la filosofia del “possiamo farcela”, del “ comunque sia sarà un successo”; se Novi porterà Ongina alla bella, e ne siamo sicuri, sabato prossimo arriveranno non uno ma due autobus di tifosi perché non ci sarà piu’ un favorito; serve la gara perfetta mercoledì, quella come contro Cerealterra, o quella come a Cuneo, e l’invito ai tifosi lo faccio io insieme alla squadra: venite numerosi, tifo ed entusiasmo possono fare la differenza anche se poi sarà il parquet a emettere il verdetto

Mario Bertuccio
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina