Home | Valle Stura e Val d'Orba | Urbe, il sindaco Antoci denuncia i gravi problemi della Strada Provinciale

Dopo l'incidente mortale che è avvenuto stamattina in località Piazzadoni

Urbe, il sindaco Antoci denuncia i gravi problemi della Strada Provinciale

 Questa mattina sulla strada provinciale che collega il comune di Urbe con quello di Sassello è avvenuto un incidente mortale.

Attraverso un post pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale del Comune il Sindaco, Fabrizio Antoci, spiega che purtroppo quello di oggi è l’ennesimo incidente che avviene nella zona di Piazzadoni.

«La situazione delle strade provinciali è diventata insostenibile – denuncia Antoci – nonostante che da tempo sollecitiamo sia alla parte tecnica che quella politica della Provincia gli interventi sono insufficienti e tradivi».

Il primo cittadino di Urbe punta il dito sulla mancanza cronica di personale «un cantoniere solo per tutta l’area del Sassellese e di Urbe è pressochè inutile, nonostante il grande impegno profuso – fa presente Fabrizio Antoci, che ha subito telefonato alla vicepresidente della Provincia, Isella – davanti a questa tragedia, avvenuta per di più in un giorno che dovrebbe essere di festa non possiamo rimanere silenti. Protestiamo facendo sentire la nostra voce ai giornali, sperando che questa volta qualcunoci ascolti e che vengano finalmente messe in sicurezza le strade».

Il Comune di Urbe invita anche i motociclisti a moderare la velocità, per l’incolumità di tutti «le strade non sono un circuito – denuncia Antoci – dove sono i controlli? Tutti sappiamo che sulla Crocetta avvengono delle autentiche gare di moto e che nei giorni festivi molte persone hanno paura a percorrerla. Non voglio con questo demonizzare tutti i motociclisti, anzi, chi rispetta il Codice della Strada è il benvenuto ad Urbe, ma chi tragredisce deve essere severamente punito».

Il sindaco di Urbe proporrà una lettera congiunta ai colleghi di Tiglieto e Sassello rivolta alle autorità provinciali e alle Forze dell’Ordine, per un punto congiunto della situazione in vista dell’imminente stagione estiva. Il sindaco Antoci infine pone le più sentite condiglianze da parte dell’Amministrazione alla famiglia della vittima dell’incidente stradale.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

1 commento

  1. Gian Battista Cassulo

    MENO DEMAGOGIA E PIU’ FATTI

    Noi de “l’inchiostro fresco”, senza mai chiedere un sia pur minimo contributo alle Istituzioni ma solo contando sulle nostre risorse pubblicitarie, abbiamo sempre messo a disposizione le nostre pagine e nostri network a disposizione gratuita di tutta l’Alta Valle dell’Orba, contribuendo, sia pure nel nostro piccolo, a fare conoscere le bellezze paesaggistiche di questa zona a cavallo tra Liguria e Piemonte, unica per paesaggi che coniugano il mare ai monti.

    In questo senso abbiamo sempre dato voce agli amministratori locale, abbiamo fatto conoscere le loro scelte, le loro proposte e abbiamo sentito gli operatori economici del posto per evidenziare le loro esigenze. Ovvero ci siamo adoperati, assieme a molti altri soggetti interessati, per concorrere, sia pure nella limitatezza dei nostri mezzi, a rendere ancor più conosciuto e frequentato il Parco del Beigua.

    Ma se poi le Autorità locali e non assieme alle Istituzioni preposte non si danno da fare, non solo per la manutenzione, ma per rifare ex novo le vie di comunicazione che facilitano la residenza delle popolazioni – e quindi la vitalità di questi luoghi – e incentivano l’afflusso turistico, che senso hanno questi nostri sforzi che vorrebbero rendere omaggio a luoghi addirittura elevati al rango di patrimonio dell’Unesco?

    Gian Battista Cassulo

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina