Home | Valle Stura e Val d'Orba | Forte Geremia, le sculture lignee di Alberto Dagnino

Animali del nostro territorio intagliati nel legno in mostra per tutta l'estate

Forte Geremia, le sculture lignee di Alberto Dagnino

Domenica 27 maggio il sindaco di Masone Enrico Piccardo ha inaugurato all’interno delle sale del forte Geremia la mostra (che durerà tutta l’estate) di opere lignee dell’artista melese Alberto Dagnino, scultore molto conosciuto in valle, che spesso espone le sue opere nel giardino di fronte alla sua abitazione in località Biella di Masone nei pressi della galleria del Turchino.

Volpe Rossa, opera di A. Dagnino

“La passione per il legno l’ho sempre avuta”, spiega Dagnino, “ma il mio lavoro come scultore è cominciato soltanto 20 anni fa da autodidatta. Le opere esposte nelle sale del forte più quelle in villa Bagnara a Masone rappresentanto gran parte del mio lavoro.” “In passato ho fatto il giardiniere per anni”  prosegue Dagnino, “mi sono diplomato all’istituto agrario ed ho sempre mantenuto quindi un contatto diretto con la natura e la botanica in particolare.” Nel suo laboratorio di Masone lo scultore abbozza inizialmente il tronco con una motosega di piccole dimensioni studiata apposta per la scultura lignea e poi rifinisce l’opera con sgorbie e massuoli.

Il suo metodo di lavoro è genuino e sincero, l’artista cerca di mettere a nudo la vera anima del legno e la sua mano si fa condurre dalle sinuosità e dalle curve dello stesso materiale. “Penso che le piante vadano rispettate sia da vive che dopo averle tagliate”, conclude Dagnino, “dal legno possiamo ottenere tanti oggetti di uso quotidiano ed inoltre a me dà la possibilità di esprimere la mia arte, in un certo senso cerco di fare rivivere la pianta attraverso le mie sculture, che rappresentano per lo più la fauna del nostro territorio come caprioli, cinghiali, volpi, faine, gufi e lupi”, come ricorda la targa di fronte alla sua abitazione qui colit arborem se ipse colit, “chi ama la natura ama sé stesso”.

riproduzione riservata.

Luca Serlenga
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina