Home | Magazine | È arrivato il primo caldo, come difenderci

Aumento delle temperature con aria molto umida

È arrivato il primo caldo, come difenderci

 Dopo una primavera piuttosto fredda e molto piovosa è giunto il primo caldo, da domenica si sta registrando un forte rialzo delle temperature e, soprattutto, del tasso di umidità.

Il primo caldo è anche quello più fastidioso, in quanto l’organismo non è ancora abituato agli sbalzi di temperatura. I sintomi più classici sono stanchezza, debolezza e anche disturbi allo stomaco e all’intestino.

Con il caldo la pressione arteriosa tende ad abbassarsi, con la conseguenza che aumenta la sensazione di debolezza e di affaticamento, in particolare nelle persone che soffrono di pressione bassa.

Dal caldo però possiamo difenderci adottando alcuni semplici ma pratici consigli:

– evitare di uscire nelle ore più calde della giornata (solitamente la fascia 11-18) preferendo invece il mattino e la sera

– indossare abiti comodi e leggeri

– rinfrescare l’ambiente domestico e di lavoro aprendo le finestre al mattino presto, alla sera tardi e durante la notte per far entrare aria fresca

– non esagerare con i climatizzatori, la temperatura ideale di un ambiente interno è tra i 24 ed i 26 gradi

– bere molta acqua, almeno due litri di acqua al giorno, mangiare frutta e verdura ed evitare alcolici e cibi pesanti

– fare spesso docce e bagni tiepidi

– fare molta attenzione alla conservazione dei cibi, evitando di lasciarli all’aperto per più di due ore

Per i bambini evitare l’esposizione diretta al sole, specialmente nella fascia oraria 11-18, applicare sempre creme solari sulla pelle, far modo che i bambini bevano molti liquidi evitando però accuratamente le bevande fredde

In mattinata si sono registrate temperature tra i 27 ed i 29 gradi, unite però a dei tassi di umidità molto alti (intorno al 75-80%) che portano la temperatura percepita dal corpo a circa 35-36 gradi. A partire da domani, e specialmente da sabato, è previsto un calo delle temperature con aria meno umida.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina