Home | Valle Stura e Val d'Orba | Stagione autunnale di cabaret al Museo Tubino di Masone

Con la rassegna "Per un'ora a Masone non sò cosa darei"

Stagione autunnale di cabaret al Museo Tubino di Masone

 Prenderà il via questo venerdì la serie di cinque appuntamenti con il cabaret a Masone.

Per tutto il mese di ottobre, ogni venerdì l’evento “Per un’ora a Masone non so cosa darei”, che si svolgerà presso l’auditorium del Museo Civico “Andrea Tubino”, organizzato dall’Associazione Amici del Museo di Masone e dall’Associazione Teatro Cinemasone.

Il primo appuntamento sarà appunto venerdì 28 alle ore 21:00 con il duo di cabarettisti Andrea Bottesini e Marco Arena.

Andrea Bottesini oltre che cabarettista è anche tenore lirico. Nel corso dello spettacolo darà vita ad un esilarante viaggio introspettivo ed extrasensoriale basato sulle logiche dell’io dominante e sulle “supercazzole” per un cabaret da battaglia.

Nella serata ci sarà il ritorno sulle scene di Marco Arena, il cabarettista attraverso gustosi monologhi racconterà i suoi incontri esilaranti con personaggi come il mafioso Ciro, per cui la legge è soltanto un’opinione, la pettegola signora Pina, il vigile di quartiere e l’inviato speciale. Il tutto con un linguaggio da commedia dell’assurdo.

Promotore dell’iniziativa è il comico Carlo Denei (autore di Striscia La Notizia), insieme al presidente del Museo Civico Tubino, Gianni Ottonello.

Il costo del biglietto è di 10 Euro e il ricavato verrà interamente devoluto ai costi di restauro del Teatro Opera Mons. Macciò di Masone.

I prossimi appuntamenti vedranno in scena Carlo Cicala e Roby Carletta, Stefano Lasagna e Rino Giannini, Andrea Carlini e Andrea Carretti e Io & Lei e Stefano Lasagna.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina