Home | Valle Stura e Val d'Orba | SAAMO, linea Masone-Ovada: bus sovraffollati

Il sindaco di Urbe denuncia una problematica per molti studenti del nostro territorio che decidono di studiare a Ovada

SAAMO, linea Masone-Ovada: bus sovraffollati

In una lettera indirizzata alla società di trasporti SAAMO, il sindaco di Urbe, Fabrizio Antoci, denuncia la situazione  in cui gli studenti provenienti dal comune della Alta Valle dell’Orba sono costretti a viaggiare per raggiungere Ovada: sono tanti, infatti, gli studenti urbaschi, tiglietesi e della Valle Stura che, concluse le medie inferiori, decidono di proseguire il proprio percorso formativo superiore in Basso Piemonte. Oltre alle problematiche legate alla distanza, in questi anni gli studenti provenienti dal nostro territorio hanno avuto a che fare con i numerosi disagi legati al sovraffollamento della linea Masone-Ovada gestita dalla società piemontese: come si evince dalla lettera, il sindaco di Urbe stigmatizza le modalità con le quali viene effettuato il trasporto, tra cui i limitati posti a sedere, l’intero corridoio congestionato dai numerosi studenti e addirittura il fatto che alcuni ragazzi sono costretti a viaggiare sul predellino interno“Tale situazione è palesemente contraria alle norme del codice della strada”, scrive il sindaco Antoci, “e ad ogni regola di sicurezza, anche in considerazione del salato abbonamento che le famiglie pagano per i pochi chilometri della tratta (abbonamento che peraltro non è utilizzabile su altre linee SAAMO)”, chiedendo all’azienda una immediata risoluzione del problema.

riproduzione riservata.

In foto: un mezzo della SAAMO fermo alla stazione di Ovada tratto dalla pagina FB “Autobus per passione”

Matteo Serlenga
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina