Home | Valle Stura e Val d'Orba | Mele, l’arte di Rossella Baldecchi per Genova

L'artista pistoiese in mostra al Museo della Carta di Acquasanta

Mele, l’arte di Rossella Baldecchi per Genova

Si è inaugurata alla fine di settembre, al Museo della Carta di Mele, la mostra dell’artista Rossella Baldecchi.

La mostra, che andrà avanti fino al 24 novembre, si concluderà con una giornata speciale, dove l’artista donerà alla comunità genovese la sua opera realizzata appositamente per commemorare le vittime della tragedia del Viadotto Polcevera.

Nella giornata di chiusura ci sarà una cerimonia di consegna dell’opera, alla presenza del sindaco di Genova, Marco Bucci, del sindaco di Mele, Mirco Ferrando e del presidente del Municipio Ponente, Claudio Chiarotti.

«La mostra è stata concordata con Giuseppe Traverso, il mastro cartaio e responsabile del Museo nel mese di marzo – ci spiega l’artista – oltre che ad olio su tela mi sono dedicata alle incisioni ed alla stampa calcografica, allestendo le mostre nei musei dedicati alla carta, prima a Fabriano, adesso a Mele e successivamente ne farò una ad Amalfi». Riguardo all’opera dedicata alla città di Genova l’artista ci spiega «La tragedia del 14 agosto mi ha colpito moltissimo, sia come persona che come artista. Non potevo venire a Genova senza rendere omaggio ad una città che ha sofferto così tanto. Vedere quello che è accaduto e stato devastante e come artista non potevo rimanere indifferente – ci dice Rossella Baldecchi – da qui è nata la mia opera intitolata “Genova 43” che rappresenta una donna angelo con le spalle al muro circondata da quarantatré farfalle».

Rossella Baldecchi è nata a Pistoia, città dove vive ed opera, ha frequentato prima l’Istituto d’Arte e poi l’Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1983 anno in cui allestisce la sua prima importante esposizione alla Mostra delle Giovani Presenze Artistiche di Forte dei Marmi. Nel 1987 diventa insegnante all’Istituto d’Arte di Pistoia, dove attualmente è docente di design industriale. Nel 2006 crea il progetto “Parole Dipinte” che l’anno dopo è una mostra nel Palagio di Parte Guelfa di Firenze e nel 2008 viene presentata a Villa Bottini di Lucca. Nel 2010 allestisce una mostra personale di pittura ed incisione a Reutlinger in Germania e nell’estate del 2011 la sua mostra “Haiku di primavera” viene patrocinata per l’alto valore artistico dall’Ambasciata del Giappone di Roma. Negli ultimi anni ha partecipato ad esposizioni e concorsi in Polonia, Cina, Giappone, Stati Uniti, Lituania, Francia, Corea e Spagna.

Si è occupata di sensibilizzazione sui problemi e contro la violenza sulle donne con diverse mostre personali in Italia e all’estero e la realizzazione del dipinto “Il cielo addosso” collocato nella Sala Manzini della Biblioteca San Giorgio di Pistoia. Lo scorso anno è stata invitata in Giappone alla Gallery T di Tokyo dove ha presentato la mostra personale “Italian Beauty”.

Fabio Mazzari
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina