Home | Ovada e Ovadese | Silvano d’Orba, presentazione del libro di Giovanni Maria Calderone

"La guerra del '15" presso il Circolo Dialettale "Ir Bagiu"

Silvano d’Orba, presentazione del libro di Giovanni Maria Calderone

 Domenica 4 novembre 2018, alle ore 15,30 presso i locali della “Galleria Silvanese” – mostra permanente allestita nei sotterrani del Palazzo Comunale di Silvano d’Orba, in piazza Cesare Battisti – sarà presentato il libro del dottor Giovanni Maria Calderone, «La guerra del ’15. Storia dei caduti silvanesi e di qualche sopravvissuto», edito dall’Associazione Culturale «Circolo Dialettale Silvanese “Ir Bagiu”». Dopo quattro anni di ricerca – passati tra archivi cartacei e telematici, interpellanze a vari Uffici Militari e un viaggio a Parigi – finalmente vede la luce questo libro, che si compone di quasi quattrocento pagine, a testimonianza del lungo lavoro e dell’impegno nel reperire tutte le fonti disponibili e tracciare le vicende umane di tutti i Silvanesi che presero parte al primo conflitto mondiale.

«Con quest’opera ho voluto ricordare tutti i Caduti di Silvano d’Orba nella “Guerra del ‘15”, la Prima Guerra Mondiale, a cento anni di distanza dalla sua conclusione», afferma l’autore, Giovanni Maria Calderone, che continua: «questo libro è il frutto di una ricerca lunga e accurata che ha portato alla “scoperta” della vita di molti giovani, i cui nomi sono scritti in gran parte, ma non tutti, sulla lapide che nel centro del paese tenta di ricordarli al passante distratto».

«Penso che tale lavoro di ricerca e di descrizione», afferma Claudio Passeri, Presidente del Circolo “Ir Bagiu”, «sia un altissimo e nobile atto di riconoscenza, di amore fraterno e di rispetto verso coloro che ci hanno preceduto su questo fazzoletto di terra: ricordare ciò che altrimenti andrebbe perduto, ovvero il sacrificio di tante vite spezzate in una “inutile strage” – come la definì Papa Benedetto XV – per la follia di una terribile guerra. I ragazzi che Giovanni descrive non lo potranno ringraziare, ma vorrei farlo io per loro, perchè ricordandoli li ha fatti per un momento ritornare vivi! Bravo Giovanni! E grazie di cuore!»

Conclude Ivana Maggiolino, Sindaco di Silvano d’Orba: «Riportare alla memoria i nomi, i volti e le singole storie che altrimenti andrebbero perduti, fermarli per sempre per poterli conservare, è un obbligo, prima di tutto, morale. Questo libro ha il merito di riportare nella terra dalla quale sono partiti, che magari non hanno più rivisto e che mai potrà riaccoglierli, almeno i nomi dei tanti nostri compaesani che sono morti lontani. Ringrazio dunque Giovanni Maria Calderone per la sua ricerca storica e per il suo impegno. E al lettore auguro di trovare in queste pagine il doveroso insegnamento per capire e giudicare i fatti che contraddistinguono il nostro tempo, perché senza “memoria del passato” non può esserci piena consapevolezza del presente e del futuro».

Giovanni Maria Calderone, Silvanese di nascita, è un dirigente in pensione dell’industria cartaria. “Emigrato” a Milano per lavoro, è tornato a vivere, da qualche anno, nel paese natìo. Si occupa di storia locale ed è un membro molto attivo dell’Associazione Culturale «Circolo Culturale Silvanese “Ir Bàgiu”» che ha tra i suoi obiettivi quello di far conoscere la storia e le bellezze del territorio, di valorizzarne i monumenti, di raccontarne le tradizioni e di tenere in vita il dialetto. La storia dei Caduti Silvanesi della Grande Guerra è il contributo che ha voluto dare per non dimenticare i giovani di cento anni fa che hanno dovuto lasciare le proprie case, i propri affetti, per andare a combattere una guerra lunghissima in condizioni che oggi non siamo nemmeno in grado di immaginare.

Claudio Passeri
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina