Home | Sport | Novi Pallavolo, all’inferno e ritorno

Tre punti preziosi contro la bestia nera Savigliano

Novi Pallavolo, all’inferno e ritorno

 Sotto di un set e in difficoltà nel secondo (11-14) il baratro sembrava spalancato per il Novi Pallavolo; Il Savigliano nel primo set aveva giocato meglio, sbagliato meno ed evidenziato i soliti problemi in ricezione della squadra di mister Quagliozzi, sono bastate però due-tre battute di Volpara per riaccendere la fiammella e capovolgere la situazione.

Questa è la pallavolo, cari lettori, capace di rovesciare una partita in venti minuti.

Novi, vinto il secondo set ai vantaggi, si galvanizza e comincia a giocare bene, con Corrozzatto che distribuisce meglio i palloni cambiando il gioco, con Romagnano che suona la carica, lui che è un 2001, con capitan Moro che, anche acciaccato, riesce sempre a trovare lo spiraglio giusto; una vittoria questa che ricolloca i biancocelesti al centro di una classifica corta, con nove squadre a distanza di quattro punti.

Il 3-1 (18-25,26-24,25-22,25-19) finale segna anche il ritorno alla vittoria contro una formazione che nelle ultime quattro partite contro Novi aveva vinto per tre volte; per i cuneesi l’infortunio di Perna ha segnato una svolta in negativo ma al sestetto novese va riconosciuta la reazione (non abbiamo però la controprova).

A fine gara ecco i commenti a cominciare da Luca Corrozzatto, palleggio:” Dovevamo dimostrare che la classifica era bugiarda, dopo il primo set i fantasmi sono ricomparsi ma poi c’è stata la reazione”.

Corrozzatto e la trasferta di Mozzate, avversario la Pro Patria Varese:” Vogliamo vincere anche in trasferta, dobbiamo essere bravi a raccogliere punti sia in casa che fuori”.

Stefano Moro, capitano che ha tirato fuori artigli ed esperienza:” Quella di stasera è stata una gara di testa, una gara lunga e di tensione, ci siamo fatti sporcare la maglia e ci fatti sanguinare le ginocchia; dove possiamo arrivare’?; non lo so ma questo è un gruppo che lavora, che si diverte quando vince e che riconosce la superiorità dell’avversario quando perde”.

Anche Moro dice la sua sulla trasferta lombarda:” E’ ora di prendere i primi tre punti in trasferta, la nostra parola d’ordine sarà quella di rimanere concentrati sempre”.

Francesco Romagnano, banda:” A parte il primo set direi che abbiamo avuto dei fondamentali positivi, la ricezione, la difesa ed il muro sono migliorati, così come la battuta; questi tre punti sono importanti, sappiamo però che la strada è ancora lunga e che sabato dobbiamo raccogliere i primi tre punti in trasferta”.

Luca Semino, titolare per la prima volta dall’inizio:” Difficoltà nel primo set, bravi poi a reagire, abbiamo annullato loro la palla dello 0-2, dal terzo in poi c’è stato il carattere della squadra; è ora di vincere anche in trasferta, dobbiamo cancellare quello zero nella casella set vinti fuori casa”.

Grazia Ponassi, presidente Novi:” Dopo il primo set ho temuto il peggio, poi però la squadra ha avuto una bella reazione, determinante a mio avviso la distribuzione del gioco; sono due anni che iniziamo zoppicando, occorre una sterzata positiva”

Matteo Scarrone, banda:” Dopo un primo set difficile siamo migliorati in battuta inoltre sono diminuiti gli errori, dal terzo set abbiamo cominciato a giocare come sappiamo”.

Mister Salvatore Quagliozzi analizza così la vittoria:” Primo set perso per troppi errori in battuta, dal secondo set in poi abbiamo messo loro piu’ pressione, l’attacco infatti alla fine è stato positivo per il 60%, i nostri muri vincenti sono stati sopra la media; una gara sofferta ma meritata, una vittoria della pazienza, una vittoria di carattere”.

Lo stesso Quagliozzi vuole vedere la stessa grinta anche a Mozzate:” Dobbiamo essere fin da subito aggressivi, possiamo dire la nostra ovunque e lo sappiamo, la classifica per ora non la guardo, dopo cinque gare è troppo presto per parlare di favoriti o squadre materasso, andiamo a Mozzate per vincere punto e basta”.

Per il Savigliano parla il tecnico Roberto Bonifetto:” L’inerzia era tutta dalla nostra parte dopo il primo set, nel secondo non siamo riusciti ad approfittarne, dal terzo in poi siamo stati imprecisi, siamo calati in battuta e ricezione”.

Bonifetto e l’obiettivo del Savigliano:” Non c’è un obiettivo preciso, questo è un campionato equilibrato, non c’è una lepre, noi vogliamo fare un campionato dignitoso e attestarci nei primi sette posti in classifica”.

 

IPSE DIXIT: “La società mi ha sempre appoggiato, anche in momenti difficili come questi” (Salvatore Quagliozzi)

Così in campo: Corrozzatto, Moro, Zappavigna, Semino, Scarrone, Romagnano, U. Quaglieri (libero), Bassanese (2°libero): utilizzati Bettucchi, Volpara

 

Classifica: Alba 15, Cerealterra 11, S. Anna Torino, Volley Parella Torino 10, Busseto 9, Caronno Pertusella Va 8, Garlasco, Novi Pallavolo 7, Opem Parma, Savigliano, Pavic 6, Pallavolo Saronno, Cus Genova 5, Pro Patria Va 0

 

 L’EDITORIALE: NOVI IN VIA DI GUARIGIONE

di Mario Bertuccio

 

La vittoria contro il Savigliano, storica formazione che da piu’ di un decennio affronta i biancocelesti, la paragoniamo alla classica aspirina quando sentiamo i sintomi del raffreddore; Novi non è ancora guarita, è emersa da una situazione di classifica che si stava complicando, è vero, ma deve ancora mettere a posto i tasselli per inanellare una serie di vittorie che la consacrerebbero come candidata ad un posto al sole.

Mister Quagliozzi, nei tre anni da quando è tecnico, ha sempre avuto una partenza difficile; nel primo anno vinceva solo le gare casalinghe, la prima vittoria esterna è arrivata in dicembre a Cuneo, la scorsa stagione (e anche questa) ha avuto passaggi a vuoto nella terza e quarta giornata, ha gli stessi punti (sette) ma quest’anno ha un piccolo vantaggio, non c’è una formazione ammazzacampionato; nella scorsa stagione la distanza dal secondo posto, ovvero da Pallavolo Saronno e S. Anna Torino, era di meno otto, quest’anno si è dimezzata; la capolista Alba non puo’ sostenere ritmi così alti e bisogna vedere come reagirà alle prime difficoltà; i langaroli vantano un piu’ tredici rispetto alla scorsa stagione, tutte le altre a parte il Volley Parella sono con segni meno: S. Anna è a meno cinque, Savigliano è a meno due, Pallavolo Saronno addirittura a meno dieci, Garlasco a meno uno; il campionato è ancora lungo ma quello di quest’anno sembra piu’ livellato verso l’alto e non perdona chi rimane indietro fin dalle prime giornate.

 

Mario Bertuccio
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina