Home | Sassello | Leggi razziali, proiezione di “1938-diversi” a Sassello

Le leggi antiebraiche del 1938 rappresentano una delle pagine più funeste della nostra storia

Leggi razziali, proiezione di “1938-diversi” a Sassello

Mercoledì 21 e giovedì 22 novembre si terranno a Sassello le proiezioni del documentario-film di Giorgio Treves “1938-diversi”, che ha portato sul grande schermo la tragedia delle leggi razziali, una delle pagine più buie della nostra storia, e delle tragiche conseguenze che ebbero sulla popolazione italiana di origine ebraica e non solo. Le proiezioni (mercoledì mattina dedicata alle scolaresche e giovedì alle ore 21 per la comunità al prezzo di 5 euro presso il cinema teatro parrocchiale) sono state organizzate dal Comune di Sassello in collaborazione con l’Associazione Teatro di Sassello e vedranno la partecipazione di Mario Bolla – presidente ANED (associazione deportati) Savona, Irene Dematteis – Presidente ANPI Savona – e del giornalista Ferdinando Molteni.

L’evento ha come fine di raccontare quello che accadde in Italia con le leggi razziali per non dimenticare e riflettere assieme, grazie alla proiezione del documentario-film, che mostra i meccanismi messi in attimo dalla propaganda fascista per trasformare alcuni cittadini italiani di fede ebraica come “diversi”, grazie a vignette, articoli, filmati, stereotipi, pregiudizi e addirittura fumetti, per poi concludersi con il tragico sodalizio con la Germania nazista di Adolf Hitler.

“Per questo dobbiamo studiare a fondo la storia del ‘900”, spiega il sindaco di Sassello, Daniele Buschiazzo, “e ci deve insegnare a superare le divisioni. Occasioni, come la proiezione di questo documentario, sono importanti quindi per tutta la nostra comunità e ringrazio la Consigliere Rita Lasagna per aver portato avanti questa iniziativa”.

Riproduzione riservata.

Matteo Serlenga
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina