Home | In cielo | Una stella super nuova!

Una stella super nuova!

Stavo preparando il mio secondo intervento per questo blog, un po’ nei ritagli di tempo a causa di vari impegni sovrapposti, quando ho subito deciso di mettere da parte le poche note scritte perché… c’è una novità in cielo!
E’ apparsa da pochi giorni, ed è alla portata di un piccolo cannocchiale, una supernova. Denominata SN 2014J, potrebbe crescere in luminosità fino a giungere alla portata di un paio di buoni binocoli. In una galassia piuttosto vicina a noi, ovvero a una decina di milioni di anni luce (90 miliardi di miliardi di chilometri), a “due passi” dal cosiddetto Gruppo Locale, cui appartiene la Via Lattea, ovvero la galassia che ci ospita. La supernova è apparsa nella galassia M82, che si trova, come la vicina M81, nella costellazione dell’Orsa Maggiore, grosso modo a metà strada fra la Stella Polare e il retro del grande carro. Contrariamente agli iridium flares descritti nel
post precedente, osservare la supernova non è un fatto “locale”. Lo spettacolo è lo stesso, visto da un qualunque punto della Via Lattea, la nostra galassia. Ed è uno spettacolo impressionante: questa sola stella, con la sua esplosione, emette talmente tanta energia che la sua luminosità è paragonabile a quella dell’intera galassia che la ospita. Non dimentichiamo che una galassia ospita mediamente un numero di stelle dell’ordine di un miliardo. Provate ad immaginare un “fiammifero” che da solo produca la luce di un miliardo di fiammiferi…
La quantità di energia liberata da una supernova è veramente impressionante. Già il funzionamento ordinario di una stella ordinaria come il nostro sole è impressionante, confrontato con le nostre dimensioni.
Ma con le supernove si parla di ben altro livello di energia: grosso modo un foe, più o meno l’energia diffusa dal nostro sole nel corso della sua intera esistenza, diciamo una decina di miliardi di anni…

Si può provare a vederla? Come detto, dovrebbero bastare un paio di buoni binocoli. Magari meglio se si ha un piccolo telescopio. Qui sotto metto un po’ di link che possono servire a trovarla.

Vale la pena cercarla? Dopotutto, uno alla fin fine vede solo un piccolo puntino luminoso dentro una specie di piccolo ed allungata nuvoletta (poco) luminosa. Quasi una sfida per la vista. Però, se penso che potrebbe essere l’unica occasione che ho per vedere una cosa simile, e per la sfida con se stessi di riuscire a farcela, io ci provo. Così come mi sono attrezzato, a suo tempo, per osservare il transito di Venere (due foto sono mie!) davanti al sole, visto che il prossimo difficilmente lo vedrò. O la “nova” apparsa lo scorso anno, in agosto, nella costellazione del Delfino, facilmente rintracciabile con un binocolo. E fotografata:

Per riuscire a individuare M82 e, più in generale, per osservare le stelle può essere utile avere delle mappe che le descrivano, giorno per giorno e a diversi livelli di dettaglio. Niente di meglio che procurarsi il programma (gratuito!) “Stellarium”.

Buon naso all’insù

PS (3 febbraio 2014): ormai la supernova ha raggiunto e superato il suo massimo di luminosità. Peccato che il tempo non sia stato propizio.

Crediti: l’immagine che illustra questo articolo è tratta da Wikipedia Commons
 

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina