Home | In terra | Le gioie dei pagamenti online

Le gioie dei pagamenti online

Ieri ho usato tre diverse modalità di pagamento online, per tre differenti tipologie di pagamenti. Diciamo che non è stata una delle giornate migliori.
Un pagamento, oltretutto di piccolo importo, effettuato ad Amazon Italia, “è stato declinato”, stando alla email ricevuta. Ho provato a rimediare, oggi, anche se non mi è chiaro il perché di quel “declino”. Vedremo, sono in attesa di un “ok” da Amazon Italia.
Mi ha turbato di più l’esito del tentativo di pagare online il bollo dell’auto. Effettuato tramite il portale piemontese, già usato alcuni mesi fa per analogo scopo, tutto sembra procedere per il meglio. O, forse, dovrei dire “come di consueto”, con la reintroduzione per la millesima volta di miei dati, inclusi quelli anagrafico/fiscali canonici. In ogni caso, arrivo all’ultima tappa, dando l’ordine di pagamento. Risultato: “il server non è raggiungibile”. Accidenti, che faccio? Dopo qualche tentativo tentennante, decido di provare a rifare l’intera procedura, usando un altro browser. Senza farla lunga: identico risultato, ovvero “il server non è raggiungibile”. Uffa! Vabbé, ci riproverò domani, tanto ho tempo fino al 31. Poco dopo, guardo le mail ultime arrivate e, toh, due mail da bolloweb_noreply@csi.it, ciascuna delle quali dice: “… e’ stata presa in carico la sua richiesta di pagamento della tassa automobilistica per il veicolo …”. Cosa? Ho pagato due volte il bollo? Sembra proprio di sì, anche perché le ID della transazione e del versamento sono (come prevedibile) diverse nelle due email. Soluzione? Ho telefonato stamattina al numero verde associato al servizio. E una gentile signora, Silvia Z, si è occupata della mia situazione, comunicandomi successivamente con una email che i pagamenti non erano stati perfezionati. Bene… vedremo se riuscirò a breve a pagare il bollo un numero di volte dispari, possibilmente inferiore a 3.
Ma la cosa più carina è stata questa. Faccio un ordine per dei prodotti da una ditta, con la quale non avevo mai avuto a che fare, prima: questo significa l’ennesima registrazione, con scelta di “nome utente” e “password”. Qui tutto fila liscio (anche se ci sono stati piccoli intoppi, dovuti a un sistema ampiamente migliorabile). Ordine fatto, ordinato il bonifico, tutto a posto. Bene, mi arriva pure la mail di conferma della registrazione al sito, ma…
… ma la mail contiene la password che ho scelto, scritta in chiaro! Da quel poco che so di internet e del sistema di posta elettronica mi sa che sia una procedura demenziale.

Poteva andare meglio. O anche peggio!

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina