Home | Categoria1 | Fuori orario

Fuori orario

fuori orario

Questa volta consiglio la lettura di un saggio uscito nel 2010 (con successive ristampe), ma sempre attualissimo: Fuori Orario, scritto per le edizioni Chiarelettere da Claudio Gatti. Fa un po’ rabbia; ma quanto si legge  non stupisce tanto chi è abituato a viaggiare in treno ed ha visto come nel corso degli anni il servizio è andato peggiorando.

Ciò che si trova riportato è piuttosto triste, non solo per gli utenti del servizio ma anche per quei dipendenti delle Ferrovie seri, che vorrebbero lavorare o aver lavorato in un’azienda condotta in altra maniera. Non è, come qualcuno potrebbe pensare, un semplice atto d’accusa verso la dirigenza di Trenitalia negli ultimi anni. Anzi, è dato atto dell’opera di molti dirigenti che hanno cercato di combattere il malcostume imperante, in alcuni casi pagando con la perdita del posto la loro inflessibilità. Ciò che emerge, confermato da documenti e testimonianze, è qualcosa di più vasto e preoccupante: un sistema che è un misto di connivenze, superficialità, omissioni, pressapochismi, furberie, prepotenze, insieme a vere e proprie ruberie e truffe; ciò coinvolge, insieme ad alcuni ferrovieri, molti politici, imprenditori, sindacalisti: tutti impegnati a coltivare i propri interessi sempre a danno del sistema pubblico. E ce n’è anche per gli utenti, dove si rilevano vaste sacche di evasori del biglietto o di semplici maleducati (il maltrattamento da parte dei passeggeri, anche se in piccola minoranza, del materiale ferroviario incontra i più alti indici in Europa). Per cui si può giustamente parlare, come scritto nella quarta di copertina, di “Ferrovie italiane come specchio della situazione e della storia del nostro paese”.

Per completezza d’informazione, va anche detto che le FS hanno citato a giudizio per diffamazione l’autore e l’editore per alcune delle affermazioni contenute nel testo. Vedremo come andrà a finire. Ma voglio anche ricordare che Claudio Gatti è in campo internazionale considerato uno dei più seri giornalisti italiani (attualmente collabora, oltre che con Il Sole 24 Ore, anche con il New York Times, l’International Herald Tribune e il Philadelphia Inquirer; in passato ha lavorato per altre testate prestigiose come Corriere della Sera, Financial Times, L’Europeo, Il Mondo).

 

 

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione con un commento all'articolo, che verrà moderato dalla redazione prima della sua pubblicazione. Affinché il tuo contributo possa essere pubblicato, dovrà attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato* Campi obbligatori *

*

Torna ad inizio pagina