IN RICORDO DI ALDO GASTALDI

IN RICORDO DI ALDO GASTALDI

Si sono appena concluse le celebrazioni del 25 Aprile, ma vorrei ricordare la figura di Aldo GastaldiBisagno” perché lui, in quei giorni tragici dopo l’8 settembre 1943 quando indegnamente il Paese fu abbandonato nel caos più assoluto dalla sua classe dirigente, nella lotta fratricida che ne seguì non vedeva “nemici“, ma solo gente che la pensava in maniera diversa, difendendo l’idea di Libertà da tutti coloro che volevano ammantarla di questo o quel colore politico.

Anch’io, sia pure nella mia modesta dimensione di persona senza nessun blasone, durante la mia carriera politica prima nelle istituzioni e ora nel mondo dell’informazione, non ho mai visto, in chi aveva o ha opinioni o posizioni partitiche diverse dalla mia, nemici, ma solo persone che la pensavano e la pensano in modo diverso.

E sul giornale (“l’inchiostro fresco“) che con un gruppo di amici ho creato sin dal lontano 1985, cerco di dar voce a tutti, permettendo le diverse posizioni a confronto.

Saranno poi i lettori a decidere e, trasportando l’uguale concetto nel panorama più ampio elettorale, saranno i cittadini a scegliere con il loro voto i loro rappresentanti, esprimendo quella che Rousseau chiamava la “volontà generale“, che poi è quella che guida una società.

Vi accludo il filmato della visita che – scendendo dal Monte Antola, dopo una breve sosta alla Casa del Romano per riprenderci dalla fatica – feci nel giugno 2016 con Giusy al monumento a d Aldo Gastaldi a Fascia, proprio per rendergli onore.

Qui di seguito vi accludo una nota del mio amico Franco Astengo sulla tragica morte di Aldo gastaldi che avvenne il 21 maggio 1945 a Desenzano del Garda.

A tutti un abbraccio da

Gian Battista Cassulo

In ricordo della tragica morte di Aldo Gastaldi avvenuta il 21 maggio 1945 a Desenzano del Garda – pezzo a firma di Franco Astengo

La mia opinione è che è stato un incidente tragico ma un incidente. Voci che circolano ma mai provate, tra l’altro in quel momento si trovava sul Lago di Garda,lontano dalla sua zona di operazioni. La lotta di liberazione non è stata un pranzo di gala e il ruolo dei partiti è risultato assolutamente decisivo anche per via della corrispondenza tra le forze politiche presenti nel CLN e le corrispondenti formazioni combattenti. Occorrevano catena di comando e disciplina, difficili da mantenere senza professionalità militare e capacità di coagulo che soltanto l’appartenenza ai partiti poteva garantire. Certo con contraddizioni e difficoltà, in un momento così tragico.

Dotato di forte personalità, Aldo Gastaldi, fervente cattolico e fermamente apartitico, insieme al comunista Serbandini stabilì per gli uomini della Divisione severe regole di comportamento, il famoso “Codice di Cichero” che tutti i partigiani si impegnarono a rispettare nonostante le condizioni al limite della sopravvivenza: “in attività e nelle operazioni si eseguono gli ordini dei comandanti, ci sarà poi sempre un’assemblea per discuterne la condotta; il capo viene eletto dai compagni, è il primo nelle azioni più pericolose, l’ultimo nel ricevere il cibo e il vestiario, gli spetta il turno di guardia più faticoso; alla popolazione contadina si chiede, non si prende, e possibilmente si paga o si ricambia quel che si riceve; non si importunano le donne; non si bestemmia”.

Bisagno combatté tenacemente esponendosi sempre in prima persona contro la politicizzazione della Divisione e delle formazioni Partigiane.
Come riportato dal “Dizionario della Resistenza”(Einaudi, 2001) e dal “Dizionario della Resistenza in Liguria” di Gimelli e Battifora (De Ferrari, 2008), “Bisagno” era decisamente critico nei confronti del partitismo, poiché esso avrebbe potuto “[….]incrinare la lotta partigiana[…]. “Noi non abbiamo un partito, noi non lottiamo per avere un domani un cadreghino, vogliamo bene alle nostre case, vogliamo bene al nostro suolo e non vogliamo che questo sia calpestato dallo straniero, dobbiamo agire nella massima giustizia e liberi da prevenzioni”.]
Bisagno, uomo dotato di forte personalità e carisma scriveva all’età di 21 anni: Continuerò a gridare ogniqualvolta si vogliano fare ingiustizie e griderò contro chiunque, anche se il mio grido dovesse causarmi disgrazie o altro.”.

Morì il 21 maggio 1945 cadendo dal tetto della cabina del mezzo su cui stava viaggiando (un autocarro Fiat 666), finendo sotto le ruote, nella frazione Cisano di Bardolino, nei pressi di Desenzano, mentre accompagnava a casa gli alpini del battaglione Vestone della Divisione Alpina Monterosa, che avevano deciso di combattere al suo fianco, per tener fede alla promessa fatta a Cabella Ligure il 4 novembre 1944.

L’improvvisa morte di Bisagno, avvenuta nei giorni convulsi che seguirono la Liberazione, ha suscitato diverse polemiche. In particolare, s’è ipotizzato un omicidio per la sua opposizione alle frange comuniste del movimento partigiano. La tesi dell’omicidio, tuttavia, non è mai stata provata ed è contestata da diverse testimonianze, che insistono sull’accidentalità dell’evento.

Gianpaolo Pansa, pur non prendendo esplicitamente posizione sul tema, ha riportato i dubbi riguardanti la fine di Bisagno in un articolo ed anche nel suo libro del 2018 Uccidete il comandante bianco.
Il libro di Pansa è stato criticato in quanto, non citando fonti e testimonianze, si avvicinerebbe più ad un romanzo che ad un’opera storica.

Alla fine degli anni Novanta un documento firmato da ex-capi partigiani di ogni tendenza politica (cattolici, socialisti, comunisti, liberali), oltre a contestare le tesi sul possibile omicidio, avviò le procedure per la traslazione della salma del Comandante nel Pantheon del Cimitero monumentale di Staglieno, a Genova

Ad Aldo Gastaldi il comune di Genova ha dedicato un’importante arteria cittadina (rinominando il Corso Giulio Cesare) su cui si affaccia la Casa dello Studente, teatro negli anni dell’occupazione nazista di efferate torture. Una statua con lapide a suo ricordo si trova al Parco dell’Acquasola, nel centro cittadino. Sempre a Genova un Istituto Tecnico Industriale porta il suo nome.

Franco Astengo

IN RICORODO DI ALDO GASTALDI

IN RICORDO DI ALDO GASTALDISi sono appena concluse le celebrazioni del 25 Aprile, ma vorrei ricordare la figura di Aldo Gastaldi "Bisagno" perché lui, in quei giorni tragici dopo l'8 settembre 1943 quando indegnamenteil Paese fu abbandonato nel caos più assoluto dalla sua classe dirigente, nella lotta fratricida che ne seguì non vedeva "nemici", ma solo gente che la pensava in maniera diversa, difendendo l'idea di Libertà da tutti coloro che volevano ammantarla di questo o quel coloroe politico.Anc'io, sia pure nella mia modesta dimensione di perona senza nessun blasone, durante la mia carriera politica prima nelle istituzioni e ora nel mondo dell'informazione, non ho mai visto, in chi aveva o ha opinioni o posizioni partitiche diverse dalla mia, nemici, ma solo persone che la pensavano e la pensano in modo diverso.E sul giornale che con un gruppo di amici ho creato sin dal lontano 1985, cerco di dar voce a tutti, menttendo le diverse posizioni a confronto.Saranno poi i lettori a decidere e, trasportando l'uguale concetto nel panorama più ampio elettorale, saranno i cittadinii a scegliere con il loro voto i loro rappresentanti, esprimendo quella che Rousseau chiamava la "volontà generale", che poi è quella che guida una società.Vi accludo il filmato della visita che – scendendo dal Monte Antola, dopo una breve sosta alla Casa del Romano per riprenderci dalla fatica – feci nel giugno 2016 con Giusy al monumento a d Aldo Gastaldi a Fascia, proprio per rendergli onore.Qui di seguito vi accludo una nota del mio amico Franco Astengo sulla tragica morte di Aldo gastaldi che avvenne il 21 maggio 1945 a Desenzano del Garda.A tutti un abbraccio daGian Battista Cassulo************************************************************************In ricordo della tragica morte di Aldo Gastaldi avvenuta il 21 maggio 1945 a Desenzano del Garda di Franco AstengoLa mia opinione è che è stato un incidente tragico ma un incidente. Voci che circolano ma mai provate, tra l’altro in quel momento si trovava sul Lago di Garda,lontano dalla sua zona di operazioni. La lotta di liberazione non è stata un pranzo di gala e il ruolo dei partiti è risultato assolutamente decisivo anche per via della corrispondenza tra le forze politiche presenti nel CLN e le corrispondenti formazioni combattenti. Occorrevano catena di comando e disciplina, difficili da mantenere senza professionalità militare e capacità di coagulo che soltanto l’appartenenza ai partiti poteva garantire. Certo con contraddizioni e difficoltà, in un momento così tragico. Dotato di forte personalità, Aldo Gastaldi, fervente cattolico e fermamente apartitico, insieme al comunista Serbandini stabilì per gli uomini della Divisione severe regole di comportamento, il famoso "Codice di Cichero" che tutti i partigiani si impegnarono a rispettare nonostante le condizioni al limite della sopravvivenza: "in attività e nelle operazioni si eseguono gli ordini dei comandanti, ci sarà poi sempre un'assemblea per discuterne la condotta; il capo viene eletto dai compagni, è il primo nelle azioni più pericolose, l'ultimo nel ricevere il cibo e il vestiario, gli spetta il turno di guardia più faticoso; alla popolazione contadina si chiede, non si prende, e possibilmente si paga o si ricambia quel che si riceve; non si importunano le donne; non si bestemmia".Bisagno combatté tenacemente esponendosi sempre in prima persona contro la politicizzazione della Divisione e delle formazioni Partigiane. Come riportato dal "Dizionario della Resistenza"(Einaudi, 2001) e dal "Dizionario della Resistenza in Liguria" di Gimelli e Battifora (De Ferrari, 2008), "Bisagno" era decisamente critico nei confronti del partitismo, poiché esso avrebbe potuto "[….]incrinare la lotta partigiana[…]. "Noi non abbiamo un partito, noi non lottiamo per avere un domani un cadreghino, vogliamo bene alle nostre case, vogliamo bene al nostro suolo e non vogliamo che questo sia calpestato dallo straniero, dobbiamo agire nella massima giustizia e liberi da prevenzioni".]Bisagno, uomo dotato di forte personalità e carisma scriveva all'età di 21 anni: Continuerò a gridare ogniqualvolta si vogliano fare ingiustizie e griderò contro chiunque, anche se il mio grido dovesse causarmi disgrazie o altro.".Morì il 21 maggio 1945 cadendo dal tetto della cabina del mezzo su cui stava viaggiando (un autocarro Fiat 666), finendo sotto le ruote, nella frazione Cisano di Bardolino, nei pressi di Desenzano, mentre accompagnava a casa gli alpini del battaglione Vestone della Divisione Alpina Monterosa, che avevano deciso di combattere al suo fianco, per tener fede alla promessa fatta a Cabella Ligure il 4 novembre 1944.L'improvvisa morte di Bisagno, avvenuta nei giorni convulsi che seguirono la Liberazione, ha suscitato diverse polemiche. In particolare, s'è ipotizzato un omicidio per la sua opposizione alle frange comuniste del movimento partigiano. La tesi dell'omicidio, tuttavia, non è mai stata provata ed è contestata da diverse testimonianze, che insistono sull'accidentalità dell'evento. Gianpaolo Pansa, pur non prendendo esplicitamente posizione sul tema, ha riportato i dubbi riguardanti la fine di Bisagno in un articolo ed anche nel suo libro del 2018 Uccidete il comandante bianco. Il libro di Pansa è stato criticato in quanto, non citando fonti e testimonianze, si avvicinerebbe più ad un romanzo che ad un'opera storica.Alla fine degli anni Novanta un documento firmato da ex-capi partigiani di ogni tendenza politica (cattolici, socialisti, comunisti, liberali), oltre a contestare le tesi sul possibile omicidio, avviò le procedure per la traslazione della salma del Comandante nel Pantheon del Cimitero monumentale di Staglieno, a GenovaAd Aldo Gastaldi il comune di Genova ha dedicato un'importante arteria cittadina (rinominando il Corso Giulio Cesare) su cui si affaccia la Casa dello Studente, teatro negli anni dell'occupazione nazista di efferate torture. Una statua con lapide a suo ricordo si trova al Parco dell'Acquasola, nel centro cittadino. Sempre a Genova un Istituto Tecnico Industriale porta il suo nome.Franco Astengo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Sabato 27 aprile 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *