L’ISOLA DI PLASTICA

L’ISOLA DI PLASTICA

Il rispetto dell’ambiente e l’importanza della raccolta differenziata

racchiusi in uno spettacolo

Lunedì 20 maggio, al Civico di Tortona, alle 21, è andato in scena lo spettacolo musicale “L’isola di plastica”, promosso da SRT e finanziato anche da Conai e CSR (Consorzio servizi rifiuti).

Sul palco artisti come I Bigcake, Carlo Aonzo (mandolinista), Loris Lombardo (percussionista), il Quartetto d’archi di Voghera, Marco Cortona e Matteo Borio (fiati), insieme al Coro delle voci bianche dell’associazione Lavagnino di Gavi, hanno dato vita ad un concerto, diretto dal maestro Carlo Chiddemi, in cui sono stati eseguiti brani musicali con strumenti tradizionali e strumenti realizzati con materiale di riciclo.

Lo spettacolo è l’epilogo delle attività didattiche che SRT (Società pubblica che tratta il recupero e lo smaltimento dei rifiuti) porta avanti ogni anno nelle scuole dell’acquese, novese, ovadese e tortonese. Si tratta di un progetto, nato in collaborazione con il maestro Chiddemi e l’associazione Lavagnino, che aveva come scopo quello di raccontare, attraverso un percorso artistico e creativo, fruibile a tutti, come fosse fondamentale veicolare, con l’ausilio di nuovi codici comunicativi, i concetti cardine di una buona educazione ambientale.

Il progetto di SRT era quello di coinvolgere il territorio in un cammino che desse un ritorno in termini di rispetto dell’ambiente e miglioramento della qualità della vita e si è concretizzato nella realizzazione di un video musicale inedito che ha come protagonisti musicisti e bambini.

Il video didattico sarà distribuito da SRT agli studenti delle scuole in occasione dei numerosi incontri di formazione a partire dall’ a.s. 2019/2020.

L’obiettivo di SRT è trasmettere principi quali: la riduzione dei rifiuti da avviare a smaltimento ed il loro recupero, la valorizzazione dei prodotti prolungandone il ciclo di vita e superando la cultura dell’usa e getta, il riuso dei beni anche ai fini di solidarietà verso le fasce più deboli della popolazione, la sensibilizzazione delle persone nei confronti delle tematiche quali l’economia circolare e la raccolta differenziata. Per chi fosse interessato a vedere con i propri occhi cosa succede ai rifiuti dopo la raccolta, SRT organizza anche visite guidate ai propri impianti, prenotandosi sul sito www.srtspa.it.

Elisa Tosonotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *