QUANDO LA DROGA DIVENTA FEROCE

QUANDO LA DROGA DIVENTA FEROCE

Di fronte alle immagini che ci sono giunte dal Comando della Compagnia Carabinieri di Alessandria e che vi proponiamo in questo video, sorge spontaneo pensare a quanto la droga possa spingere chi ne fa uso e chi la commercia alle più efferate azioni.

Ma ci domandiamo anche su quanto alti siano i costi sociali per contrastare questo fenomeno criminoso. C’è chi spinge per una decisa repressione del fenomeno, chi invece è propenso alla legalizzazione delle sostanze stupefacenti.

Personalmente non saprei dare una risposta netta. So solo che le devianze fanno parte del bagaglio umano, ma che occorre impedire che ogni tipo di devianza si trasformi in un atto criminoso contro la società.

Nel caso specifico le Forze dell’ordine sono dovute intervenire per contrastare un violento atto di ritorsione nei confronti di un giovane tossicodipendente da parte di un gruppo di spacciatori che, dopo vari atti di intimidazione, hanno dato fuoco all’auto del giovane stesso che non aveva pagato una partita di droga.

Da questo episodio si comprende come ad uscirne veramente danneggiata sia la società stessa, sulla quale si scaricano i costi per il mantenimento dell’ordine pubblico costretto ad inseguire quasi giornalmente questa microcriminalità diffusa.

Gian Battista Cassulo

QUANDO LA DROGA DIVENTA FEROCE

QUANDO LA DROGA DIVENTA FEROCEDi fronte alle immagini che ci sono giunte dal Comando della Compagnia Carabinieri di Alessandria e che vi proponiamo in questo video, sorge spontaneo pensare a quanto la droga possa spingere chi ne fa uso e chi la commercia alle più efferate azioni.Ma ci domandiamo anche su quanto alti siano i costi sociali per contrastare questo fenomeno criminoso. C'è chi spinge per una decisa repressione del fenomeno, chi invece è propenso alla legalizzazione delle sostanze stupefacenti.Personalmente non saprei dare una risposta netta. So solo che le devianze fanno parte del bagaglio umano, ma che occorre impedire che ogni tipo di devianza si trasformi in un atto criminoso contro la società.Nel caso specifico le Forze dell'ordine sono dovute intervenire per contrastare un violento atto di ritorsione nei confronti di un giovane tossicodipendente da parte di un gruppo di spacciatori che, dopo vari atti di intimidazione, hanno dato fuoco all'auto del giovane stesso che non aveva pagato una partita di droga.Da questo episodio si comprende come ad uscirne veramente danneggiata sia la società stessa, sulla quale si scaricano i costi per il mantenimento dell'ordine pubblico costretto ad inseguire quasi giornalmente questa microcriminalità diffusa. Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Giovedì 13 giugno 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *