Categoria: Sport

La nascita di un nuovo “Genoa club” ad Arquata Scrivia: quando la solidarietà fa goal!!!!

La nascita di un nuovo “Genoa club” ad Arquata Scrivia: quando la solidarietà fa goal!!!!

Quando parliamo di fan club, soprattutto di tipo calcistico, spesso associamo queste organizzazioni a gruppi di gente animate da estremismo e violenza.

La lista dei pregiudizi non si ferma lì facendo arrivare a pensare nell’immaginario collettivo che i fan club calcistici siano solamente composti da personaggi di poca cultura e pronti allo schiamazzo in favore della propria squadra del cuore andando in giro con indumenti chiaramente riconoscibili al pari di una sorta fanatica religiosi.

Quello che ci dice Marco Storace l’addetto stampa del neonato Genoa club Arquata Scrivia, ci apre però gli occhi su una realtà ben diversa.

 “Nel nostro statuto, che ha fatto ufficialmente nascere il club mercoledì 24 luglio 2019, – ci spiega infatti Storace – abbiamo dato molta importanza all’aggregazione delle persone al di là di ogni idea politica, religiosa e al sesso. Anzi, abbiamo specificato che nel nostro club le diverse e singole opinioni, pur restando nella sfera personale, devono godere del massimo rispetto

Ed è proprio in questo quadro che si svilupperà la vita associativa del club, come ci sottolinea Federica Torassa, vice presidente di questo sodalizio: “La nostra idea era creare un’associazione con lo scopo di condividere la comune passione per il Genoa, creando un punto di ritrovo non solo per sostenere la nostra squadra, ma anche per dare un contributo al territorio, manifestando solidarietà ad altre associazioni benefiche e sociali.

Un club di natura poliedrica, dunque, che vuole mettere solide radici nel suo territorio. “Abbiamo già preso contatti con i Genoa club di Ronco Scrivia e della Val Lemme – ci dice infatti Storace – per poter unirci e collaborare affinché si riesca a riunire un maggior numero di persone attraverso questa passione comune. In futuro abbiamo intenzione di collaborare con la pro loco. Promuoviamo un tifo sano e il più utile possibile.

Notando che nel direttivo del club sono presenti ben quattro rappresentanti del gentil sesso, la Vice presidente Federica Torassa commenta: “Il calcio femminile è seguito abbastanza in zona, basti pensare che sono circa 20 anni che è presente una squadra rosa nel vicino paese di Vignole Borbera. E tra i circa cinquanta iscritti al club di Arquata Scrivia (tutti affiliati all’ACG) che abbiamo raggiunto ora, molte sono donne. Le donne che giocano e tifano sono più di quelle che si ci possa immaginare.”

E a questo proposito non dimentichiamo che nella vicina Novi, la Novese femminile da quest’anno, salendo di categoria, giocherà addirittura in serie B, come abbiamo scritto sul numero di giugno 2019 de “l’inchiostro fresco”!!!!

Vista la volontà genuina di aggregazione e condivisione per il gioco del calcio, che potremmo definire lo “sport nazionale” del nostro Paese, non possiamo far altro che tifare anche noi per questo nuovo club.

Fausto Cavo

Contatti:

Cell: .348/302.62.78

Email: genoaclubarquata@gmail.com

Pagina Facebook:  Genoa club Arquata Scrivia

In ricordo di un amico: Bruno Ballestrero

In ricordo di un amico: Bruno Ballestrero

Oggi, martedì 6 agosto 2019, a Novi Ligure, nella chiesa della Pieve, si sono svolti i funerali di Bruno Ballestrero, il decano dei barbieri della città, ma soprattutto un vero amante del ciclismo.

Ai tempi della Polisportiva novese, negli anni Ottanta quando iniziava a prendere forma l’idea di raggruppare e coordinare in un unico organismo le varie attività sportive, organizzai nel 1983 la 1° Edizione de “Le Mille Biciclette a Novi” e Bruno ne fu l’anima sostenitrice, ideando il percorso e dandomi una mano a raccoglier coppe e premi da porre in palio per r i gruppi sportivi.

A quei tempi Bruno era il presidente del Gruppo sportivo “Autobocca” mentre io pedalavo come gregario nel Gruppo sportivo della GBC, capitanato dal sig. Burroni, e insieme di buona lena decidemmo di fare un qualcosa per rendere merito alla nostra città, la Città dei Campioni.

E così nel suo negozio di barbiere in via Girardengo, che era anche una vetrina sul passeggio cittadino, nacque l’idea di fare una grande cicloturistica, coinvolgendo tutti i Gruppi sportivi della zona.

Detto fatto, tracciammo il percorso che, partendo dalla allora alberata Piazza della Stazione, si snodava sulle strade dell’Oltregiogo per 63 chilometri, toccando Bosco Marengo, Fresonara, Basaluzzo, Francavilla Bisio, Gavi, Serravalle Scrivia, Cassano Spinola, Villalvernia, Pozzolo Formigaro e trionfale rientro a Novi Ligure!!!!

Era domenica 29 maggio 1983 e sin dalle sette del mattino vedemmo arrivare da ogni dove biciclette e capimmo subito che il nostro sogno di fare una grande cicloturistica si stava avverando.

Per farcela ce l’avevamo messa tutta, ma proprio tutta, coinvolgendo i giornali locali (“l’inchiostro fresco” sarebbe nato due anni dopo, nel 1985) e anche le varie associazioni cittadine, Croce Rossa in testa, nonché il 157° Reggimento “Leoni di Liguria” che ci mandò in piazza una cucina da campo per preparare il tè caldo ai ciclisti in arrivo!!!!!

Io quella mattina non salii in sella perché dovevo fare da apripista con la macchina di testa, ma fu come se pedalassi anch’io davanti a quella marea di bici che formavano un lungo serpentone colorato che sembrava non finisse mai.

E per tutti i paesi che attraversammo gli applausi si sprecavano, tanto che ci sembrava di essere quelli della “Milano – Sanremo”!!!!

Ma l’arrivo a Novi, in Corso Romualdo Marenco davanti ai “Viaggiatori” fu il pezzo forte della giornata, perché all’ingresso in città, in testa alla cicloturistica, si schierò il Gruppo dell’Autobocca con in mezzo Bruno che sembrava un Giulio Cesare in arrivo dalla Gallia per il suo Trionfo, mentre la gente ai lati non finiva più di battere la mani e si sentì anche qualcuno gridare “Viva Coppi!!!!”.

Bruno era stanco dopo quei 63 chilometri ma sereno e felice.

Questa l’immagine che porto ancora nei miei occhi di quella giornata e di naturalmente di Bruno Ballestrero.

Perché lo facemmo? Certamente per Novi, per lanciare un segnale, che poi di lì a sarà poco raccolto con la nascita del “Museo dei Campionissimi”, ma soprattutto lo facemmo per noi, per sentici vivi, per sentirci utili.

Forse oggi nessuno si ricorda più di quell’evento, ma per noi che lo creammo fu l’occasione per sentirci protagonisti della nostra epoca e tanto ci bastò, perché oggi abbiamo qualcosa di cui parlare.

Ma soprattutto un qualcosa da ricordare. Ciao Bruno, hai fatto tanto!!!!

Gian Battista Cassulo

Bruno Ballestrero è mancato il 4 agosto 2019 all’età di 77 anni

Nella galleria di foto le immagini dei premi e della premiazione avvenuta in quella lontana giornata del 29 maggio 1983.

Nelle foto Bruno Ballestrero indossa la maglia del Gruppo sportivo AUTOBOCCA ed io faccio da presentatore/intervistatore

A Vargo ricordato Gabriele Mazzini con un bel torneo

A Vargo ricordato Gabriele Mazzini con un bel torneo

La seconda edizione del torneo organizzata dalla Polisportiva Varghese per ricordare Gabriele Mazzini per tutti Massimo apprezzato dirigente sportivo di Libarna arquatese , vignolese e stazzanese, prematuramente scomparso nel dicembre 2017, ha visto il successo per 2-1 dello Studio medico Pucci sulla Bocciofila stazzanese al termine di un combattutissimo incontro splendidamente diretto dall’arbitro Enrico Incisa,Cavaliere dello sport .

Sergio Traverso

OPEN DAY DELL’ASD VALLESTURA CALCIO

OPEN DAY DELL’ASD VALLESTURA CALCIO

Sabato 6 luglio a Masone presso lo Stadio Gino Macciò si è svolto l’Open Day dell’ASD Vallestura Calcio. L’evento ha registrato un ampio consenso e sono stati un centinaio di bambini delle leve dal 2003 al 2014 chesi sono iscritti al Vallestura Calcio, la società che si occupa del settore giovanile calcistico in ambito valligiano in convenzione con USD Masone, USD Rossiglione e Asd CampoligureIl Borgo“.

L’organigramma societario ad oggi conta 27 membri tra dirigenti e responsabili, invece la parte tecnica vede 28 persone nel ruolo di allenatori o collaboratori.

L’USD Masone ha affermato che :”Unire le forze per il settore giovanile è l’unico modo per cercare di dare futuro alle società valligiane“.

Alla manifestazione erano presenti il Vicesindaco di Masone, Omar Missarelli ed il consigliere delegato per lo sport, Silvia Pastorino.

Luca Serlenga

GRANDE BASKET A NOVI LIGURE

GRANDE BASKET A NOVI LIGURE

Sta per iniziare a Novi Ligure, in via Garibaldi, anglolo Bar Helvetia, nel centralissimo Viale Aurelio Saffi, la “passeggiata” dei novesi, una grande dimostrazione di Basket.

Il tutto è organizzato dagli Amici di Andrea in collaborazione con la “Casa del Giovane” di Novi Ligure ed ha il patrocinio del Comune, nonché di un nutrito gruppo di sponsor.

Testimonial dell’evento benfico: Riccardo Cattaplan e Davide Denegri con sottofondo e colonna sonora di Disconnet animazione.

Questo evento dedicato alla memoria di Andrea Foglia, giunto ormai alla sua quarta edizione, servirà a raccogliere fondi per sostenere l’attività della Casa del Giovane di Novi Ligure.

L’inizio è previsto tra poco, alle ore 11,30. NON MANCATE!!!!

Gian Battista Cassulo

CHIE ERA ANDREA FOGLIA? ECCO QUI DI SEGUITO IL COMMOSSO RICORDO DI UN SUO CARO AMICO, GABRIELE CANEPARI:

Andrea era un amico, uno di quelli con la A maiuscola.

Uno che se lo chiamavi alle 3 di notte correva da te,uno da Finals NBA e dritto a lavoro senza dormire.Andrea purtroppo da 3 anni non è più tra noi, assassinato mentre lavorava.

Ma abbiamo voluto portare avanti qualcosa che volevamo fare insieme, ricostruire un campo da basket della nostra città ( Novi Ligure) e creare un torneo. Stiamo portando avanti quello che non abbiamo potuto fare,quello che ora esiste è il Memorial Andrea Foglia creato con l’intento di raccogliere fondi per ricostruire quel famoso campo e dedicarlo a lui.

Il torneo è quest’anno passato al 3vs3, 4 campi dedicati al gioco, musica, dj e vocalist. Il tutto nel rispetto e nell’amore per questo gioco (i comportamenti antisportivi non sono tollerati). Quest’anno si terrà il 30 Giugno a partire dalle 10.30 presso il piazzale adiacente il Bar Elvezia di Novi Ligure.

Siamo pronti a fare il salto di qualità. Gabriele Canepari

Gli amici di andrea @memorialandreafoglia

Instagram @memorial_andrea_foglia

GRANDE BASKET A NOVI LIGURE

GRANDE BASKET A NOVI LIGURESta per iniziare a Novi Ligure, in via Garibaldi, anglolo Bar Helvetia, nel centralissimo Viale Aurelio Saffi, la "passeggiata" dei novesi, una grande dimostrazione di Basket.Il tutto è organizzato dagli Amici di Andrea in collaborazione con la "Casa del Giovane" di Novi Ligure ed ha il patrocinio del Comune, nonché di un nutrito gruppo di sponsor.Testimonial dell'evento benfico: Riccardo Cattaplan e Davide Denegri con sottofondo e colonna sonora di Disconnet animazione.Questo evento dedicato alla memoria di Andrea Foglia, giunto ormai alla sua quarta edizione, servirà a raccogliere fondi per sostenere l'attività della Casa del Giovane di Novi Ligure.L'inizio è previsto tra poco, alle ore 11,30. NON MANCATE!!!!Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Domenica 30 giugno 2019
Venerdì 5 luglio: ancora grande ciclismo nel segno di Coppi

Venerdì 5 luglio: ancora grande ciclismo nel segno di Coppi

Dopo il Giro dell’Appennino e la tappa del Giro d’Italia a Novi Ligure, entrambi dedicati anche al centenario della nascita del Campionissimo Fausto Coppi, un altro avvenimento lo ricorda sulle nostre strade. In questa occasione si tratta del Giro Rosa, cioè il Giro d’Italia femminile, ormai diventato la corsa a tappe più importante del mondo tra quelle dedicate alle donne cicliste. Ancora una volta in zona, dopo la bella tappa di Ovada dello scorso anno.

Sono iniziative che conferiscono visibilità internazionale alle zone attraversate, essendo il ciclismo femminile uno sport in costante ascesa e sempre più seguito.

Venerdì 5 luglio vi sarà la partenza della prima tappa: da Cassano Spinola a Castellania, una cronometro a squadre di 18 km. Il percorso è impegnativo, comprendendo prima la salita a Gavazzana e Sant’Agata Fossili, poi la discesa verso Paderna, quindi la risalita fino al mausoleo dei fratelli Coppi a Castellania.

Al via 24 team, i migliori a livello mondiale, e 144 atlete. Le partenze delle squadre inizieranno alle 14.30 da piazza XXV Aprile.

Tutti i dettagli della corsa rosa si possono trovare sulla guida che gli organizzatori, in analogia col “Garibaldi” (destinato al più noto Giro d’Italia maschile) e con un certo gusto dell’ironia, hanno denominato “Anita”: questo è il link https://www.girorosaiccrea.it/news/dettaglio_news_div.asp?i_menuID=58016&hNewsID=148083

Nella foto la vincitrice dell’ultima edizione, l’olandese Annemiek Van Vleuten, che sarà tra le favorite anche quest’anno.

Grande soddisfazione per l’Istituto comprensivo di Molare Le ragazze del calcio femminile dal Papa

Grande soddisfazione per l’Istituto comprensivo di Molare Le ragazze del calcio femminile dal Papa

Per la prima volta da quando sono stati organizzati i Campionati sportivi studenteschi in cui le scuole si sfidano tra di loro in varie discipline sportive in stile college, l’Istituto Comprensivo di Molare si è classificato primo in Regione Piemonte per quanto riguarda il calcio a 5 femminile aggiudicandosi la fase finale a Roma che ha previsto un incontro con personaggi illustri del calcio il Ministro dell’istruzione e il Papa.

L’Istituto Comprensivo di Molare che comprende le scuole di Castelletto d’Orba, Mornese, Silvano d’Orba e Molare sotto la guida del prof. Enrico Lombardi si è qualificato fase per fase prima, a livello Distrettuale, eliminando Ovada, poi a livello Provinciale, eliminando Tortona e Novi Ligure, per poi approdare alla fase regionale in cui batteva in ordine Torino e successivamente Vercelli.

La fase finale in cui l’Istituto Comprensivo di Molare è stato chiamato in rappresentanza del Piemonte ha visto le ragazze più il professore recarsi ad un udienza molto particolare in cui oltre alle personalità del calcio è intervenuto anche Papa Francesco.

Inutile dire che è stata per tutti un’esperienza eccezionale il professore insieme al preside a tutti i docenti dell’Istituto Ciri promettono di continuare il progetto che oltre ad una valenza sportiva a un eccezionale importanza educativa.

La redazione

Le ragazze nella foto sono: Fratino – Saponaro- Estorchi – Prendi – Ottonelli Capriati – Saponaro della scuola di Molare, Tourabi della scuola di Mornese, Ferrante e Boccaccio della scuola di Silvano d’Orba. L’allenatore è il professor Lombardi Enrico

Camminando sui sentieri di Rondinaria

Camminando sui sentieri di Rondinaria

Sono iniziate le “Camminate sotto le stelle” ben organizzate dal CAI ovadese. “La sera del 18 giugno eravamo in 299 sul bellissimo sentiero a Silvano d’Orba e siamo passati per San Pancrazio e la Pieve”, ci hanno detto gli “indomiti” scarpinatori e anche in questa “camminata” le gentili escursioniste erano in maggioranza!

Le camminate continuano come da programma fino al 23 Luglio con l’anello di Costa d’Ovada.

Giovanni Sanguineti

PULEDRINI – CAPRETTE – PONY E CAVALLI ALLA BELLARIA

PULEDRINI – CAPRETTE – PONY E CAVALLI ALLA BELLARIA

Oggi, domenica 16 giugno, qui a Novi Ligure sembrava quasi di essere in Svizzera.

Complice la bella giornata, questa mattina presto siamo andati a Rondinaria, per scarpinare sulla strada delle Parodine, tra la Giora di Capriata d’Orba e San Cristoforo.

Il verde ci ha sommerso e tra filari di vigne e fieno appena tagliato abbiamo respirato aria pulita, ci siamo abbronzati camminando e ci siamo goduti un bel paesaggio, sempre quello, ma ogni volta diverso.

Poi sulla strada del ritorno ci siamo fermati prima di Novi alla Bellaria, una delle tante ville che i “sciuri” genovesi tra il Seicento e il Settecento si costruivano qui da noi e dove ora è sorto un bellissimo maneggio: la “Bellaria“, appunto.

E lì abbiamo incontrato un nostro amico, professore universitario in pensione che sulla via di Damasco è stato fulminato dall’amore per i cavalli e, abbandonando baracca e burattini nella sua bella Albaro a Genova, si è trasferito qui in campagna vestendo i panni del perfetto agricolo.

Ciao Fioravante, come va?“. “Bene – ci risponde lui – e va talmente bene che due bgiorni fa abbiamo avuto famiglia“. “Come, famiglia?” chiediamo noi e Fioravante apre un box e, meraviglia delle meraviglie, sotto i nostri occhi appare un puledrino che ancora con le gambe ad X cerca di stare in piedi, poppando latte dalla mamma Pony.

Si chiama Magò (prima l’avevo chiamata Mango), almeno mi sembra, ed è una femmina.

Bella la Bellaria, belli i nostri posti a due passi dal mare, a due passi dai monti!!!!

Gian Battista Cassulo

PULEDRINI – CAPRETTE PONY E CAVALLI ALLA BELLARIA

PULEDRINI – CAPRETTE – PONY E CAVALLI ALLA BELLARIAOggi, domenica 16 giugno, qui a Novi Ligure sembrava quasi di essere in Svizzera.Complice la bella giornata, questa mattina presto siamo andati a Rondinaria, per scarpinare sulla strada delle Parodine, tra la Giora di Capriata d'Orba e San Cristoforo.Il verde ci ha sommerso e tra filari di vigne e fieno appena tagliato abbiamo respirato aria pulita, ci siamo abbronzati camminando e ci siamo goduti un bel paesaggio, sempre quello, ma ogni volta diverso.Poi sulla strada del ritorno ci siamo fermati prima di Novi alla Bellaria, una delle tante ville che i "sciuri" genovesi tra il Seicento e il Settecento si costruivano qui da noi e dove ora è sorto un bellissimo maneggio: la "Bellaria", appunto.E lì abbiamo incontrato un nostro amico, professore universitario in pensione che sulla via di Damasco è stato fulminato dall'amore per i cavalli e, abbandonando baracca e burattini nella sua bella Albaro a Genova, si è trasferito qui in campagna vestendo i panni del perfetto agricolo."Ciao Fioravante, come va?". "Bene – ci risponde lui – e va talmente bene che due bgiorni fa abbiamo avuto famiglia". “Come, famiglia?" chiediamo noi e Fioravante apre un box e, meraviglia delle meraviglie, sotto i nostri occhi appare un puledrino che ancora con le gambe ad X cerca di stare in piedi, poppando latte dalla mamma Pony.Si chiama Mango, almeno mi sembra, ed è una femmina. Bella la Bellaria, belli i nostri posti a due passi dal mare, a due passi dai monti!!!!Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Domenica 16 giugno 2019
CAMPO LIGURE: PRESENTATA LA STAGIONE 2019/2010 DELLA “CAMPESE”

CAMPO LIGURE: PRESENTATA LA STAGIONE 2019/2010 DELLA “CAMPESE”

Una squadra, una città” si potrebbe dire, dopo avere assistito, nel complesso sportivo di Campo Ligure (Ge), sul bel prato del campo di calcio della “Campese“, alla presentazione, il 7 giugno 2019, del programma agonistico 2019/2020 di questa compagine, illustrato dal suo presidente Alessandro Oliveri.

Noi eravamo presenti con le nostre telecamere e con i nostri cronisti, ed ecco il servizio di Giacomo Piombo e la “diretta” di Fausto Piombo per TeleMasone.

Sul numero in preparazione de “l’inchiostro fresco“, che uscirà il 27 giugno con i risultati definitivi di questa tornata elettorale amministrativa (ndr.: stiamo aspettando i risultati del ballottaggio a Novi Ligure), ampio servizio a firma di Giacomo Piombo.

Per ora ecco l’anticipazione in questo video girato dal nostro Fausto Piombo in rete anche su TeleMasone.

Gian Battista Cassulo.

CAMPO LIGURE – PRESENTATA LA STAGIONE 2019/20020 DELLA"CAMPESE"

CAMPO LIGURE: PRESENTATA LA STAGIONE 2019/2020 DELLA "CAMPESE""Una squadra, una città" si potrebbe dire, dopo avere assistito, nel complesso sportivo di Campo Ligure (Ge), sul bel prato del campo di calcio della "Campese", alla presentazione, il 7 giugno 2019, del programma agonistico 2019/2020 di questa compagine, illustrato dal suo presidente Alessandro Oliveri.Noi eravamo presenti con le nostre telecamere e con i nostri cronisti, ed ecco il servizio di Giacomo Piombo e la "diretta" di Fausto Piombo per TeleMasone.Sul numero in preparazione de "l'inchiostro fresco", che uscirà il 27 giugno con i risultati definitivi di questa tornata elettorale amministrativa (ndr.: stiamo aspettando i risultati del ballottaggio a Novi Ligure), ampio servizio a firma di Giacomo Piombo.Per ora ecco l'anticipazione in questo video girato dal nostro Fausto Piombo in rete anche su TeleMasone.Gian Battista Cassulo.

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Domenica 9 giugno 2019