Categoria: Sport

CICLISMO: DOMENICA 28 APRILE TORNA IL GIRO DELL’APPENNINO

CICLISMO: DOMENICA 28 APRILE TORNA IL GIRO DELL’APPENNINO

Il 28 aprile si disputa l’ottantesima edizione del Giro dell’Appennino, la classica di ciclismo a cavallo tra Genova e Oltregiogo.
Nel 2019 la corsa è dedicata a due commemorazioni: i cento anni dalla nascita di Fausto Coppi, per il quale è inserita nuovamente nel percorso la salita di Castellania, recentemente denominata Passo Coppi; e il ricordo delle vittime del Ponte Morandi, sotto al quale la corsa è transitata quasi tutti gli ultimi 50 anni (nel percorso più tradizionale, attraverso via Walter Fillak; più recentemente sul lato destro del Polcevera). Così, uno dei traguardi volanti è posto simbolicamente dove si incrocia la struttura del ponte crollato.
Il raduno, con la firma dei partecipanti e la presentazione delle squadre, è fissato all’Outlet di Serravalle, verso le 10. Partenza alle 11.10: via ufficiale davanti allo stabilimento Elah-Dufour di Novi Ligure, stesso luogo dove il mese prossimo arriverà la tappa del Giro d’Italia. Primo tratto pianeggiante, attraverso Pozzolo Formigaro, Spinetta Marengo e Tortona. Poi si sale, da Carbonara Scrivia, al Passo Coppi. Quindi discesa su Carezzano e Villalvernia; ritorno a Novi via Merella. Segue Pasturana, col primo traguardo volante. Si prosegue per Francavilla, Gavi, Voltaggio, passo della Castagnola, Busalla, Casella, Crocetta d’Orero e discesa verso Pontedecimo. Da qui salita al passo della Bocchetta; discesa a Voltaggio per affrontare le ultime salite: Fraconalto e Giovi. Quindi si scende verso Genova. Dopo il passaggio dell’ex ponte Morandi, Cornigliano e la Sopraelevata. Una novità è (o dovrebbe essere, poichè al momento in cui scriviamo c’è ancora qualche problema logistico da risolvere) l’aggiunta del tratto di corso Italia fino a Boccadasse e ritorno sulla corsia opposta, prima di imboccare viale Brigate Partigiane e giungere al traguardo posto in cima a via XX Settembre, dopo aver percorso quasi 200 km.
La selezione decisiva probabilmente avverrà sulla mitica  e durissima Bocchetta ed eventualmente sulla successiva salita di Fraconalto. Il tratto finale in piano concede però possibilità di recupero anche agli atleti in lieve ritardo.
Anche se meno lunga e dura rispetto ai tempi di Coppi o Gimondi e Baronchelli, questa rimane una delle più impegnative corse in linea.
Causa le limitazioni del budget, oltre alla concomitanza con altra importante gara in Belgio, non parteciperanno squadre del Pro Tour, la prima divisione internazionale. Saranno comunque in gara tutte le squadre professionistiche (“Professional”) e semiprofessionistiche (“Continental”) italiane. E una buona rappresentanza internazionale, comprendente due squadre spagnole, colombiane, austriache, e una russa. Iscritta anche una selezione della Nazionale italiana che presenta alcune giovani promesse appartenenti a squadre dilettantistiche, insieme a un paio di professionisti abitualmente impegnati in squadre straniere.
Tra i favoriti, l’esperto Giovanni Visconti, che proprio in via XX Settembre vinse uno dei suoi titoli di campione d’Italia; e il giovane compagno di squadra Simone Velasco, una delle rivelazioni di quest’anno, vincitore del recente Trofeo Laigueglia. Quest’ultimo collegato all’Appennino con la Challenge Liguria, che premierà il corridore con miglior punteggio complessivo nelle due prove. Infine, ricordiamo anche che quest’anno la classifica del Gran premio della montagna sarà intitolata a Tarcisio Persegona, titolare di una nota azienda di scavi e costruzioni con sede a Carrosio, grande appassionato e sponsor nel ciclismo, scomparso recentemente.

NOVI LIGURE: GRANDE “AMALDI”

NOVI LIGURE: GRANDE “AMALDI”

Il liceo scientifico “Amaldi” si conferma ai vertici nazionali del badminton: alla fase regionale svoltasi a Novi Ligure, infatti, si sono imposte sia la squadra maschile che quella femminile, guadagnandosi così il diritto di partecipare ai campionati italiani che si svolgeranno dal 20 al 24 maggio a Cagliari.

I docenti che hanno seguito i ragazzi in questa avventura sono gli insegnanti di Scienze motorie Marco Bagnasco e Monica Baracco.

Ci dice Alfonso Pampaloni Pasetti, classe 3° scientifico ad indirizzo sportivo: “Già alla vigilia di questa fase regionale eravamo i favoriti per vincere. L’unica squadra che avrebbe potuto contrastarci, l’Acqui, l’abbiamo battuto ai provinciali. Diciamo che abbiamo mantenuto fede ai pronostici. Forse non ci aspettavamo di vincere così nettamente nel punteggio.”

Alfonso Pampaloni Pasetti è un ragazzo eclettico in quanto gioca a pallavolo nell’Under 18 ed in serie D. “Mi sono offerto volontario per la fase regionale di badminton in quanto ho praticato questa disciplina per due anni con il prof. Bagnasco.”

La fase regionale prevedeva due gironi da tre squadre con le semifinali incrociate, prima contro seconda di entrambi i gironi e quindi la finale fra le due vincenti. I ragazzi hanno vinto tutti gli incontri dei gironi e la semifinale. Nell’incontro decisivo hanno giocato contro il liceo Cocito di Alba. Una partita anche questa senza storia e con i novesi vincitori dei primi tre incontri e quindi a punteggio acquisito è stato deciso di non svolgere gli ultimi due.

I ragazzi hanno giocato con Francesco Motta ed Alfonso Pampaloni Pasetti, entrambi della classe terza liceo scientifico indirizzo sportivo, Alessandro Bruzzone della classe 3° indirizzo liceo classico, Mattia Trezza che è anche il più giovane frequentando la classe prima liceo scientifico.

La formula per le ragazze prevedeva invece un girone unico, incontrando le formazioni delle province di Cuneo, Novara, Vercelli e Torino. Unica esclusa la provincia di Biella presentatasi con la sola squadra maschile.

Anche per loro tutte vittorie. Le ragazze hanno giocato con Diana Costiuc che frequenta la classe 2° indirizzo Scienze applicate, stesso indirizzo per Adele Foti che frequenta la classe 1° e Angela Ruta iscritta alla classe 2° e Alessia Delfitto iscritta invece alla classe 3° indirizzo linguistico.

E adesso? “Adesso andiamo a giocarcela-afferma Alfonso Pampaloni- con le squadre trentine, tradizionalmente le più forti nel badminton.”

Maurizio Priano

GRANDE CICLISMO A NOVI LIGURE

GRANDE CICLISMO A NOVI LIGURE

Oggi, domenica 14 Aprile 2019 da Novi Ligure è appena partita la 18° edizione della “Coppa Piemonte” nata nel 2001, agli albori del nuovo millennio.

Sul rettilineo di Corso Romualdo Marenco un numero impressionante di ciclisti si è radunato per dare vita a questa manifestazione sportiva che si svolge su un durissimo tracciato tra le colline e i vigneti dell’Oltregiogo su due distinti percorsi: il più lungo da 120 chilometri circa e il più breve da 90.

Percorso impegnativo, ricco di saliscendi ma anche di panorami che ad ogni curva svelano paesaggi da cartolina, non a caso denominato “Granfondo Dolci Terre di Novi”, ma che forse i corridori non riusciranno a gustare perché la fatica, unita alla giornata odierna freddissima per la stagione, certo non lo permetterà.

La bandierina del via, sventolata dal sindaco di Novi Ligure, Rocchino Muliere, si è abbassata alle 10 in punto, ed ecco sotto l’occhio vigile delle Forze dell’Ordine e di un rigoroso servizio corsa, il gruppone snocciolarsi in un lungo serpentone colorato verso le vie del vino!!!!

Gian Battista Cassulo

Grande ciclismo a Novi Ligure – La Coppa Piemonte

GRANDE CICLISMO A NOVI LIGUREOggi, domenica 14 Aprile 2019 da Novi Ligure è appena partita la 18° edizione della "Coppa Piemonte" nata nel 2001, agli albori del nuovo millennio.Sul rettilineo di Corso Romualdo Marenco un numero impressionante di ciclisti si è radunato per dare vita a questa manifestazione sportiva che si svolge su un durissimo tracciato tra le colline e i vigneti dell’Oltregiogo su due distinti percorsi: il più lungo da 120 chilometri circa e il più breve da 90.Percorso impegnativo, ricco di saliscendi ma anche di panorami che ad ogni curva svelano paesaggi da cartolina,non a caso denominato "Granfondo Dolci Terre di Novi", ma che forse i corridori non riusciranno a gustare perché la fatica, unita alla giornata odierna freddissima per la stagione, certo non lo permetterà.La bandierina del via, sventolata dal sindaco di Novi Ligure, Rocchino Muliere, si è abbassata alle 10 in punto, ed ecco sotto l’occhio vigile delle Forze dell’Ordine e di un rigoroso servizio corsa, il gruppone snocciolarsi in un lungo serpentone colorato verso le vie del vino!!!!Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Domenica 14 aprile 2019
L’enduro regionale sbarca in Valle Stura

L’enduro regionale sbarca in Valle Stura

C’è fermento in Valle Stura tra gli appassionati di fuoristrada a due ruote per l’avvicinarsi di un importante appuntamento con la regolarità. Il locale motoclub Valli del Sol si è impegnato per far si che il nostro territorio potesse finalmente essere teatro di un evento motociclistico che regalerà ai paesi della vallata la visibilità che mancava. Sabato 11 a Tiglieto, presso il centro sportivo di Badia, verrà allestita un’area attrezzata per ospitare i paddok dei piloti partecipanti ai quali sarà concessa l’ispezione del percorso di gara che potranno effettuare a piedi, mentre le moto saranno ospitate nel parco chiuso.
 Domenica 12 maggio prenderà il via la 3a prova del Campionato Regionale Ligure di Enduro che si svolgerà su un percorso di circa 40 Km, tracciato tra i Comuni di Rossiglione e Tiglieto, da percorrere tre volte. Per ciascuno dei tre giri, che durerà all’incirca due ore, sono previste due prove speciali distinte, un fettucciato e una prova in linea. Nel frattempo impagabili volontari si stanno prodigando per restituire la percorribilità ai sentieri che attraversano i boschi nelle zone interessate resi impraticabili dagli alberi abbattuti dal gelo e dalle intemperie degli inverni di questi ultimi anni.

Ricordando che le prime due prove si sono disputate il 3 marzo a Pogli (Sv) organizzata dal MC Alassio e il 28 apile a Vado Ligure (Sv) organizzata dal MC Segno invitiamo i nostri lettori a non perdere questa occasione unica per vivere l’emozione di questo bellissimo sport che fino agli anni 80 si chiamava regolarità.

SE QUESTO E’ SPORT…..

SE QUESTO E’ SPORT…..

Il 18 dicembre scorso, al Moccagatta di Alessandria, nella partita tra Juve U23 e Carrarese, nella curva ospiti si sono verificati violenti tafferugli come documentati in questo video girato dalla Questura di Alessandria.

Se ora gli scontri dai grandi stadi si trasferisce anche a quelli di Provincia allora c’è ben poco da sperare. Questo non è sport, per uno sport dove già girano troppi soldi, troppi interessi, troppa strumentalizzazione politica.

Meglio andare a fare delle sane camminate in mezzo ai boschi o in aperta campagna: ci guadagniamo di più in salute e non vediamo certe brutture

Gian Battista Cassulo

Se questo è sport

SE QUESTO E' SPORT…..Il 18 dicembre scorso, al Moccagatta di Alessandria, nella partita tra Juve U23 e Carrarese, nella curva ospiti si sono verificati violenti tafferugli come documentati in questo video girato dalla Questura di Alessandria.Se ora gli scontri dai grandi stadi si trasferisce anche a quelli di Provincia allora c’è ben poco da sperare. Questo non è sport, per uno sport dove già girano troppi soldi, troppi interessi, troppa strumentalizzazione politica.Meglio andare a fare delle sane camminate in mezzo ai boschi o in aperta campagna: ci guadagniamo di più in salute e non vediamo certe bruttureGian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Venerdì 5 aprile 2019
Si prepara il “Campionato italiano di Motocross”

Si prepara il “Campionato italiano di Motocross”

In vista del prossimo appuntamento ligure con il campionato italiano di motocross d’epoca pubblichiamo un servizio realizzato a Sassello lo scorso 23 settembre 2018 in occasione della VI prova del campionato italiano di motocross epoca.

La competizione valida quale prova unica per l’assegnazione del primo trofeo “Memorial Paolo Torta” e del III Trofeo “Memorial Joes 961” vedeva impegnati i migliori piloti delle varie cilindrate che hanno fatto la storia del grande motocross negli anni 60 – 70 – 80.

Un ringraziamento al Moto club Sassello per la gentile accoglienza riservata ai nostri inviati.

Giacomo Piombo

Si prepara il “Campionato italiano di Motocross”

Si scaldano i motori dei campioni delle due ruoteIn vista del prossimo appuntamento ligure con il campionato italiano di motocross d’epoca pubblichiamo un servizio realizzato a Sassello lo scorso 23 settembre 2018 in occasione della VI prova del campionato italiano di motocross epoca. La competizione valida quale prova unica per l’assegnazione del primo trofeo “Memorial Paolo Torta” e del III Trofeo “Memorial Joes 961” vedeva impegnati i migliori piloti delle varie cilindrate che hanno fatto la storia del grande motocross negli anni 60 – 70 – 80.Un ringraziamento al Moto club Sassello per la gentile accoglienza riservata ai nostri inviati.Giacomo Piombo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Martedì 2 aprile 2019
Ultra del Turchino: prossima al via l’edizione 2019

Ultra del Turchino: prossima al via l’edizione 2019

Dopo il successo della prima edizione gli organizzatori danno appuntamento a tutti gli appassionati alla seconda edizione.

È prevista per domenica 24 marzo la partenza della “Ultra del Turchino”, la corsa di 50km giunta alla sua seconda edizione dopo il successo ottenuto lo scorso 2018. L’evento prevede il ritrovo dei partecipanti alle 22,30 di sabato 23 di fronte alla gelateria Lung’Orba, ad Ovada, cittadina dalla quale partirà la corsa che si articolerà su un tracciato che terminerà a Genova, all’interno del Giardino Caduti Partigiani Voltresi. Il tempo totale per la percorrenza è stimato in 9 ore.

La “Ultra del Turchino” è una gara particolare, in quanto viene svolta in notturna: in questo modo i partecipanti possono ammirare la bellezza e l’incanto dell’entroterra illuminato unicamente dai raggi della Luna.

La prova è di tipo non competitivo, pertanto le strade rimarranno aperte al traffico. I concorrenti dovranno perciò rispettare a pieno il codice della strada ed essere muniti di materiale catarifrangente per le braccia e giubbotto riflettente ad alta visibilità, oltre che di luce frontale e posteriore, in modo tale da poter essere avvistati in tutta sicurezza da eventuali automobilisti. Lungo il percorso saranno presenti anche i commissari di corsa che dovranno verificare il pieno rispetto del regolamento da parte dei corridori ed effettuare la squalifica in caso di gravi infrazioni. Per coloro che volessero ancora partecipare le iscrizioni rimarranno aperte fino al momento della partenza.

Al via i Campionati studenteschi di scacchi

Al via i Campionati studenteschi di scacchi

Novi Ligure: – Sono molte le scuole secondarie di secondo grado che parteciperanno ai Campionati studenteschi di scacchi 2019, la cui data quest’anno coincide con l’8 marzo presso l’Istituto Nervi-Fermi di Alessandria. Pare infatti che gli appassionati dello scacchiere aumentino esponenzialmente, soprattutto tra gli adolescenti, grazie ai numerosi corsi che docenti esperti organizzano ogni anno a scuola nelle ore pomeridiane. Il primo incontro di Campionato vedrà schierate squadre maschili, femminili e miste del Ciampini Boccardo di Novi Ligure, dell’Istituto Rita Levi Montalcini di Acqui terme e del Sobrero di Casale.

L’istituto Ciampini Boccardo di Novi Ligure si connota nel panorama dei giocatori con folte presenze di alunni, che appartengono a squadre di dilettanti e di professionisti, seguite dal Prof. Monaco Biagio e altri collaboratori appassionati. Le squadre e i risultati verranno aggiornati a breve su questo sito.

Novi Ligure, presentato il bando per l’atleta ed il dirigente sportivo dell’anno

Novi Ligure, presentato il bando per l’atleta ed il dirigente sportivo dell’anno

Organizzato come sempre dall’Unione Nazionale Veterani dello Sport

Oggi 3 settembre presso il salone di rappresentanza del Comune di Novi Ligure, si è tenuta la conferenza stampa per illustrare quanto la sezione di Novi Ligure sta proponendo ai cittadini comuni e agli amanti delle due ruote a pedali, la 22° edizione la Novi Ligure Castellania, con lo slogan “Io voglio pedalare Sicuro” questo al fine che gli automobili rispettino chi vuole dedicarsi al ciclismo che esso sia un libero cittadino ho chi lo svolge come professione e poi vogliamo anche lanciare un appello alle Amministrazioni Comunali e alle Regioni e allo Stato di impegnarsi alla costruzioni di piste ciclabili.

Prima dell’inizio della conferenza il Presidente UNVS ha chiesto un minuto di raccoglimento per l’improvvisa scomparsa del ciclista novese Rosario Marletta che proprio nel pomeriggio si sarebbero svolti l’onoranza funebre. Con lo slogan “Io Voglio Pedalare Sicuro”, nato anche per ricordare il ciclista Michele Scarponi, il motociclista statunitense Nicky Hayden, la maratoneta tedesca Julia Villhemer e tantissimi altri che quotidianamente vengo travolti da automobilisti distratti, si vuole rivolgere un sollecito a tutte quelle amministrazioni che da tanto tempo promettono piste ciclabili che non partoriscono mai.

Sia il Presidente dell’UNVS il Sindaco e l’Assessore allo Sport hanno ribadito che le Società sportive novesi si dovrebbero avvicinarsi di più alla benemerita associazione, visto l’impegno che da oltre vent’anni è impegnata nell’assegnare il premio per l’atleta novese e il dirigente.

Il due bandi hanno la scadenza del 30 ottobre al fine che la commissione giudicante abbia il tempo per esaminare le domande pervenute.

Trekking ecologico nel Parco del Beigua per la Settimana del Pianeta Terra

Trekking ecologico nel Parco del Beigua per la Settimana del Pianeta Terra

Con un’escursione al Lago dei Giulli presso Sassello

Questa domenica si terrà la 6°edizione della Settimana del Pianeta Terra, evento nazionale per la promozione delle geoscienze.

La guida e geologa del Parco del Beigua-Unesco Geopark condurrà i visitatori in un geo-trekking che, partendo dal centro di Sasselloarriverà alla Foresta della Deiva fino a raggiungere il Lago dei Giulli, località dove il tempo e l’acqua hanno, nel corso del tempo, modellato il paesaggio, con una geomorfologia particolare. I visitatori insieme alle guide potranno scoprire le sfere brunastre incastrate nelle rocce serpentiniche.

L’escursione è adatta a tutti e durerà per l’intera giornata con pranzo al sacco. Il costo è di 10 Euro a persona (gratuito fino ai dodici anni). La prenotazione è obbligatoria entro sabato alle ore 12:00 telefonando all’Ente Parco del Beigua (010-8590300 o 393-9896251).

Nella giornata di sabato, invece, dalle ore 9:00 alle ore 12:30 sarà possibile visitare gratuitamente l’esposizione di reperti fossili del Centro Visite del Parco del Beigua a Palazzo Gervino (Sassello).

Infine, tutti coloro che vengono in escursione nel territorio del Geoparco del Beigua non si dimentichino di scattare tante fotografie a tema autunnale, per partecipare al concorso fotografico ScattailBeigua che scadrà il 20 novembre.