Categoria: Urbe e Sassello

Beigua Bikes, un nuovo modo di scoprire il territorio

Beigua Bikes, un nuovo modo di scoprire il territorio

In questo preciso momento storico, dove si sente sempre di più l’esigenza di difendere l’ambiente e di promuovere il turismo sostenibile, un paese dell’entroterra come Sassello, naturalmente ricco di natura e di bellezze paesaggistiche, possiede già un grande potenziale per attirare un flusso turistico giovane e sportivo, diverso da quello “mordi e fuggi” del motociclista del weekend, e soprattutto a impatto zero: ne è convinto Jefferson De Souza, ideatore, insieme a Michele Gabino, di Beigua Bikes, il primo noleggio di biciclette elettriche sul nostro territorio.

Una passione, quella per la mountain bike, che condivide insieme ad un gruppo di amici, con i quali si dedica al recupero e alla pulizia dei sentieri e dei percorsi: “in questi anni io e i miei amici abbiamo preparato ben 36 chilometri di sentieri”, ci racconta Jefferson, “abbiamo pulito i sentieri vecchi e tracciato quelli nuovi, in particolare quelli nei pressi della foresta della Deiva, che adesso si possono trovare sulla applicazione per cellulari trail forks divisi in lunghezza e difficoltà, a disposizione di tutti”.

Un modo quindi per promuovere e far conoscere il territorio di Sassello a tutti gli appassionati di questo sport, che, in altre realtà, conta tantissimi praticanti: “l’idea è stata quella di creare un punto base per tutti gli amanti della mountain bike: fino ad oggi, infatti, per affittare una e-bike era necessario andare in riviera” spiega Jefferson, “noi inizieremo con sei e-bike da enduro, con una batteria dalla durata di 80 chilometri, che consentirà a tutti di poter esplorare i dintorni in tutta tranquillità e comodità.

Punto di forza per il progetto è la collaborazione con Beigua Docks, dove si troveranno gli spazi di beigua bikes: “quando i lavori saranno terminati, grazie alla collaborazione con Beigua Docks, forniremo anche una piccola ciclo-officina, lo spazio per il lavaggio delle bici, lo spogliatoio con docce e bagni” ci racconta Jefferson. “il noleggio è aperto dal 3 giugno, mentre l’inaugurazione ufficiale si terrà a fine mese proprio in concomitanza con la fine dei lavori di Beigua Docks. Ci potete trovare anche su Facebook e Instagram: la nostra idea è di usare le stories per far vedere il meteo in tempo reale a chi vuole salire a Sassello”.


Dopo l’intervista, abbiamo provato una e-bikes, un modello enduro elettrico con tre velocità: eco, trail e boost, inseribili con una levetta vicino alla mano sinistra sul manubrio, e abbiamo deciso di fare un breve percorso dal Beigua Docks fino al castello Bellavista, nella foresta della Deiva. Appena partiti, abbiamo inserito la modalità eco e la sensazione è stata quella di avere una pedalata assistita che seguiva la nostra velocità, ottima per il primo tratto stradale. Siamo andati verso l’ingresso della foresta della Deiva, dove inizia lo sterrato, e abbiamo quindi inserito la modalità trail, adatta per i terreni sconnessi. Proseguendo, abbiamo iniziato la salita, perciò abbiamo provato la modalità boost, che ci ha dato la spinta necessaria per raggiungere la nostra meta: in una decina di minuti, infatti, avevamo già raggiunto il castello Bellavista. Per tornare a Beigua Docks, abbiamo spento il motore elettrico e abbiamo guidato la nostra e-bike in discesa come una normale mountain bike.

Come riconoscere i funghi? Corso di micologia a Urbe

Come riconoscere i funghi? Corso di micologia a Urbe

Presso l’Albergo Minetto il 31 maggio, 1 e 2 giugno e 14, 15, 16 giugno

Il territorio dell’Alta Valle Orba, in gran parte incontaminato e ricco di boschi, è rinomato per la numerosa presenza di funghi pregiati, e attira ogni anno tantissimi appassionati desiderosi di raccogliere questi “tesori” del sottobosco. Proprio per questo motivo, il Consorzio Alta Valle Orba ha organizzato a Urbe, in provincia di Savona, una serie di incontri di micologia, destinati a chi volesse conoscere meglio il mondo dei funghi, approfondire la loro biologia, come riconoscerli e fare chiarezza su tutte le norme sulla loro raccolta e la legislazione in merito.

Le lezioni di micologia, tenute dal micologo Dario Gisotti, si terranno presso l’Albergo Minetto, nella frazione di Martina, nelle giornate di venerdì 31 maggio, sabato 1 e domenica 2 giugno, per poi proseguire venerdì 14, sabato 15 e domenica 17, con lezioni alla sera del venerdì (20.30 – 23.00), al sabato pomeriggio (14.00 – 18.30) e la domenica mattina (9.00 – 12.00). Il corso avrà come argomenti la biologia ed ecologia dei funghi, il loro riconoscimento, commestibilità e tossicità, la loro raccolta, certificazione e vendita.

Il corso è gratuito per i possessori del tesserino stagionale del Consorzio, che si potrà acquistare in loco. Per informazioni e prenotazioni: info@funghidellorba.net e 3938342624.

Matteo Serlenga

Novità al parco giochi di Vara Superiore: Targa commemorativa e nuove attrezzature

Novità al parco giochi di Vara Superiore: Targa commemorativa e nuove attrezzature

Sabato 11 maggio a Vara Superiore, frazione del comune di Urbe, è stata scoperta la targa commemorativa dell’avvenuta donazione al Comune del terreno del parco giochi e la presentazione di due nuove attrezzature per i bambini recentemente installate nell’area verde dedicata. Il parco giochi era stato a suo tempo voluto, creato e chiamato Laghetto del sorriso, dall’indimenticato e indimenticabile don Nando Canepa, parroco di Vara Superiore. In tanti anni il laghetto del sorriso non ha certo deluso le aspettative del suo ideatore ed ha accolto tantissimi bimbi che vi hanno trascorso, soprattutto nella stagione estiva, ore liete e spensierate.

Attualmente la dotazione dei giochi esistenti è stata completata con una nuova altalena, in sostituzione di una ormai inutilizzabile e con una palestrina da esterno per bambini.

Il sindaco di Urbe, Fabrizio Antoci, ha voluto portare a conoscenza di tutti l’avvenuta donazione e anche a nome di tutta la comunità, ha colto l’occasione per ringraziare sentitamente le famiglie che hanno ceduto gratuitamente al Comune il terreno che comprende sia il laghetto, sia lo spazio dedicato ai giochi.

Fabrizio Antoci ha inoltre sottolineato come la targa, posta nell’occasione, voglia essere un grato ricordo nei confronti delle ex proprietarie Maria Angela ZuninoMaiullu” e Ina Paola Zunino e dei loro eredi Bruno Siri, Silvia Siri, Paola Pelazza, Matilde “Tilde” Ravera, Emma Ravera, Bruna Ravera, Pierre Zunino e Daniel Zunino.

Il sindaco ha poi concluso il suo intervento confermando l’impegno da parte del Comune di tenere e manutenere con cura quanto ricevuto in dono e ha anticipato l’intenzione di provvedere anche al recupero e al miglioramento dell’attiguo campo di calcio.

Luigi Dellchà

https://www.facebook.com/linchiostrofresco/photos/a.1402224776682543/2287070951531250/?type=3&theater

Si prepara il “Campionato italiano di Motocross”

Si prepara il “Campionato italiano di Motocross”

In vista del prossimo appuntamento ligure con il campionato italiano di motocross d’epoca pubblichiamo un servizio realizzato a Sassello lo scorso 23 settembre 2018 in occasione della VI prova del campionato italiano di motocross epoca.

La competizione valida quale prova unica per l’assegnazione del primo trofeo “Memorial Paolo Torta” e del III Trofeo “Memorial Joes 961” vedeva impegnati i migliori piloti delle varie cilindrate che hanno fatto la storia del grande motocross negli anni 60 – 70 – 80.

Un ringraziamento al Moto club Sassello per la gentile accoglienza riservata ai nostri inviati.

Giacomo Piombo

Si prepara il “Campionato italiano di Motocross”

Si scaldano i motori dei campioni delle due ruoteIn vista del prossimo appuntamento ligure con il campionato italiano di motocross d’epoca pubblichiamo un servizio realizzato a Sassello lo scorso 23 settembre 2018 in occasione della VI prova del campionato italiano di motocross epoca. La competizione valida quale prova unica per l’assegnazione del primo trofeo “Memorial Paolo Torta” e del III Trofeo “Memorial Joes 961” vedeva impegnati i migliori piloti delle varie cilindrate che hanno fatto la storia del grande motocross negli anni 60 – 70 – 80.Un ringraziamento al Moto club Sassello per la gentile accoglienza riservata ai nostri inviati.Giacomo Piombo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Martedì 2 aprile 2019
URBE – IL SINDACO ANTOCI TRACCIA IL SUO CONSUNTIVO

URBE – IL SINDACO ANTOCI TRACCIA IL SUO CONSUNTIVO

Il nostro corrispondente per l’Alta Valle dell’Orba e Sassello, Matteo Serlenga, ha intervistato Fabrizio Antoci, sindaco di Urbe (Sv), il quale molto gentilmente ha illustrato di fronte alle nostre telecamere i punti principali realizzati nel corso del suo mandato elettorale e ha fatto anche alcune significative precisazioni.

Ai nostri lettori una buona visione e un grazie al sindaco per la sua disponibilità prestata.

Gian Battista Cassulo

Urbe – Il sindaco Antoci traccia il suo consuntivo

URBE – IL SINDACO ANTOCI TRACCIA IL SUO CONSUNTIVOIl nostro corrispondente per l'Alta Valle dell'Orba e Sassello, Matteo Serlenga, ha intervistato il sindaco di Urbe, Fabrizio Antoci, il quale molto gentilmente ha illustrato di fronte alle nostre telecamere i punti principali realizzati nel corso del suo mandato elettorale e ha fatto anche alcune significative precisazioni.Ai nostri lettori una buona visione e un grazie al sindaco per la sua disponibilità prestata.Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Venerdì 15 marzo 2019
Carabinieri: lavoro di intelligence tra Liguria e Piemonte

Carabinieri: lavoro di intelligence tra Liguria e Piemonte

Le antiche “Vie del sale” oggi sono protagoniste di illeciti traffici

L’Oltregiogo si conferma una via di passaggio purtroppo anche dei traffici illeciti, come ci dimostra il lavoro di intelligence attivato dai comandi delle Compagnie dei Carabinieri di Savona e di Novi Ligure che, lavorando in sinergia tra loro e seguendo una pista basata su intercettazioni e appostamenti, tra la fine febbraio e l’inizio di marzo hanno fatto scattare una trappola nella quale sono caduti due grossi spacciatori di droga

I Carabinieri di Novi Ligure unitamente a quelli di Savona, hanno infatti tratto in arresto S.E., 36enne e K.E 32enne, entrambi cittadini marocchini, per traffico illecito di sostanze stupefacenti, trovando all’interno di un garage, 90 Kg di hashish, un bilancino digitale, circa 20 gr di cocaina, un’ingente quantitativo di denaro in contante e numerose sim telefoniche nazionali e marocchine

I due avevano ricevuto il carico di droga nella mattinata del 28 febbraio, verosimilmente arrivato dalla Spagna, e lo avrebbero poi destinato a diverse piazze di spaccio, tra le quali Savona e Genova.

Giunta la partita è scattato il blitz dei Carabinieri e gli arrestati ieri, sabato  2 marzo 2019, su misura cautelare del magistrato sono stati associati al carcere di Alessandria.

Gian Battista Cassulo

URBE – ALLA RICERCA DELL’ALPINO PERDUTO

URBE – ALLA RICERCA DELL’ALPINO PERDUTO

Cari amici de “l’inchiostro fresco“, oggi lunedì 18 febbraio 2019, mentre stiamo distribuendo il giornale nell’Alta Valle dell’Orba, a Urbe abbiamo incontrato un nostro simpaticissimo lettore, Massimo Tortorolo, alpino classe 1935, che da tempo si rammarica per una statua dedicata all’alpino da lui stesso eretta, che per un caso fortuito è caduta e non più ripristinata.

Abbiamo raccolto in questo filmato il suo rammarico e sentiremo sulla vicenda anche il sindaco, ma siamo sicuri che tutto si risolverà nel migliore dei modi!!!!!!

Il sindaco di Urbe, Fabrizio Antoci, dopo aver visto il presente filmato ci ha scritto: “A questo punto, con tutto il rispetto per il mio anziano concittadino, dopo il suo comizio, Vi attendo per una doverosa replica. Par condicio!

E noi, come nostra consuetudine, abbiamo subito risposto: “Certamente!!! E come ho detto anche nel video, durante le riprese, il nostro corrispondente, Matteo Serlenga, nell’intervista che già era stata prevista, le chiederà anche del Monumento all’Alpino”.

Un arrivederci dunque a tutti sul prossimo numero de “l’inchiostro fresco” di marzo 2019.

Gian Battista Cassulo

Urbe – Alla ricerca dell'Alpino perduto

URBE – ALLA RICERCA DELL'ALPINO PERDUTOCari amici de "l'inchiostro fresco", oggi lunedì 18 febbraio 2019, mentre stiamo distribuendo il giornale nell'Alta Valle dell'Orba, ad Urbe abbiamo incontrato un nostro sipaticissimo lettore, Massimo Tortorolo, alpino classe 1935, che da tempo si rammarica per una statua da lui stesso eretta, che per un caso fortuito è caduta e non più ripristinata.Abbiamo raccolto in questo filmato il suo rammarico e sentiremo sulla vicenda anche il sindaco, ma siamo sicuri che tutto si risolverà nel migliore dei modi!!!!!!Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Lunedì 18 febbraio 2019
Il distributore di carburante a Urbe si farà!

Il distributore di carburante a Urbe si farà!

L’amministrazione comunale ispira alla Regione una modifica a favore dell’entroterra

Intervista al sindaco di Urbe Fabrizio Antoci

“Il distributore di carburanti a Urbe si farà! Il 23 novembre abbiamo ricevuto da Roma l’approvazione della richiesta di finanziamento a fondo perduto da parte del Comitato SNAI (Strategia nazionale Aree Interne).

E’ motivo di grande soddisfazione perché si tratta, in Italia, del primo ed unico distributore di carburante di proprietà comunale interamente finanziato dallo stato, con un contributo di circa 250.000 euro.

Nascerà in convenzione con il comune di Tiglieto, probabilmente nell’area appena sotto l’Albergo Minetto in frazione Martina, attualmente adibito a capolinea ATP e recentemente acquisito dall’amministrazione comunale di Urbe.

Questa idea è nata nel 2016, dopo che tutte le compagnie petrolifere (almeno una decina) che erano state contattate da noi e dai colleghi di Tiglieto si erano dette non interessate alla realizzazione e alla gestione di una pompa sul nostro territorio, temendo di non rientrare delle spese da sostenere a causa dello scarso volume di vendite previsto.

Si tratterà di un distributore self service benzina e gasolio con predisposizione per la colonnina elettrica di rifornimento.

Bisognerà pazientare ancora per il 2019, perché i tempi burocratici di Stato e Regione sono ahimè lunghi ma il finanziamento è certo perché verrà erogato attraverso i fondi già stanziati della legge di Stabilità 2016.

Entro marzo sarò chiamato a Roma per la firma dell’Accordo Quadro (APQ) in rappresentanza degli altri 7 sindaci dell’Area Interna Beigua SOL (Mele, Masone, Campoligure, Rossiglione, Tiglieto, Sassello e Stella), accordo che prevede il finanziamento, oltreché del distributore, di tanti altri fondamentali progetti per le nostre vallate, riguardanti Salute, Scuola e Trasporti.

Quando avrò apposto quella benedetta firma – agognata da tutti per l’entità del lavoro svolto in questi anni e per gli ostacoli che, insieme, abbiamo dovuto superare – descriveremo nel dettaglio tutti gli altri progetti.

Nei sei/sette mesi successivi alla firma dell’Accordo dovremmo avere il via libera per appaltare il progetto e la costruzione, nel frattempo ci stiamo già muovendo per avere tutte le autorizzazioni del caso.

Voglio ringraziare l’on. Rixi al quale avevo illustrato il progetto e al quale avevo chiesto nel 2017 una deroga alla legge regionale che ci consentisse di realizzare il distributore senza tutti gli obblighi previsti dall’allora normativa. Devo riconoscergli di averci sempre sostenuto in questa “avventura” – a cui pochi credevano – e di aver mantenuto la parola che mi aveva dato anche se, nel frattempo, è stato eletto in Parlamento: il 19 novembre scorso la Regione ha infatti approvato una deroga alla Legge sul Commercio che consente la realizzazione di distributori di benzina nelle zone svantaggiate della Liguria senza la necessità di garantire anche il rifornimento di Gpl e senza l’obbligo di costruire congiuntamente una centrale fotovoltaica. Per noi si tratta di un notevolissimo risparmio.

Siamo orgogliosi di essere stati ispiratori di questa modifica a livello regionale che, come ha dichiarato l’assessore regionale Beveduti, “agevola tutti quei Comuni svantaggiati delle Aree interne e delle vecchie Comunità montane, 101 località della Liguria, escluse quelle costiere, consentendo l’installazione di impianti carburanti per fornire un importante servizio ai cittadini residenti (e a turisti e villeggianti, aggiungiamo noi)  di queste aree che altrimenti sarebbero penalizzati vista la frequente dismissione di impianti di carburante che obbliga a fare molti chilometri prima di trovare un distributore”.