Tag: Liceo Amaldi

Leonardo Coscia ai nazionali di informatica: l’Istituto “Amaldi” non finisce mai di stupire!!!!

Leonardo Coscia ai nazionali di informatica: l’Istituto “Amaldi” non finisce mai di stupire!!!!

Leonardo Coscia, studente della 3°I indirizzo Scienze applicate del liceo scientifico “Amaldi”, si è qualificato per la fase nazionale del campionato studentesco di informatica che si terrà il 18 settembre a Matera.

Un risultato di indubbio prestigio per la scuola novese ed una grande soddisfazione per il ragazzo, ottenuto nella fase regionale dei campionati studenteschi svoltisi a Biella.

Leonardo Coscia è stato seguito in questa competizione dalla insegnante di informatica del liceo Amaldi, Anna Coscia. Nella selezione regionale si è classificato al secondo posto con 48 punti.

Leonardo Coscia afferma di avere affrontato la selezione regionale con lo spirito di chi non ha nulla da perdere. “Mi è piaciuta moltissimo in quanto si chiedeva di usare molto la logica, più che l’informatica, nell’affrontare i problemi posti. Sarà perché mi è sempre piaciuta l’informatica ma le funzioni per risolverli le ho trovate abbastanza semplici.”

Nella prova regionale gli studenti hanno dovuto affrontare quattro problemi su diverse situazioni di calcolo.

Era la prima volta che disputavo l’Olimpiade di informatica”, confessa Leonardo Coscia che aggiunge come l’informatica gli sia sempre piaciuta associandola ad una predilezione per la matematica. Riguardo al suo futuro di studi gli piacerebbe iscriversi alla facoltà di Ingegneria aerospaziale.

Maurizio Priano

https://www.facebook.com/linchiostrofresco/photos/a.1402224776682543/2287768121461533/?type=3&theater

NOVI LIGURE: GRANDE “AMALDI”

NOVI LIGURE: GRANDE “AMALDI”

Il liceo scientifico “Amaldi” si conferma ai vertici nazionali del badminton: alla fase regionale svoltasi a Novi Ligure, infatti, si sono imposte sia la squadra maschile che quella femminile, guadagnandosi così il diritto di partecipare ai campionati italiani che si svolgeranno dal 20 al 24 maggio a Cagliari.

I docenti che hanno seguito i ragazzi in questa avventura sono gli insegnanti di Scienze motorie Marco Bagnasco e Monica Baracco.

Ci dice Alfonso Pampaloni Pasetti, classe 3° scientifico ad indirizzo sportivo: “Già alla vigilia di questa fase regionale eravamo i favoriti per vincere. L’unica squadra che avrebbe potuto contrastarci, l’Acqui, l’abbiamo battuto ai provinciali. Diciamo che abbiamo mantenuto fede ai pronostici. Forse non ci aspettavamo di vincere così nettamente nel punteggio.”

Alfonso Pampaloni Pasetti è un ragazzo eclettico in quanto gioca a pallavolo nell’Under 18 ed in serie D. “Mi sono offerto volontario per la fase regionale di badminton in quanto ho praticato questa disciplina per due anni con il prof. Bagnasco.”

La fase regionale prevedeva due gironi da tre squadre con le semifinali incrociate, prima contro seconda di entrambi i gironi e quindi la finale fra le due vincenti. I ragazzi hanno vinto tutti gli incontri dei gironi e la semifinale. Nell’incontro decisivo hanno giocato contro il liceo Cocito di Alba. Una partita anche questa senza storia e con i novesi vincitori dei primi tre incontri e quindi a punteggio acquisito è stato deciso di non svolgere gli ultimi due.

I ragazzi hanno giocato con Francesco Motta ed Alfonso Pampaloni Pasetti, entrambi della classe terza liceo scientifico indirizzo sportivo, Alessandro Bruzzone della classe 3° indirizzo liceo classico, Mattia Trezza che è anche il più giovane frequentando la classe prima liceo scientifico.

La formula per le ragazze prevedeva invece un girone unico, incontrando le formazioni delle province di Cuneo, Novara, Vercelli e Torino. Unica esclusa la provincia di Biella presentatasi con la sola squadra maschile.

Anche per loro tutte vittorie. Le ragazze hanno giocato con Diana Costiuc che frequenta la classe 2° indirizzo Scienze applicate, stesso indirizzo per Adele Foti che frequenta la classe 1° e Angela Ruta iscritta alla classe 2° e Alessia Delfitto iscritta invece alla classe 3° indirizzo linguistico.

E adesso? “Adesso andiamo a giocarcela-afferma Alfonso Pampaloni- con le squadre trentine, tradizionalmente le più forti nel badminton.”

Maurizio Priano