Tag: ovada

I GIOIELLI DELLE “MADRI PIE” DI OVADA

I GIOIELLI DELLE “MADRI PIE” DI OVADA

Qui in redazione annualmente si alternano molti studenti che, nel quadro della cosiddetta “Buona scuola“, vengono “ad imparare” il mestiere del giornalista.

Dopo quelli del Ciampini-Boccardo e dell’Amaldi di Novi Ligure, quest’anno è toccato all’Istituto scolastico “Madri Pie” di Ovada che ha inviato in redazione Larissa Santamaria e Pietro Caneva.

Larissa a pieni voti ha già terminato il suo “cursus honorum” e adesso sotto c’è Caneva che inizia a darsi da fare.

Sono veramente due bravi ragazzi e si stanno “attrezzando” per affrontare al meglio il loro futuro in questo mondo che diventa sempre più competitivo, ma che nello stesso momento, liberando l’uomo, grazie alle moderne tecnologie, dalle fatiche manuali e ripetitive (ad esempio la “catena di montaggio”), lo mette in condizione di fare lavori più creativi.

E cosa c’è di più creativo che fare un giornale? Ogni giorno una notizia diversa, ogni giorno a caccia di notizie, ogni giorno una nuova conoscenza e ….. si diventa cittadini del mondo!!!!

Ecco in questo video, Larissa e Pietro che, come tanti altri studenti passati da qui, si apprestano ad imparare questo mestiere e, per parafrasare Napoleone che diceva che “ogni soldato francese porta nella sua giberna il bastone di maresciallo”, speriamo che nella giberna di questi ragazzi vi sia lo spirito di Montanelli.

Gian Battista Cassulo

I GIOIELLI DELLA "MADRI PIE" DI OVADA

I GIOIELLI DELLE "MADRI PIE" DI OVADAQui in redazione annualmente si alternano molti studenti che, nel quadro della cosiddetta "Buona scuola", vengono "ad imparare" il mestiere del giornalista.Dopo quelli del Ciampini-Boccardo e dell'Amaldi di Novi Ligure, quest'anno è toccato all'Istituto scolastico "Madri Pie" di Ovada che ha inviato in redazione Larissa Santamaria e Pietro Caneva.Larissa a pieni voti ha già terminato il suo "cursus honorum" e adesso sotto c'è Caneva che inizia a darsi da fare.Sono veramente due bravi ragazzi e si stanno "attrezzando" per affrontare al meglio il loro futuro in questo mondo che diventa sempre più competitivo, ma che nello stesso momento, liberando l'uomo, grazie alle moderne tecnologie, dalle fatiche manuali e ripetitive (ad esempio la “catena di montaggio”), lo mette in condizione di fare lavori più creativi.E cosa c'è di più creativo che fare un giornale? Ogni giorno una notizia diversa, ogni giorno a caccia di notizie, ogni giorno una nuova conoscenza e ….. si diventa cittadini del mondo!!!!Ecco in questo video, Larissa e Pietro che, come tanti altri studenti passati da qui, si apprestano ad imparare questo mestiere e, per parafrasare Napoleone che diceva che “ogni soldato francese porta nella sua giberna il bastone di maresciallo”, speriamo che nella giberna di questi ragazzi vi sia lo spirito di Montanelli.Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Lunedì 17 giugno 2019
L’erboristeria si fa spazio, e si fa largo nel mondo della produzione e del commercio Un riconoscimento ambito per l’erboristeria: Sebastiano Peruzzo “Cavaliere della Repubblica”

L’erboristeria si fa spazio, e si fa largo nel mondo della produzione e del commercio Un riconoscimento ambito per l’erboristeria: Sebastiano Peruzzo “Cavaliere della Repubblica”

L’erboristeria cambia volto e continua nel suo progresso, senza dimenticare il passato. Il settore dell’erboristeria infatti continua imperterrito nella sua crescita, ottenendo enormi successi, coronati, addirittura, da  prestigiose onorificenze.

L’uomo simbolo di tale settore nella nostra zona, ovvero nell’Alto Monferrato e più in generale nell’Oltregiogo, è sicuramente Sebastiano Peruzzo, che nel corso di molti anni è riuscito a rivalorizzare l’arte delle erbe, concretizzato in tempi più recenti con un progetto imprenditoriale che ha preso forma con l’Erbaflor di Basaluzzo.

Innovazione abbinata a costanza e duro lavoro, questi fattori hanno permesso all’imprenditore Peruzzo di raggiungere un successo, non solo economico, ma anche e soprattutto culturale coronato, con  l’assegnazione del titolo di  “Cavaliere della Repubblica”, conferitogli dal Prefetto di Alessandria il 2 giugno 2019 durante la ricorrenza della “Festa della Repubblica”.

Il traguardo più grande, che va oltre questo riconoscimento– ci ha detto Peruzzo- è stato il riuscire a trasformare il lavoro antico dell’erborista,  che ho ereditato da mio padre, in un moderno progetto imprenditoriale,  per garantire sicurezza e benessere ai miei clienti, che nel corso del tempo sono diventati miei cari amici”.

Sotto i capannoni della Erbaflor di Basaluzzo, visitando i vari reparti, ove opera un personale altamente specializzato (Ndr.: per i responsabili di settore la laurea in farmacia è un obbligo), si può ravvisare in primis dai macchinari utilizzati una cura per il prodotto che parte a monte dall’importanza del lavoro manuale delle materie prime.

I responsabili della produzione ci spiegano infatti che ogni prodotto è controllato e garantito dal Ministero della Sanità. In questo senso la preparazione e la professionalità dei dipendenti è di fondamentale importanza per un’impresa di tal genere

I dipendenti infatti vengono ricercati dalla Erbaflor in base alle qualifiche, ma anche attraverso una selezione a livello locale non solo per fornire lavoro alle persone del posto, ma anche per preparare futuri erboristi in loco.

Ed è proprio in questo senso che Sebastiano Peruzzo da noi interpellato, ci ha detto che dedica il suo successo alla famiglia e alle maestranze, precisandoci che questa onorificenza non l’ha cambiato, ma solo reso orgoglioso. 

Pietro Caneva

Dal “CDTVSeO “- Comitato Difesa Trasporti Valli Stura e Orba, riceviamo e pubblichiamo: NO, alla chiusura della biglietteria della stazione di Ovada

Dal “CDTVSeO “- Comitato Difesa Trasporti Valli Stura e Orba, riceviamo e pubblichiamo: NO, alla chiusura della biglietteria della stazione di Ovada

Mercoledì 19 giugno 2019  alle ore 18:00, presso la stazione ferroviaria di Ovada, si terrà un sit-in riguardante la decisione di Trenitalia di chiudere la biglietteria della stazione stessa, l’ultima rimasta sulla linea “Genova – Ovada Acqui Terme” da Visone (Al) a Sampierdarena (Ge).

Poiché tale chiusura, a fronte anche del recente esborso di 4 milioni di euro per ristrutturare la stazione di Ovada, riguarda non solo i pendolari ma tutta la cittadinanza di Ovada e dei paesi limitrofi, abbiamo invitato, oltre ai cittadini, anche i rappresentanti dei vari Comuni a partecipare, possibilmente con fascia tricolore, all’incontro.

Estendiamo l’invito anche a tutti gli organi d’informazione locale e non, in quanto riteniamo sicuramente utile anche la presenza della carta stampata, della radio e della TV per dare maggiore risalto alla problematica e allo sforzo congiunto per trovare una soluzione che vada incontro alle esigenze di chi, a vario titolo, viaggia.

Ringraziando per la preziosa collaborazione e restando a disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo cordiali saluti,

Simona Repetto

Alessandra Rapetti

Renato Rosano

Paolo Trincheri

NO ALLA CHIUSURA DELLA BIGLIETTERIA NELLA STAZIONE DI OVADA

Dal “CDTVSeO “- Comitato Difesa Trasporti Valli Stura e Orba, riceviamo e pubblichiamo:NO ALLA CHIUSURA DELLA BIGLIETTERIA NELLA STAZIONE FERROVIARIA DI OVADAMercoledì 19 giugno 2019 alle ore 18:00, presso la stazione ferroviaria di Ovada, si terrà un sit-in riguardante la decisione di Trenitalia di chiudere la biglietteria della stazione stessa, l'ultima rimasta sulla linea “Genova – Ovada Acqui Terme” da Visone (Al) a Sampierdarena (Ge).Poiché tale chiusura, a fronte anche del recente esborso di 4 milioni di euro per ristrutturare la stazione di Ovada, riguarda non solo i pendolari ma tutta la cittadinanza di Ovada e dei paesi limitrofi, abbiamo invitato, oltre ai cittadini, anche i rappresentanti dei vari Comuni a partecipare, possibilmente con fascia tricolore, all'incontro. Estendiamo l'invito anche a tutti gli organi d’informazione locale e non, in quanto riteniamo sicuramente utile anche la presenza della carta stampata, della radio e della TV per dare maggiore risalto alla problematica e allo sforzo congiunto per trovare una soluzione che vada incontro alle esigenze di chi, a vario titolo, viaggia. Ringraziando per la preziosa collaborazione e restando a disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo cordiali saluti,Simona RepettoAlessandra RapettiRenato RosanoPaolo TrincheriQui sotto presentiamo un video che avevamo girato nell'ottobre del 2018, durante i lavori di ristrutturazione e dove esternavamo le nostre aspettative per vedere finalmente una "bella" stazione al servizio del territorio.

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Venerdì 14 giugno 2019
LANTERO PRESENTA LA SUA LISTA: OVADA SI TINGE DI ROSA

LANTERO PRESENTA LA SUA LISTA: OVADA SI TINGE DI ROSA

Una giunta in rosa quella che guiderà Ovada nei prossimi cinque anni. Su 5 assessori tre sono donne ed è giusto che sia così perché ormai l’altra metà del cielo si è conquistata a pieno titolo la leadership nella nostra società moderna.

Oggi alle ore 15 a Palzazzo Delfino il riconfermato sindaco Paolo Lantero, si è presentato in Sala giunta per illustrare alla stampa cittadina la sua squadra.

Eccola

1) Sabrina Caneva sarà il Vice sindaco nonché assessore con delega al Bilancio, Programmazione finanziaria, economico-patrimoniale, Istruzione e Formazione professionale.

2) Sergio Capello, assessore con delega ai lavori pubblici, Servizio idrico integrato, viabilità

3) Maria Grazia Dipalma, assessore con delega all’Urbanistica, assistenza, politiche abitative, Integrazione sociale, Politiche giovanili

4) Marco Lanza, assessore esterno al Consiglio con deleghe alle Attività economiche, Turismo, Ambiente, Servizi di igiene ambientale, Programmazione e sviluppo del territorio, Attività per l’acquisizione di finanziamenti da Enti e Soggetti terzi per attività e progetti comunali

5) Roberta Pareto, assessore con deleghe alla partecipazione, pari opportunità, Cultura e Manifestazioni ed eventi.

Accanto a questi assessori saranno alcuni Consiglieri scelti per la loro specifica competenza nei diversi rami politico/amministrativi.

Questi Consiglieri sono: Luisa Russo, Giuseppe Ferrari, Trivelli, Elio Ardizzone, Carolina Malaspina, Armandino Nervi, Sara Olivieri.

Un bel gruppo di persone che comunque da anni sono impegnate o in politica o nel mondo del volontariato e che, quindi, saranno certamente utili all’amministrazione della città e sapranno con la necessaria competenza sostenere l’attività del Primo Cittadino.

All’Opposizione consiliare il compito di vigilare e di proporre politiche o visioni alternative, perché questo è il gioco della democrazia..

Gian Battista Cassulo

OVADA – LANTERO PRESENTA LA SUA GIUNTA

LANTERO PRESENTA LA SUA LISTAOVADA SI TINGE DI ROSAUna giunta in rosa quella che guiderà Ovada nei prossimi cinque anni. Su 5 assessori tre sono donne ed è giusto che sia così perché ormai l'altra metà del cielo si è conquistata a pieno titolo la leadership nella nostra società moderna.Oggi alle ore 15 a Palzazzo Delfino il riconfermato sindaco Paolo Lantero, si è presentato in Sala giunta per illustrare alla stampa cittadina la sua squadra. Eccola1) Sabrina Caneva sarà il Vice sindaco nonché assessore con delega al Bilancio, Programmazione finanziaria, economico-patrimoniale, Istruzione e Formazione professionale.2) Sergio Capello, assessore con delega ai lavori pubblici, Servizio idrico integrato, viabilità3) Maria Grazia Dipalma, assessore con delega all'Urbanistica, assistenza, politiche abitative, Integrazione sociale, Politiche giovanili4) Marco Lanza, assessore esterno al Consiglio con deleghe alle Attività economiche, Turismo, Ambiente, Servizi di igiene ambientale, Programmazione e sviluppo del territorio, Attività per l'acquisizione di finanziamenti da Enti e Soggetti terzi per attività e progetti comunali5) Roberta Pareto, assessore con deleghe alla partecipazione, pari opportunità, Cultura e Manifestazioni ed eventi.Accanto a questi assessori saranno alcuni Consiglieri comunali ed esponenti della società civile scelti per la loro specifica competenza nei diversi rami politico/amministrativi.Questi Consiglieri sono: Luisa Russo, Giuseppe Ferrari, Alberto Trivelli, Elio Ardizzone, Carolina Malaspina, Armandino Nervi, Sara Olivieri.Un bel gruppo di persone che comunque da anni sono impegnate o in politica o nel mondo del volontariato e che, quindi, saranno certamente utili all'amministrazione della città e sapranno con la necessaria competenza sostenere l'attività del Primo Cittadino.All'Opposizione consiliare il compito di vigilare e di proporre politiche o visioni alternative, perché questo è il gioco della democrazia.. Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Venerdì 7 giugno 2019
FIORISSIMA 2019 – UN GIARDINO INCANTATO AD OVADA

FIORISSIMA 2019 – UN GIARDINO INCANTATO AD OVADA

FIORISSIMA 2019 – UN GIARDINO INCANTATO AD OVADA

Se questo pomeriggio (domenica 2 giugno 2019) non sapete cosa fare, correte ad Ovada perché a Villa Schella è sbocciato un “giardino incantato“: sono i fiori e gli arredi floreali di “Fiorissima – 2019“.

Uno spettacolo da non perdere. Noi ci siamo stati questa mattina. Abbiamo comprato un sacco di fiori e fatto questo filmato che ve lo proponiamo così senza tante rielaborazioni perché a parlare sono i fiori!!!!!

Gian Battista Cassulo

FIORISSIMA 2019 – UN GIARDINO INCANTATO AD OVADA

FIORISSIMA 2019 – UN GIARDINO INCANTATO AD OVADASe questo pomeriggio non sapete cosa fare, correte ad Ovada perché a Villa Schella è sbocciato un "giardino incantato": sono i fiori e gli arredi floreali di "Fiorissima – 2019".Uno spettacolo da non perdere. Noi ci siamo stati questa mattina. Abbiamo comprato un sacco di fiori e fatto questo filmato che ve lo proponiamo così senza tante rielaborazioni perché a parlare sono i fiori!!!!!Gian Battista Cassulo

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Domenica 2 giugno 2019
PIER SANDO CASSULO, PAOLO LANTERO, MAURO LANZONI: UNA SFIDA ELETTORALE TRA GENTILUOMINI

PIER SANDO CASSULO, PAOLO LANTERO, MAURO LANZONI: UNA SFIDA ELETTORALE TRA GENTILUOMINI

Come già scritto su questa pagina, giovedì 16 maggio 2019 al Teatro “Splendor” di Ovada, un vero gioiello per la città, si è svolta una Tribuna elettorale molto partecipata.

170 i posti a sedere tutti occupati più la galleria e i corridoi con gente in piedi. Erano i sostenitori degli schieramenti in campo, che nell’ordine sono:  “Ovada viva” di Pier Sandro Cassulo, “Insieme per Ovada” di Paolo Lantero e il Movimento 5 Stelle con Mauro Lanzoni.

Un bel dibattito, dove anche la platea si è comportata con un grado di “civiltà politica” da fare invidia a certe piazzate che ormai quasi giornalmente assistiamo in TV.

Un confronto e un dibattito vero, che sostanzialmente ci rende pieni d’orgoglio anche noi de “l’inchiostro fresco”, con in testa Marta Calcagno, Massimo Calissano e Fausto Piombo, che lo abbiamo organizzato.

Ecco qui di seguito il filmato che Fausto Piombo, di concerto con l’emittente televisiva locale “TeleValleStura” e “TeleMasone”, ha prodotto con l’ausilio di Giacomo Piombo.

A tutti una buona visione da parte di

Gian Battista Cassulo

Video girato da Fausto Piombo:  

PIER SANDO CASSULO, PAOLO LANTERO, MAURO LANZONI: UNA SFIDA ELETTORALE TRA GENTILUOMINICome già scritto su questa pagina, giovedì 16 maggio 2019 al Teatro "Splendor" di Ovada, un vero gioiello per la città, si è svolta una Tribuna elettorale molto partecipata.170 i posti a sedere tutti occupati più la galleria e i corridoi con gente in piedi. Erano i sostenitori degli schieramenti in campo, che nell’ordine sono: “Ovada viva” di Pier Sandro Cassulo, “Insieme per Ovada” di Paolo Lantero e il Movimento 5 Stelle con Mauro Lanzoni.Un bel dibattito, dove anche la platea si è comportata con un grado di “civiltà politica” da fare invidia a certe piazzate che ormai quasi giornalmente assistiamo in TV.Un confronto e un dibattito vero, che sostanzialmente ci rende pieni d’orgoglio anche noi de “l’inchiostro fresco”, con in testa Marta Calcagno, Massimo Calissano e Fausto Piombo, che lo abbiamo organizzato.Ecco qui di seguito il filmato che Fausto Piombo, di concerto con l’emittente televisiva locale “TeleValleStura” e “TeleMasone”, ha prodotto con l’ausilio di Giacomo Piombo.A tutti una buona visione da parte diGian Battista CassuloVideo girato da Fausto Piombo:

Pubblicato da L'inchiostro fresco La voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo su Sabato 18 maggio 2019

APERTA AD OVADA EXPOLANDIA

APERTA AD OVADA EXPOLANDIA

Dal 10 al 12 maggio grande festa ad Ovada in Piazza Martiri della Benedicta per Expolandia, quest’anno alla sua seconda edizione.

Stand e piazzale pieni di espositori e grande fermento. Il sindaco Paolo Lantero ha tagliato il nastro d’avvio, mentre Valentina Ostojic illustrava al microfono i contenuti della esposizione ovadese delle attività del Basso Piemonte e dell’Entroterra ligure organizzato dalla Nord Industriale di concerto con la Euro Ced della dott.ssa Roberta Torriglia.

Ecco qui di seguito in anteprima un breve spezzone del momento dell’inaugurazione.

Gian Battista Cassulo

https://www.facebook.com/linchiostrofresco/videos/436861510223831/

Expolandia: una fiera in piazza

Expolandia: una fiera in piazza

Si svolgerà il 10-11-12 maggio la seconda edizione di “Expolandia Ovada” la grande manifestazione fieristica che ha messo in rilievo le attività commerciali del Basso Piemonte e dell’entroterra Ligure (l’Oltregiogo), attirando, per tutta la durata del week end, nella grande Piazza dedicata ai Martiri della Benedicta moltissimi visitatori. Abbiamo intervistato una delle organizzatrici del team diretto da Roberta Torriglia, nota commercialista ovadese, che collabora con l’associazione Euro Ced di Ovada. Si tratta di Valentina Ostojic, la quale ci ha illustrato com’è nata l’idea di realizzare una grande esposizione fieristica commerciale.

Expolandia nasce con la volontà di mettersi in gioco a 360°, – dice Valentina (nella foto con la dott.ssa Torriglia) –  cercando di ricreare la fiera nella sua essenza, nelle sue stesse origini medioevali in cui la piazza rappresentava il nucleo centrale della società e dove parenti e amici potevano scambiarsi battute tra una bancarella e l’altra con la semplice voglia di stare insieme, un momento di accoglimento e raccoglimento. Per questo Expolandia non deve essere vista come l’ennesima fiera di settore, ma con molta umiltà, come una possibile vetrina di attività e arti, una possibilità di sfidare le proprie capacità ed un momento di confronto con la speranza che possa servire a crescere e migliorarsi in futuro”.

Una fiera che mette in scena le attività produttive del territorio nonché le sue eccellenze, una sessantina di aziende, tanti prodotti e servizi, ma attira l’attenzione anche di visitatori che non sono direttamente coinvolti.  Si è trattato allora di un vero e proprio mercato di cultura, di scambio di esperienze, di dibattito esperienziale.

Si – spiega Valentina Ostojic – siamo stati piacevolmente sorpresi dall’interessamento e dalla partecipazione da parte di diverse associazioni come il Wwf, la Vela Onlus, con la dottoressa Paola Varese primario di oncologia dell’ospedale di Ovada, il gruppo scout Ovada 1, che hanno accolto con entusiasmo la nostra idea di confrontarci, instaurando nella fiera degli spazi di dibattito sulle questioni che più ci stanno a cuore come la cura dell’ambiente o la cultura dell’”arrangiarsi” in gruppo. Queste partecipazioni – prosegue Valentina – vanno chiaramente al di là del mero scopo economico, sono invece una dimostrazione che qualsiasi occasione è valida per testimoniare l’impegno sociale. Il contesto di gioco e spettacolo ha reso la manifestazione fieristica un contenitore dalle mille sfaccettature, l’aver aggiunto un campo gonfiabile per il calcio balilla umano è stato un ulteriore impegno nella linea di voler far incontrare persone diverse in un momento comune”.

Un bel risultato dunque, Expolandia sarà spettacolo, fiera, cultura, convivialità. Non potevano mancare lo street food e l’area ristorante con cucina tradizionale e per voi tanta soddisfazione.

Mai come quest’anno possiamo dirci soddisfatte per la risposta ottenuta dalla gente, l’afflusso e la partecipazione delle persone è stata notevole, ma non scontata. Se la prima edizione è stata una sfida forse la seconda lo è stata ancora di più, rischiare di deludere la fiducia ripostaci è stato uno stimolo per noi per cercare di dare ancora di più e soddisfare le esigenze di tutti a fronte anche dei feed-back ricevuti dagli espositori della precedente esperienza. Sicuramente una diffusione capillare dell’evento grazie ai media ha permesso di portare in luce l’evento a quanto maggiore pubblico possibile”.

Tanti sponsor, musica, spettacolo dal vivo, soprattutto per i giovani, renderanno la manifestazione una festa, con la novità dei caffè culturali, una moda che sta prendendo piede in questi anni e che ad Expolandia non è mancata.

La scelta di far esibire i Non plus Ultra band, un gruppo di giovani ragazzi simbolo dei nostri territori e il cui sound parla da sé – spiega Valentina Ostojic – durante il momento dell’inaugurazione, in apertura della manifestazione, ha certamente contribuito alla riuscita dell’evento, così come gli  spettacoli offerti nelle giornate successive: il duo comico, i dj Gionna e davide Branca Mc direttamente da Scuola Zoo, la sfilata moda bimbi, le esibizioni di danza e i ragazzi del ju jitsu, hanno incuriosito grandi e piccini coinvolgendo famiglie e amici in un momento di pura goliardia. I “caffè culturali” hanno permesso uno scambio di opinioni piacevole e costruttivo, un momento di crescita interattivo, sempre più di moda. A breve ci rimetteremo al lavoro per Expolandia Ovada 2020, pertanto ogni suggerimento è ben accetto a casa nostra, per una edizione ancora più scoppiettante”.

Marta Calcagno

https://www.facebook.com/events/653208501792921/

Autista di pullman con turisti a bordo, ubriaco. La Polstrada di Ovada evita un’ennesima tragedia

Autista di pullman con turisti a bordo, ubriaco. La Polstrada di Ovada evita un’ennesima tragedia

Nelle prime ore del pomeriggio di venerdì 3 maggio 2019, una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Ovada in servizio di vigilanza stradale sulla tratta dell’autostrada A/26, notava transitare un pullman con delle persone a bordo, a forte velocità, nel tratto di autostrada tra Ovada e Genova.

Gli Agenti decidevano di seguirlo per poterlo poi fermare in un luogo idoneo e sicuro, anche perché il tratto interessato è caratterizzato da varie curve, gallerie e alcuni tratti in pendenza.

Prima di fermare il mezzo, notavano subito che, oltre a procedere a velocità superiore a quella consentita, aveva un’andatura “sospetta” spostandosi senza apparente motivo da una corsia ad un’altra.

Tutto ciò induceva gli Agenti della pattuglia a fermare il prima possibile il veicolo in transito  per evitare spiacevoli conseguenze alla sicurezza dei passeggeri  e degli altri automobilisti.

Dopo alcuni chilometri il pullman veniva fermato, in sicurezza e in una piazzola di emergenza, anche con l’aiuto di un’altra pattuglia che, il COPS di Genova prontamente allertato di quanto stava accadendo, aveva fatto giungere sul posto. 

Sin da subito gli Agenti notavano che l’autista, G.M. 52enne genovese, sceso dal mezzo, emanava un forte odore di  alito vinoso  mostrando un equilibrio precario.

Dal successivo controllo effettuato mediante etilometro, il conducente dell’autobus risultava avere, alla prima prova, un tasso alcolemico pari a 2,00 g/l; per tale categoria di conducenti professionali, così come per i conducenti neopatentati, è vietato guidare dopo aver bevuto sostanze alcooliche.

All’autista, pertanto, veniva subito ritirata la patente di guida per la successiva revoca e scattava la denuncia alla Procura della Repubblica di Alessandria per guida in stato di ebbrezza; venivano anche comminate altre infrazioni amministrative per un importo di oltre 600 euro.

I 30 turisti, tutti di nazionalità straniera, tra cui 8 bambini, partiti da Malpensa e diretti a Genova, dopo aver ringraziato la Polizia Stradale Italiana, hanno proseguito il loro viaggio in tutta tranquillità con un altro autista, che la ditta proprietaria, nel frattempo, aveva fatto giungere sul posto.

Anche questa volta l’esperienza insieme alla professionalità ed il sangue freddo degli Agenti della Polizia Stradale di Ovada, ha evitato un’ulteriore quanto assurda tragedia che poteva verificarsi sulle nostre autostrade.

(V. F.)

Il Teatro “Splendor” di Ovada: un gioiello al centro della città

Il Teatro “Splendor” di Ovada: un gioiello al centro della città

Cari lettori de “l’inchiostro fresco” vi presentiamo oggi un piccolo gioiello racchiuso in uno scrigno.

Il piccolo gioiello è il teatro Splendor e lo scrigno è la città di Ovada.

Questo teatro, minuscolo ma completo di tutte le attrezzature e perfettamente in ordine con le norme antinfortunistiche e di sicurezza, è sito infatti in via Buffa 3, nel pieno del Centro storico cittadino, e alle spalle di un quartiere che sta lentamente tornando in vita grazie ad un lavoro di radicale recupero edilizio portato avanti nel rispetto delle linee tradizionali del contesto urbano: il quartiere delle Aie.

Il teatro “Splendor” è stato oggi, giovedì 2 maggio 2019, l’oggetto della nostra visita ovadese, e abbiamo avuto una guida molto disponibile che ci ha svelato i segreti di questa struttura: il Geom. Fabio Di Cristo che ne cura la conservazione.

Il Teatro fa parte della Parrocchia di “Nostra Signora Assunta”, il principale luogo di culto cattolico di Ovada, che, con la sua bella architettura barocca a chiara impronta genovese, si affaccia sull’omonima piazza, uno dei punti focali del mercato bisettimanale, ingentilita da palazzo Borgatta, il cui singolare angolo curvo ci svela l’antico torrione di Porta Genovese.

Il parroco è Don Maurizio Benzi, originario di Acqui Terme, che gestisce la parrocchia assieme a Don Pietro Macciò, coadiuvato da Don Salvator Masabo e da Don Filippo Piana.

Della parrocchia, che fa parte della Diocesi di Acqui Terme retta dal Vescovo Mons. Luigi Testore, il Teatro “Splendor” è un fiore all’occhiello e rappresenta un insostituibile luogo di aggregazione, non solo per la parrocchia, ma per la città intera, la quale, grazie ad una forte presenza della Chiesa, mantiene indubbiamente una sua marcata identità storica e culturale.

Lo “Splendor”, che è stato riportato al suo attuale stato nel 2011, oltre alle rappresentazioni teatrali e alla proiezione di film, è utilizzato dalle varie associazioni culturali e dalle scuole, e, in un certo qual modo, va a sostituire l’assenza del Teatro Comunale di Corso Martiri della Libertà.

Ma allo “Splendor” è possibile anche allestire dibattiti, presentazioni di libri, mettere in scena recite di “fine anno” scolastico, come avrebbe in animo di fare “l’inchiostro fresco” il prossimo anno proponendo la “messa in scena” di un suo storico seminario sulle origini delle costituzioni, che da anni tiene con le Scuole Saracco di Acqui Terme per ricordare il 2 giugno.

Il teatro “Splendor” un bene prezioso dunque per la città di Ovada, da preservare, tutelare e potenziare!!!

Davide Parodi