Masone: tre giorni di musica e gastronomia per salvare il teatro.

La Valle Stura si è mobilitata per cercare di ridare nuova vita al teatro di Masone “Monsignor Macciò”, inagibile da diversi mesi a causa della necessità di importanti interventi di ristrutturazione e adeguamento imposti dalle nuove normative sulla sicurezza sempre più restrittive.

Il teatro rappresenta una struttura irrinunciabile sia per gli abitanti di Masone sia per quelli dell’intera Valle Stura, che già hanno potuto rendersi conto dell’importanza di disporre di una realtà che da generazioni ospita molte tra le più importanti manifestazioni ed eventi del territorio, tra i quali il Bud & Terence Festival e il Valley’s Got Talent.

Per far fronte a questa situazione, sembrerebbero necessari circa 100.000 euro e, per cercare di reperire questa importante somma, i cittadini si sono prodigati ad organizzare diverse iniziative ed hanno subito creato una pagina Facebook dedicata attraverso cui dare visibilità agli eventi che saranno di volta in volta messi in atto per raccogliere fondi per la nobile causa.

Anche i Primi Cittadini della vallata si sono resi disponibili offrendo la loro solidarietà e già  diverse associazioni locali hanno contributo con donazioni. 

Nei prossimi giorni a Masone sono previsti tre eventi di intrattenimento musicale che si svolgeranno in un contesto in cui funzioneranno anche stand gastronomici presso i quali sarà possibile gustare prelibatezze quali ravioli al sugo, trenette al pesto, grigliate di carne, salsicce, patatine, farinata e dolci. Il ricavato delle tre serate, ovviamente dedotte le spese, sarà interamente devoluto a favore della ristrutturazione del teatro. 

One Reply to “Masone: tre giorni di musica e gastronomia per salvare il teatro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.