AREE INTERNE E MONTANE: IN ARRIVO 21O MILIONI DI EURO PER LE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Il Governo ha varato il decreto che ripartisce, tra i Comuni delle aree interne e montane del Paese, 210 milioni di euro per il sostegno alle loro attività produttive

Sono 3.101 i Comuni beneficiari, per un totale di 4.171.667 abitanti.

Marco Bussone, presidente dell’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani (UNCEM), ha evidenziato che: “Si tratta del più grande stanziamento di risorse per le attività economiche, commerciali e artigianali – delle aree interne e montane del Paese – mai registrato negli ultimi cinquant’anni”.

Siamo di fronte a un importante provvedimento che per la prima volta premia i piccoli Comuni delle Aree interne. Questi Enti locali potranno utilizzare il contributo per sostenere economicamente piccole e medie imprese del proprio territorio, attraverso azioni di sostegno economico, anche al fine di contenere l’impatto dell’epidemia da Covid-19”, commenta a questo proposito Franco Ravera, Vicepresidente dell’Unione Montana dal Tobbio alla Colma.

Pino Coco (nella foto con la Vicesindaco ), Sindaco di Silvano d’Orba, che il 7 agosto 2020 aveva ospitato nel suo comune, a Villa Elvira, un convegno su tale argomento, ha sottolineato che: “Questa iniziativa testimonia l’attenzione crescente del Governo nei confronti delle Aree Interne. Un interesse che ci auguriamo porti a considerare, per il rilancio economico e sociale post Covid-19, anche quei territori, come il nostro, per troppo tempo dimenticati”.

Soddisfazione espressa anche da Andrea Barisone, sindaco di Molare, che ha dichiarato: “Proprio in queste settimane ben 16 comuni del territorio ovadese – alcuni dei quali beneficiari del provvedimento richiamato – si sono attivati per candidarsi, come sistema territoriale, alla Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI). Nel prossimo 2021 si aprirà il nuovo settennato amministrativo dell’Unione Europea che ricomprende anche il programma SNAI. Nel prossimo febbraio la candidatura del sistema ovadese verrà sottoposta al vaglio della Regione Piemonte e della Presidenza del Consiglio. Per ottenere l’approvazione dovrà esprimere una progettualità capace di indicare soluzioni innovative nell’ambito dello sviluppo sociale ed economico delle nostre comunità”.

L’attenzione e il provvedimento del Governo lasciano ben sperare per i momenti di confronto – organizzati in queste settimane nel territorio – tra gli attori economici, sociali e amministrativi locali.

Riunioni, molto partecipate, finalizzate alla messa a punto della candidatura del territorio ovadese, alla Strategia Nazionale per le Aree Interne, sostenuta dai seguenti Comuni: Belforte Monferrato, Bosio, Casaleggio Boiro, Carpeneto, Cassinelle, Castelletto d’Orba, Cremolino, Lerma, Molare, Montaldeo, Mornese, Ovada, Rocca Grimalda, Silvano d’Orba, Tagliolo Monferrato, Trisobbio.

Marta Calcagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.