“CIAO COME STAI? NON TI RICORDI DI ME, SONO IL FIGLIO DEL TUO PIÙ CARO AMICO”

Una truffa vecchio stile che funziona (quasi) sempre per raggirare soprattutto persone anziane o poco fisionomiste

La Polizia Stradale di Acqui Terme il 12 maggio 2021 scorso ha fermato e identificato due soggetti che nel territorio della cittadina termale avevano provato a raggirare un anziano residente con la “scusa” di essersi conosciuti in passato. Con la motivazione di essere in “zona” come ambulanti di frutta e verdura, i due hanno provato a raggirare l’anziano. L’uomo però non si è fatto trarre in inganno e dopo averli allontanati con una scusa, ha subito informato le Forze dell’Ordine, fornendo una dettagliata descrizione di entrambi i soggetti ma anche del mezzo con il quale si spostavano.

La Centrale Operativa della Sezione Polizia Stradale di Alessandria, ricevuta la notizia, ha subito diramato le informazioni fornite dal richiedente alle pattuglie dislocate sul territorio provinciale, in particolare a quelle del Distaccamento di Acqui Terme, che poco dopo fermava il veicolo segnalato e sottoponendo a controllo i due soggetti. Gli stessi venivano sanzionati, al momento, solo per le condotte amministrative accertate (codice della strada).

L’ufficio di Polizia della Polizia Stradale acquese, ha comunque sottoposto i due sospetti agli opportuni rilievi fotografici.

La redazione

La Polizia di Stato informa che, qualora qualche cittadino abbia subito un furto attraverso la tecnica della “tentata vendita” di cassette di frutta ed abbia già formalizzato la denuncia, potrà presentarsi presso qualsiasi Ufficio della Polizia di Stato in Provincia, per l’eventuale ulteriore attività di Polizia Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.